martedì 3 gennaio 2012

Recensione "Sulle ali di un angelo" di Becca Fitzpatrick

Viva le vacanze di natale, che mi permettono di leggere più tranquillamente e speditamente del solito. Perchè finalmente sono riuscita a mettermi in pari con la lettura di una delle mie saghe YA preferite, ovvero la Hus Series di Becca Fitzpatrick, con il suo terzo libro della saga "Sulle ali di un angelo".

Avevamo lasciato i nostri due protagonisti, Nora , figlia del capo dei Nephilim "la Mano Nera", e Patch, angelo caduto, finalmente riuniti dopo una serie di drammatiche vicissitudini, che avevano sempre più compromesso la loro storia d'amore. Finalmente riconcigliati i due, "Angeli nell'ombra" si concludeva con il rapimento di Nora da parte del suo stesso padre, la Mano Nera; e questo terzo volume prende il via proprio da questo momento cruciale.
Nora si risveglia tre mesi dopo il suo rapimento in un cimitero nel cuore della notte, senza ricordarsi assolutamente nulla.

Cosa le è successo nei mesi di prigionia? Chi è stato a rapirla? Perchè tutti sembrano nasconderle qualcosa?
Anche il ricordo del bel e misterioso Patch è scomparso dalla sua mente, ma la ragazza non demorde ed inizia ad investigare per conto suo sugli avvenimenti che non ricorda.


Le prime 150 pagine del libro vertono principalmente sui ricordi dimenticati di Nora, ed io, personalmente, le ho vissute nel più profondo panico! La Fitzpatrick è riuscita a trasmettermi tutta l'ansia della ragazza, facendomi fremere ed aspettare con impazienza il momento fatidico in cui la ragazza avrebbe finalmente ricordato e rincontrato Patch ... ah, che ansia! La storia riesce nel contempo a non perdere intensità, e molti misteri vengono svelati nel corso delle pagine. Anche una vecchia conoscenza di Nora, il vecchio amico Scott Pranell, ritorna sulla scena, e finalmente si riscatta alla grande, aiutando la ragazza nel ricostruire il puzzle degli eventi.

E’ arrivato il momento che a lungo Nora e Patch hanno cercato di rimandare, quello in cui è necessario affrontare i segreti nascosti nell’oscuro passato di Patch, ricongiungere due mondi inconciliabili, decidere se cedere al tradimento oppure alla fiducia.
E il tutto in nome di un amore che trascende i confini fra cielo e terra.

Devo dire che questo libro mi è piaciuto moltissimo!
Dopo una leggera delusione alla fine di "Angeli nell'ombra", che soffre delle tipiche perché dei secondi volumi delle saghe, la Fitzpatrick riesce a risollevarsi alla grande in questo terzo volume. La storia è intensa, misteriosa ed intrigante. Personalmente non ho trovato nessuna parte pesante o superflua, anzi, ho vissuto in prima persona tutta la drammaticità della lontananza e del dolore tra Patch e Nora. Le scene tra i due ragazzi sono sempre intense e piene d'amore e mi hanno davvero emozionato. Non vedo l'ora di leggere il prossimo ed ultimo volume della saga.


Il mio voto:
e mezzo

5 commenti:

  1. Concordo con te!!! è bellissimo,credo di non avere letto saga migliore!(fino ad ora). Ho vissuto anche io in prima persona ogni singola scena di questo libro,niente da dire!! semplicemente fantastico!!!

    RispondiElimina
  2. Bene visto che lo devo iniziare... ^_^

    RispondiElimina
  3. è il libro più bello che io abbia mai letto!!!

    RispondiElimina
  4. Riassunto molto entusiasmante. SARÀ IL PROX LIBRO!

    RispondiElimina
  5. L'ho adorato!!!!!!! non vedo l'ora del seguito... questo libro mi ha emozionato in ogni pagina... la parte dell'amnesia è spettacolare, mi viene voglia di arrabirami come Nora quando cerca di ricordare e non ce la fà! tutti i fatti poi sono spettacolari e la fine mi ha lasciata senza fiato e con ancora più voglia di leggere il finale

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!