martedì 15 maggio 2012

Recensione: "Real Murders Il club dei delitti irrisolti" di Charlaine Harris

"Real Murders Il club dei delitti irrisolti"
di Charlaine Harris

La Trama:
Una serie di assassinii, modellati a imitazione di altrettanti omicidi celebri, si verifica nella piccola comunità di Lawrenceton. La ventottenne Aurora (Roe) Teagarden, di professione bibliotecaria, fa parte del club Real Murders, un gruppo di 12 appassionati che si riuniscono mensilmente per studiare crimini famosi, sconcertanti o irrisolti. Poco prima che la riunione mensile abbia inizio, Roe scopre il corpo massacrato di un membro del club, e si rende conto che il modo in cui la vittima è stata uccisa imita quello usato proprio nell'omicidio riguardo al quale lei avrebbe dovuto parlare quella sera... improvvisamente la sua vita di investigatore da salotto assume una macabra connotazione reale. Una trama ingegnosa e una sufficiente quantità di sangue sparso servono a far divorare le pagine di questo romanzo.


Il mio commento:

Iniziamo anche questa nuova collana della Delos, questa volta niente di paranormale ma un giallo nel vero senso del termine.
Il romanzo è scritto dalla famosa Charlaine Harris e devo dire che l'ho trovata molto capace anche in questo caso (se non sbaglio è una delle sue prime opere).
Abbiamo una nuova protagonista  Aurora Teagarden molto umana nella sua normalità. Magari esageratamente calata nel suo ruolo di bibliotecaria e forse alquanto stereotipata nelle fattezze fisiche, ma risulta comunque simpatica: giovane (28 anni), single, anonima, poca considerazione di se'. Almeno fino a quando non trova il primo cadavere, infatti da lì in poi si scoprono altre sue caratteristiche, tra cui l'arguzia e il coraggio. Diventa anche improvvisamente interessante agli occhi di ben due uomini con cui lei civetterà un po,' senza in realtà prendere una decisione. La parte sentimentale svolge comunque un ruolo secondario, i protagonisti in realtà sono solo loro: gli omicidi!. La scrittrice è in grado di guidarci passo passo verso la risoluzione del caso seminandoci diversi indizi e soprattutto facendoci sospettare di diverse persone. Lo fa in prima persona proprio attraverso le parole della protagonista, con uno stile fresco, coinvolgente e mai noioso. Tutti i personaggi che incontriamo sono davvero ben caratterizzati e  se penso che questo è il primo di una serie, non posso che esserne contenta. Ovviamente il romanzo si concluderà con la scoperta dell'assassino.
Se avete voglia di una lettura semplice ma non per questo meno interessante, che vi lasci soddisfatti e vi faccia trascorrere qualche ora, ecco il libro per voi.




2 commenti:

  1. ho divorato il ciclo di sookie e sono molto tentata da quest'altro acquisto...
    ho solo paura di sviluppare una nuova dipendenza!

    RispondiElimina
  2. ...io sono già harris-dipendente

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!