sabato 21 gennaio 2012

Recensione: "L'ombra della verità" di Karin Slaughter

"L'ombra della verità" 
di Karin Slaughter

 
TRAMA: Alcune giovani donne di Atlanta sono morte per mano di un killer che firma la sua opera con un unico agghiacciante atto di mutilazione. La polizia scatena una caccia frenetica, guidata da un detective con una lunga esperienza: lui si chiama Michael Ormewood e deve risolvere al più presto il caso, anche se il suo matrimonio sta vacillando e il temperamento esplosivo ne sta minacciando la carriera. Si aggiunge anche Angie Polaski, una poliziotta sexy ed ex amante di Michael, e un ex galeotto che si mette per caso sulle tracce del killer e che potrebbe diventare la chiave risolutiva del caso.


Piccola premessa: eccomi pronta ad inaugurare un nuovo spazio sul blog. Visto che di urban fantasy ne avevo “pochi” da leggere, la cara Buffy, ha pensato bene di “rifilarmi” anche la lettura di un altro genere: i thriller. In realtà non è che mi abbia dovuto pregare più di tanto, i thriller sono una mia vecchia passione e ne posseggo già un discreto numero. E se proprio devo dirla tutta prima degli urban, c’erano loro al primo posto nelle mie preferenze. L’occasione è arrivata con la nuova casa editrice “Timecrime”: complimenti a loro, che per un prezzo molto competitivo, ti permette di acquistare un’edizione curata con tanto di copertina rigida e che nella scelta degli autori da pubblicare, si dimostra interessata a diversi stili.

Ed ora.... il mio commento:

Cosa dire di questo libro? Era tempo che non leggevo un thriller così, capace di prenderti dall’inizio alla fine nonostante le 500 e passa pagine da cui è composto. E’ scritto in terza persona ma i continui cambi di punti di vista, ti permettono di avere una visione completa di ciò che accade ed è accaduto seppur all’inizio, tale scelta, mi abbia quasi confusa. Non mancano vari flashback dei personaggi principali, perché è vero che si tratta di indagini ambientate al presente, ma il passato conta.. eppure tanto! Complimenti all’autrice per come riesce, nonostante una trama veramente ben architettata, a far tornare tutti i pezzi del puzzle. Niente e nessuno si trova lì per caso, ed alla fine ogni cosa, ogni persona, è collegata alle altre. Il protagonista di questa trilogia, Will Trent, inizia a farsi spazio nella vicenda piano piano, ma promette interessanti sviluppi visto che, dato il suo passato, possiede una personalità piena di ombre, che non sempre gli potrebbe far fare la cosa giusta. Interessante anche Angie e il rapporto difficile che la lega a Will. In ogni caso chi mi ha colpito di più, è stato John Shelly, per quello che ha passato e quello che deve passare: là dove la sua vita dovrebbe in qualche modo ricominciare, ecco che ciò che ha fatto ritorna, per continuare a tormentarlo, in una partita che sembra già persa in partenza. Quando capisci bene chi è, non puoi fare a meno di tifare per lui…. Inoltre, mi è piaciuto proprio tanto il modo in cui la Slaughter ti fa conoscere il detective Michael Ormewood, all’inizio te lo fa sembrare in un modo che poi stravolge completamente. Brava davvero!!! Insomma un thriller da leggere che penso proprio non vi deluderà, dove non è tanto importante l’assassino, ma tutto il contorno.

Il mio voto: 


6 commenti:

  1. la trama è interessante, forse perchè già la parola serial killer almeno a me suscita una gran curiosità perchè c'è sempre qualcosa di "psicologicamente complesso" sotto che inevitabilmente incuriosisce.
    La recensione mi invoglia a leggerlo, mi piacciono i romanzi dal ritmo incalzante, con personaggi ben definiti e coinvolgenti...!!
    me lo segno!!!!!

    :)))

    RispondiElimina
  2. un libro interessante..grazie per la recensione

    RispondiElimina
  3. mmmmh 500 pagine di godibilità...
    allora se pò fà!

    RispondiElimina
  4. Ciao! Ho premiato il tuo blog con il Versatile Blogger Award, ecco il link del post:
    http://ilghirigorodidiagonalley.blogspot.com/2012/01/versatile-blogger-award.html

    LagunaBlu
    http://ilghirigorodidiagonalley.blogspot.com/

    RispondiElimina
  5. non leggo un bel thriller da un sacco di tempo...credo proprio che lo metterò in lista

    RispondiElimina
  6. Dopo questa recensione mi sono definitivamente convinta... è da un'oretta che vago sul web per cercare informazioni su questa Autrice (non sapevo avesse già pubblicato così tanto in Italia O.O). Adoro i thriller, soprattutto quelli che sono diverse avventure di medesimi protagonisti! Questo è già in wish list... così come farò con il resto della serie. Grazie! ^^

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!