mercoledì 5 ottobre 2011

Recensione: "I Peccati dell'Anima" di Eve Silver


Uscito in edicola il 29/9/2011 per i Bluenocturne di Settembre "I Peccati dell' Anima" di Eve Silver, terzo capitolo della saga Otherkin dedicata ai mietitori d' anime.

Trama:
Crudele, spietato, sanguinario, Malthus Krayl è abituato a lottare per sopravvivere e a uccidere per ottenere ciò che vuole. E ora il suo obiettivo è scoprire chi ha assassinato e smembrato suo fratello Lokan. Concentrato sulla missione, non è disposto a concedersi alcuna distrazione. Finché non trova sul proprio cammino Calliope Kane. Fredda e calcolatrice come lui, fin dal primo istante l'enigmatica guerriera delle Figlie di Aset si rivela pane per i suoi denti. Per giunta accende in lui una passione bruciante, e Malthus sa che in un modo o nell'altro dovrà essere sua.


La saga Otherkin: L'Altra Stirpe è così composta:
-Sin's Daughter ( prequel, inedito in Italia )
1-Sins of the Heart ( Mietitore d' Anime, Maggio 2011 )
2-Sins of the Soul ( Anima Nera, Luglio 2011 )
3-Sins of the Flesh ( I Peccati dell' Anima , Settembre 2011)
4-Body of Sin ( inedito in Italia )

Cover originale Americana:

La mia opinione:


Terzo e penultimo capitolo della saga “I Peccati dell’ Anima” incentrato sul mietitore d’ anime Malthus Krayl e la Figlia di Aset Calliope Kane: per chi non la ricordasse, è la mentore di Roxy Tam e quindi come lei, ci viene presentata nel primo libro della serie.
Per i tre fratelli continua la disperata ricerca dei resti del corpo e dell’ anima di Lokan: il fratello brutalmente assassinato all’ inizio del primo romanzo. Mal, al contrario dei suoi fratelli, ha ormai perso le speranze di poter ricongiungere corpo e anima di Lokan e riuscire così a riportarlo in vita, ormai è spinto solo dal desiderio di vendetta e dalla necessità di scoprire l’ identità della mente dietro l’ assassinio.
Per la prima volta verrà approfondito il mondo delle Figlie di Aset, attraverso Calliope si scoprirà quanto siano severamente strutturate e il vero significato della frase “ per il bene di molte”, frase che le tre Matriarche a capo della Guardia Asetiana sembrano amare profondamente (anche troppo).
Distintivo per questa saga è il carattere originale e intrigante del mondo alla base dei romanzi, che insieme alle vicende dei protagonisti, rende la lettura piacevole, interessante e mai noiosa.
Anche in questo terzo capitolo succedono molte cose e a volte troppo in fretta, col conseguente rischio che la storia sia sì avvincente, ma a tratti un po’ caotica e poco chiara.
La coppia Mal-Callie è alquanto buffa e stranamente perfetta, per questo divertente: lei è fredda, una spietata calcolatrice, con sbalzi di umore tutti suoi che la fanno sembrare fragile, mentre lui è un determinato(testardo) assassino di anime nere, a volte quasi ingenuo, con uno strano senso dell’ umorismo e che beve miele come fosse acqua.

Voto: 4 stelline

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!