mercoledì 29 giugno 2011

Speciale Night Huntress Series...Cat, Bones & The Best Scenes!

Ciao ragazze/i!
Continua lo speciale dedicato alla saga di Cat & Bones che il nostro blog sta curando con la collaborazione di “Diario di Pensieri Persi”; in questo appuntamento vi proponiamo due delle scene più belle e significanti dei primi due capitoli di questa fantastica saga.


Prima di procedere con le nostre "Best Scenes" vogliamo mostrarvi come ci immaginiamo i nostri amati protagonisti, Cat & Bones!


Nome: Catherine Crawfield
Soprannome: Cat, Micetta, Mietitrice Rossa
Razza: metà umana e metà vampira
Caratteristiche finische: capelli rossi, occhi grigio-verdi, bellissima
Professione: Cacciatrice e agente speciale





"Sono una stronza lunatica, dalla mentalità ristretta, gelosa e con le tendenze al limite dell’omicida, e voglio che tu mi giuri che ti va bene, perché io sono così e tu sei ciò che voglio”

(Cat a Bones)




Nome: Crispin Phillip Arthur Russell III
Soprannome: Bones
Razza: vampiro
Caratteristiche finische: capelli castano scuro (anche se nel 1° libro è biondo...), occhi castani, sexy
Professione: Cacciatore e alleato di Cat 



“Se scappi da me….t' inseguirò e ti troverò….”

(Bones a Cat)



Selezionare le scene più belle non è affatto una cosa facile, perché io personalmente selezionerei quasi il 90% dei due libri... ma in questa occasione ho ritagliato una delle scene sicuramente più belle e significative della saga.

Cominciamo con il primo libro, “La Cacciatrice della Notte” … la scena che ho voluto selezionare per voi è in qualche modo la scintilla che da il via alla relazione amorosa tra Cat e Bones, ovvero… l’appuntamento in discoteca! Con la scusa di un lavoro da svolgere, Bones conduce Cat in una discoteca particolare, dove infatti ci sono tantissimi vampiri ed altre creature soprannaturali, dicendole di aspettare al bancone del bar il suo contatto, un certo Crispin, e lasciandola lì sola, mentre alcuni ragazzi ci provavano spudoratamente con lei.

✿✿✿

Aprii la bocca per rispondere ai due tipi, ma una voce nota arrivò prima di me.
“Levatevi dalle palle, mezze seghe!”
Bones incombeva minacciosamente dietro di loro, che lo guardarono spaventati prima di tagliare la corda. Scacciò la persona che sedeva accanto a me, che se ne andò senza offendersi.
“Che ci fai qui? E se arriva lui?” La mia voce era un sibilo sommesso, mentre fingevo di non guardarlo nel caso che qualcuno ci stesse osservando.
Lui si limitò a fare la sua solita, irritante risatina soffocata e mi porse la mano.
“Non ci siamo presentati, io mi chiamo Crispin”
Ignorai la mano tesa verso di me e gli sussurrai furiosa: “Non lo trovo divertente”
“Non vuoi darmi la mano vero? E’ maleducazione, la mamma non te l’ha insegnato?”
“La fai finita? Smetti di scherzare! Ho un lavoro da fare! Il vero Crispon arriverà da un momento all’altro e le tue chiacchiere lo faranno allontanare”
“Ma non sto mentendo cucciola. Il mio nome è Crispin. Crispin Phillip Arthur Russell III.”
Con ansia crescente capii che non mi stave prendendo in giro “Tu sei Crispin? Ma il tuo nome…”
“Te l’ho già raccontato. Quasi tutti i vampiri cambiano nome quando vengono trasformati. Come ti ho appena detto, quando ero un essere umano, mi chiamavo Crispin.”
“Dunque a che gioco stai giocando? Vuoi che provi ad ucciderti, è così’”
Rise, indulgente. “No, figurati. Anzi, questa è tutta opera tua”.
“Mia? Come posso avere a che fare con …” guardandomi intorno mi mancarono le parole adeguate “questo?”
“L’altra sera, quando ti lamentavi della tua vita, hai detto che non sei mai stata ad un locale solo per divertirti e ballare. Be, cucciola, eccoci. Stasera tu e io berremo e balleremo senza uccidere assolutamente nessuno. Considerala la tua serata libera. Tu sarai Cat e io sarò Crispin, e mi manderai a casa a bocca asciutta e insoddisfatto proprio come se non ci fossimo mai incontrati prima”
“E’ stato un trucco per farmi uscire con te?”
I suoi occhi si illuminarono di una luce scura e il sorriso d’intesa gli affiorò di nuovo sulle labbra.
“Però ti ho lasciato indossare le mutandine, no? Non riesci ad apprezzare neanche le piccole cose, non ce la fai. Forza piccola, finisci il drink ed andiamo a ballare. Ti prometto che sarò un perfetto gentiluomo. Almeno che tu non richieda diversamente.”
Appoggia il bicchiere al bancone “Scusa Crispin, non so ballare.”
Mi lanciò uno sguardo “Ora lo farai”.
In pratica mi trascinò in piedi, ignorando le mie proteste e i vani tentativi di liberarmi. Quando fummo ben addentrati nell’orda di volteggiatori umani e non, mi circondò la vita con un braccio, aderendo alla mia schiena da dietro in un modo molto intimo.
“Ti giuro che se ti azzardi a …” la minaccia fu smorzata dalla musica che pompava e dal rumore intorno a noi.
“Rilassati, non mordo” Ridendo della sua stessa battuta, cominciò ad ondeggiare a tempo, strusciandosi con i fianchi e le spalle.
“Forza, è facile. Muoviti con me, inizieremo piano.”
Non avendo alternative, a parte star ferma come una stupida, seguii il profilo del suo corpo, mimandone i movimenti. Aveva ragione, era facile. E maledettamente sexy. Bones mi fece voltare perché lo guardassi in faccia, continuando a tenermi per mano come se avesse paura che scappassi.
Non doveva preoccuparsi, mi stavo stranamente divertendo.
Alzai le braccia e buttai indietro la testa, cedendo alle sensazioni. Bones mi fece scorrere la mano dietro la schiena, sostenendomi un po’, e dentro di me si fece strada un impulso birichino. Era giunto il momento di una piccola, meritata vendetta. Allargai le mani sul suo petto, e lo vidi spalancare gli occhi; lo tirai a me fino a far toccare i nostri corpi e strofinargli il seno addosso. Quindi ruotai lentamente i fianchi contro di lui come avevo visto fare ad un’altra ragazza che ballava.
Bones mi strinse più forte, tirandomi a sé finchè non fummo tutt’uno.
“Avevi ragione, è facile. E io sono svelta ad imparare”.
Il mio corpo era ancora abbracciato al suo, e lo tentava. Non era certo da me, ma sembrava che qualcosa avesse preso il soppravvento. Il fervore nei suoi occhi avrebbe dovuto farmi fuggire di corsa, invece non faceva altro che allettarmi.
“Stai giocando con il fuoco micetta?”.
Mentre mi parlava direttamente nell’orecchio per farsi sentire sopra il rumore, mi sfiorò la guancia con le labbra. Mi girò la testa, i miei sensi si annebbiarono, e in risposta tirai fuori la lingua e gli leccai il collo.
Quello che era iniziato come un gioco diventava una sfida aperta, e anche una minaccia diretta. Mi leccai le labbra senza tirarmi indietro, e Bones non ebbe bisogno di ulteriori inviti.
La sua bocca si precipitò sulla mia, inclinandosi senza difficoltà, quando gemetti al primo contatto.


✿✿✿

Questa è sicuramente una delle mie scene preferite di tutto il primo libro. 
Mentre per quanto riguarda "La Regina della Notte" direi che il capitolo più bello è sicuramente il famosissimo CAPITOLO 32! Ecco un estratto.


✿✿✿

Con deliberata lentezza, Bones cominciò a sbottonarsi la camicia. Osservai apparire la sua pelle color panna ad ogni bottone slacciato. Quando ebbe finito, se la tolse e poi strappò ciascuna manica con uno strattone. Compresi il motivo di quella strana azione quando mi bendò con la stoffa. Affondai le unghie nei palmi mentre tutto diventava nero. Aveva fatto un buon lavoro. Successivamente sentii le sue mani che mi spingevano sul letto, e poi mi toglievano i vestiti fino a quando non rimasi nuda. "Non ti opporre" sussurrò Bones "Non sono abbastanza robusti da trattenerti" Risatina bassa "Lasciami lavorare". Ammanettata a questo modo, riuscivo solo a sentirlo muoversi in giro. Sembrava che fosse in bagno a rovistare negli armadietti non so alla ricerca di cosa. Stare bendata e legata nuda ad un letto era a dir poco sconcertante, ma Bones non impiegò molto tempo a tornare.


✿✿✿



E voi? Qual è la vostra scena preferita?
Siete d'accordo con i due volti che abbiamo "assegnato" a Cat & Bones?
Siamo curiose di sentire la vostra opinione!


✿✿✿


Inoltre ecco a voi un piccolo regalino: due segnalibri in tema "Night Huntress Series" realizzati da me (Kaggy) che potete stampare ed usare come volete, spero vi piacciano!

6 commenti:

  1. Ciao, non ho letto le scene che hai pubblicato come migliori per il fatto che devo ancora leggere tutti e 3 i libri che ho appena preso incuriosita dal vostro speciale, ma ti ringrazio per i segnalibri sono davvero bellissimi!!!!! grazie
    Manu

    RispondiElimina
  2. Anche a me piacciono tantissimo i segnalibri! Brava Kaggy! *___*

    RispondiElimina
  3. baby.lady kira29 giugno 2011 15:17

    bellissimi i segnalibri di Kaggy ^-^

    RispondiElimina
  4. Che bei momenti queste scene :-D
    Grazie per i segnalibri!

    RispondiElimina
  5. Per me sicuramente la scena migliore è quando Bones ritorno dopo che si pensava che fosse morto. Mamma quanto ho pianto!!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!