martedì 31 luglio 2012

Recensione: "Chi è Mara Dyer" di Michelle Hodkin

Quando ho cominciato a leggere questo libro, non avevo ben chiaro a che genere di storia mi stessi avvicinando. Avevo paura di imbattermi nel tipico romanzo YA pieno dei soliti cliché, senza nulla di originale, piatto e monotono.

Lasciatemi dire che, con mia grandissima sorpresa, Chi è Mara Dyer  (The Unbecoming of Mara Dyer), il primo romanzo di Michelle Hodkin, è un libro interessante, intenso, e per nulla noioso.

"Distolsi lo sguardo e riuscii perfino a sorridere. Anche Claire sorrise. Rachel infilò il DVD e spense le candele. Sei mesi dopo erano morte tutte e due"

Dopo un tragico incidente che ha causato la morte di tre giovani ragazzi, Mara, unica sopravvisuta all'accaduto, si trasferisce con tutta la famiglia a Miami, per cercare di superare lo shock che ha tolto la vita alla sua migliore amica,e per riprendere a vivere in maniera normale.
Difficile, ricominciare a vivere, quando il tuo cervello ti regala incubi ed allucinazioni vividissime, portandoti a credere di aver completamente perso la ragione e ad essere diventata pazza.

Se poi ci aggiungiamo un magnetico ragazzaccio misterioso, bello in modo illegale e pericoloso per il cuore della nostra protagonista, capiamo che i problemi di Mara non hanno solo a che fare con la sua delicata situazione mentale. Nonostante Noah le ronzi sempre attorno, e Mara non riesca mai ad evitare di sentirsi attratta dal giovane coetaneo, le immagini di morte non smettono di ossessionarla: le basta pensare intensamente, desiderare con tutto il cuore, che una persona muoia, che quella poco dopo viene ritrovata cadavere.

Sono solo coincidenze terrificanti, sintomi della pazzia che avanza o c'è qualcosa di più, dietro alle morti che circondano Mara Dyer?

La storia, scritta in uno stile scorrevole e dinamico, è piena di colpi di scena, situazioni romantiche ed enigmi che spingono il lettore ad interrogarsi molto spesso sulla reale natura della protagonista. Michelle Hodkin tiene in piedi la storia in maniera magistrale , alternando situazioni da cardiopalma, in cui il confine tra reale ed immaginario è molto speso non delimitato, a momenti di sorprendente dolcezza, in cui Mara e Noah si scoprono l'un l'altro, in un turbinio di situazioni provocanti, assurde ed anche divertenti. Sebbene la storia d'amore possa risultare sicuramente nei soliti standard al cui il genere Ya ci ha ormai abituato, devo dire che non ho assolutamente trovato pesante, o monotona, la storia tra Mara e Noah.
 
Come dice il titolo stesso, chi è veramente Mara Dyer? Me lo sono chiesta molto spesso, leggendo le pagine del libro ed immergendomi nella storia raccontata dalla Hodkin, ma una vera risposta a questa domanda non viene mai data. Ho fatto alcune ipotesi, che spero vengano chiarite nel prossimo volume di questa bellissima trilogia, intitolato The evolution of Mara Dyer, in uscita ad Ottobre in America.
Se siete appassionati del mistero, condito di una piccola dose romantica e sovranaturale, questo è proprio il libro che fa per voi.


2 commenti:

  1. L'ho terminato proprio ieri sera! Sono rimasta anch'io molto sorpresa da questa lettura, ero partita con aspettative piuttosto alte, sebbene brancolassi nel buio sulla trama effettiva, e devo dire che non sono rimasta per niente delusa, anzi. La storia mi è sembrata piuttosto originale, diversa dai soliti YA, e questo per me è stato stra positivo. Mara è una protagonista nuova, è fragile, ma non per questo debole. E' una tipa tosta, mi è piaciuta! E Noah... be', anche lui non è male :D
    Non vedo l'ora di leggere i seguiti, ci sono ancora molte cose da scoprire, e il finale lascia di sasso!

    RispondiElimina
  2. Questo libro è tra le mie prossime letture... e ho letto un sacco di recensioni abbastanza positive! Non vedo l'ora di leggerlo (:

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!