giovedì 10 maggio 2012

Doppia Recensione: "Il gioco si fa duro" di Chloe Neill


"Il gioco si fa duro"
di Chloe Neill


La Trama:
Sono tempi duri per Merit, la vampira appena nata. Da quando i mutaforma hanno annunciato al mondo la loro esistenza gli umani hanno iniziato a manifestare contro gli esseri sovrannaturali, e si sono accampati fuori dei cancelli della Cadogan House, brandendo cartelli di protesta che in ogni momento potrebbero tramutarsi facilmente in forconi.
Il sindaco di Chicago fa chiamare Merit e Ethan per un incontro segreto, e li informa di un presunto violento attacco da parte di vampiri che ha provocato la scomparsa di tre ragazze. Il messaggio è semplice: "Metti ordine nella tua casa. Altrimenti..."
Così Merit si ritrova nel cuore dell'oscura società sovrannaturale di Chicago,
un mondo di vampiri che sembrano pronti a far avverare le peggiori paure degli umani, e dove imparerà che non puoi essere un vampiro senza sporcarti le mani di un po' di sangue...



E questa volte a commentare la lettura siamo in due!


L'opinione di Raffaella


Letto e finito, rimanendo praticamente con gli occhi sgranati e una espressione ebete per almeno qualche secondo !!!
Devo dire che proprio non me lo aspettavo, guarda un po' cosa mi ha combinato la Neill!!
Sono rimasta assolutamente spiazzata e anche adesso che l'ho finito da poco non riesco ancora a crederci!
Ovviamente non scriverò il motivo di tutto questo mio sbigottimento ma vi posso assicurare che il finale non è col botto... ma DI PIU'!!! 
Forse potrebbe addirittura causare qualche problema a chi è debole di cuore  ;).
Ecco come  rinvigorire in una riga una storia altrimenti troppo lineare (eccezion fatta per diversi tasselli che vengono finalmente messi a posto).
Durante tutta la lettura, nonostante continui a lodare la capacità di coinvolgerti dell'autrice (è veramente brava), iniziava ad insinuarsi in me una certa insoddisfazione per il ripetersi degli eventi. Non era possibile che dopo quattro libri la cattiva fosse sempre lì, pronta a mettere i bastoni tra le ruote a Merit e Ethan. Isomma quando è troppo e troppo!. A tutto ciò si univa una storia con poca azione ed un evolversi del rapporto tra i due protagonisti eccessivamente frustrante. Va bene che loro sono vampiri ed hanno un'eternità davanti, ma io da povera "mortale" quanto dovrei/potrei aspettare ??!! Ecco ero esattamente immersa in queste riflessioni quando è accaduto l'inimmaginabile. Sfido chiunque a poterlo solo sospettare! La domanda a questo punto è una sola..... e ora come potrà mai stupirmi la mente della Neill ?????!!!!!! 
Qui rischio seriamente una "crisi da saga" se non verrà pubblicato al più presto il seguito.
Ovviamente non posso che continuare a consigliarla a tutti.


Il mio voto:      piene, proprio per il finale. 


L'opinione di ZizaSabry

(ATTENZIONE CONTIENE SPOILER!!!!!)

 Siamo arrivati al quarto capitolo della serie Vampiri di Chicago che ha come protagonisti Merit, la sentinella neo vampira del Casato Cadogan e il suo Maestro, l’affascinante vampiro ultracentenario Ethan Sullivan . Piccolo accenno su come ci eravamo lasciati: nel precedente libro ci siamo destreggiati tra mutaforma, pericolosi rave party, una bellissima notte d’amore tra i nostri protagonisti con relativa retromarcia da parte di lui (personalmente …..mi ha fatto leggermente alterare) e il capo dei mutaforma Gabriel costretto, dopo l’assalto al Casato da parte di alcuni traditori, a rivelare al mondo l'esistenza della sua "razza".
La storia si presenta scorrevole e avvincente, la Neill ha un modo di scrivere che mentre la leggi sembra quasi di vedere un film. Ha la capacità di descrivere luoghi e personaggi senza cadere in descrizioni inutili e ripetitive, i dialoghi sono frizzanti e si avvertono le scintille quando hanno per protagonisti le coppie presenti Merit/Ethan, Luc/Lindsey e Mallory/Catcher.
Ritroviamo alcuni personaggi dei libri precedenti: il nonno di Merit che io adoro, Jeff il mutaforma mago del pc, Malik il silenzioso e fedele secondo di Ethan, Mallory l’amica maga e il suo fidanzato Catcher, Jonah capitano del Casato Grey, che lasciati i panni della comparsa entra a pieno titolo nell' evolversi della trama. Tra i nuovi conosceremo Darius, membro del Pg che mette sotto amministrazione controllata il Casato e soprattutto Ethan e McKetrick un ex militare a capo di una milizia che odia i vampiri.
In questo libro troveremo molte risposte alle domande irrisolte dei libri precedenti, Merit arriverà alla resa dei conti con diverse persone (in primis la cara Celina e l’insospettabile sindaco Tate), per arrivare ad un scontro finale da fuochi artificiali ma molto doloroso per la protagonista e tutte noi lettrici…….e non aggiungo altro.

Il mio voto: in realtà sono molto combattuta perché la trama è molto bella e mi ha appassionato talmente tanto che volevo darle 4 stelline e ½, ma poi quando sono arrivata al finale, mi ha lasciato talmente basita e in lacrime che ho deciso di abbassare il mio voto di un punto quindi...3 stelline e 1/2.

Voglio essere fiduciosa verso il prossimo libro sperando che la Neill risponda al mio interrogativo in modo positivo …………incrocio le dita



3 commenti:

  1. bella l'idea della doppia recensione complimenti

    RispondiElimina
  2. bellissima veramente l'idea della doppia recensione. Grazie ragazze per tutto quello che fate ^_^

    RispondiElimina
  3. Oddio ho appena finito di leggere libro e sono scioccato piango a diritto ma davvero e morto o poi riuscita con qualche magia oscura? E l'attore principale non può morire!!! Rispondetemi

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!