martedì 31 luglio 2012

Recensione: "Chi è Mara Dyer" di Michelle Hodkin

Quando ho cominciato a leggere questo libro, non avevo ben chiaro a che genere di storia mi stessi avvicinando. Avevo paura di imbattermi nel tipico romanzo YA pieno dei soliti cliché, senza nulla di originale, piatto e monotono.

Lasciatemi dire che, con mia grandissima sorpresa, Chi è Mara Dyer  (The Unbecoming of Mara Dyer), il primo romanzo di Michelle Hodkin, è un libro interessante, intenso, e per nulla noioso.

"Distolsi lo sguardo e riuscii perfino a sorridere. Anche Claire sorrise. Rachel infilò il DVD e spense le candele. Sei mesi dopo erano morte tutte e due"

Dopo un tragico incidente che ha causato la morte di tre giovani ragazzi, Mara, unica sopravvisuta all'accaduto, si trasferisce con tutta la famiglia a Miami, per cercare di superare lo shock che ha tolto la vita alla sua migliore amica,e per riprendere a vivere in maniera normale.
Difficile, ricominciare a vivere, quando il tuo cervello ti regala incubi ed allucinazioni vividissime, portandoti a credere di aver completamente perso la ragione e ad essere diventata pazza.

Se poi ci aggiungiamo un magnetico ragazzaccio misterioso, bello in modo illegale e pericoloso per il cuore della nostra protagonista, capiamo che i problemi di Mara non hanno solo a che fare con la sua delicata situazione mentale. Nonostante Noah le ronzi sempre attorno, e Mara non riesca mai ad evitare di sentirsi attratta dal giovane coetaneo, le immagini di morte non smettono di ossessionarla: le basta pensare intensamente, desiderare con tutto il cuore, che una persona muoia, che quella poco dopo viene ritrovata cadavere.

Sono solo coincidenze terrificanti, sintomi della pazzia che avanza o c'è qualcosa di più, dietro alle morti che circondano Mara Dyer?

La storia, scritta in uno stile scorrevole e dinamico, è piena di colpi di scena, situazioni romantiche ed enigmi che spingono il lettore ad interrogarsi molto spesso sulla reale natura della protagonista. Michelle Hodkin tiene in piedi la storia in maniera magistrale , alternando situazioni da cardiopalma, in cui il confine tra reale ed immaginario è molto speso non delimitato, a momenti di sorprendente dolcezza, in cui Mara e Noah si scoprono l'un l'altro, in un turbinio di situazioni provocanti, assurde ed anche divertenti. Sebbene la storia d'amore possa risultare sicuramente nei soliti standard al cui il genere Ya ci ha ormai abituato, devo dire che non ho assolutamente trovato pesante, o monotona, la storia tra Mara e Noah.
 
Come dice il titolo stesso, chi è veramente Mara Dyer? Me lo sono chiesta molto spesso, leggendo le pagine del libro ed immergendomi nella storia raccontata dalla Hodkin, ma una vera risposta a questa domanda non viene mai data. Ho fatto alcune ipotesi, che spero vengano chiarite nel prossimo volume di questa bellissima trilogia, intitolato The evolution of Mara Dyer, in uscita ad Ottobre in America.
Se siete appassionati del mistero, condito di una piccola dose romantica e sovranaturale, questo è proprio il libro che fa per voi.


sabato 28 luglio 2012

Recensione "Nuova Vita" di Dilhani Heemba

Ero molto curiosa di leggere questo secondo volume della mini serie "Nuova Terra" di Dilhani Heemba, ed appena ho avuto tra le mani la mia copia, è stato davvero difficile resistere alla tentazione di immergersi tra le pagine di Nuova Vita.
Non ho resistito e mi ci sono tuffata quasi subito. Con un bel salto mortale, triplo carpiato!

La fine di Nuova Terra mi aveva letteralmente lasciata con il fiato sospeso. Dopo lacrime e lacrime versate per il terribile destino abbattutosi sulla nostra Shay, il libro si concludeva con un piccolo spiraglio di speranza.
Attanagliata tra il senso di dovere verso il suo popolo ed il ruolo di neo-mamma, Shayl'n Til Lech, andrà contro tutto e tutti pur di scoprire se il suo consorte, Ahilan Dahaljer Aadre, è ancora vivo.

L'idea che mi ero fatta sullo stile di scrittura di Dilhani Heemba, sul mondo e sui personaggi da lei inventati, ha avuto pienamente conferma dalla lettura di questo libro. Per quanto possa essere un parere personale, ho avuto l'impressioni di trovarmi davanti alla versione italiana di Jacqueline Carey. La storia travagliata, le continue vicissitudini della nostra Shay, l'intreccio mai scontato e noioso, mi hanno ricordato, seppure con le dovute differenze ed originalità, la famosissima saga di Phedre nó Delaunay.
è impossibile non rimanere coinvolti, spiazziati, emozionati e sorpresi dalla trama di Nuova Vita.

Questo libro, come il precedente, mi ha ricordato la terribile e devastante forza dell'amore. Perchè l'amore non vuol dire semplicemente amare, ma accettare anche i cambiamenti, far fronte alle difficoltà che la vita ci pone d'avanti, senza perdere mai la speranza.

" C'è una cosa che ho imparato: la vita non sempre ti dà quello che desideri e a volte ti toglie moltissimo. Tuttavia, a volte, ti può dare molto di più. "

Mi vengono in mente molte scene del romanzo da volervi raccontare, ma rischierei senza dubbio di lasciarmi cadere in qualche spoiler. Posso solo dirvi che accadrà di tutto e di più, e sarà solo con grande forza di volontà che riuscirete a staccarvi da questo libro, prima di giungere alla fine.

è doveroso quindi dirvi che questo libro mi è davvero piaciuto! Credo sia un vero peccato non vedere la saga di Dilhani Heemba negli scaffali di qualsiasi libreria.Un autrice che meriterebbe sicuramente di essere pubblicata da qualche casa editrice.


Per tutte le informazioni su come acquistare il libro, cliccate qui



giovedì 26 luglio 2012

Recensione "Un sospiro nel vento" di Laurell K. Hamilton

Uscito nelle librerie italiane il 31 Maggio 2012 per la Nord  " Un sospiro nel vento" è l' 8° libro della serie di Merry Gentry di Laurell K. Hamilton.


Trama:
Sono Meredith Gentry, principessa di Faery. Da quando ho lasciato il mondo degli umani, sono stata costantemente in pericolo di vita: prima a causa di mio cugino Cel, che voleva eliminarmi per diventare l’unico erede della Corte Unseelie; poi per via di mio zio Taranis, sovrano della Luce e delle Illusioni, che ha cercato di uccidere me e le mie guardie del corpo. Ecco perché, ora che sono incinta, ho deciso di rinunciare al trono e di tornare a Los Angeles, dove sarò al sicuro. Questo però non significa che io abbia voltato le spalle al mio popolo. E, infatti, quando la Grey Detective Agency mi ha chiesto di tornare a lavorare come investigatrice del soprannaturale, ho accettato senza esitare. Soprattutto perché le vittime del caso su cui stanno indagando sono dodici demi-fey, trovati con la gola squarciata su una collina fuori città. Alcuni miei colleghi credono sia opera di finti-elfi uomini che si sono sottoposti a interventi di chirurgia estetica per somigliare a elfi, tuttavia io so che non è così: le ferite sono state inferte con un pugnale magico, un pugnale che può essere usato solo da un killer di Faery. E io adesso ho paura che quell’assassino sia venuto per me...


La serie di Merry Gentry è così composta:


1-Un bacio nell'ombra
2-Il tocco della notte
3- Sedotta dalla luna
4-Nel cuore della notte
5-Il bacio della tempesta
6-Un soffio di gelo
7-Lacrime di tenebra
8-Un sospiro nel vento
+ altri a seguire


La mia Opinione:

Ottavo ma non ultimo libro della saga di Merry Gentry, "Un sospiro nel vento" a mio parere non regge il confronto con i precedenti, forse perché mi ero abituata a una situazione piena di pericolo, dove gli avvenimenti erano in rapida successione e l'adrenalina era alta; ma ho trovato il libro poco interessante e poco avvincente, sia per la trama principale che per il contorno, e a fine libro non sembra essere successo praticamente nulla di nuovo e rilevante  nella storia generale, mentre mi ero abituata a colpi di scena davvero belli.
Merry è sempre circondata da tutte le sue guardie del corpo/amanti e finalmente è di nuovo con noi il mio amato Frost, che purtroppo, insieme a Doyle, non ha tutto lo spazio che meriterebbe; mentre conosciamo meglio qualche altro personaggio e scopriamo definitivamente che non esiste un singolo sidhe che non abbia gravi problemi socio-comportamento-emozionali ( qui serve uno psicologo di gruppo ).
Interessanti sono invece gli sviluppi e le scoperte su Barinthus e qualche nuova conoscenza, mentre, ammetto di essere apertamente di parte, avrei preferito che tra la ventina di amanti della principessa ci venissero descritte le attività sotto le lenzuola di altri rispetto a quelli scelti ( si salva solo Sholto ).
In sintesi il libro è scorrevole e ben scritto, come tutti gli altri, ma benché carino non mi ha preso come gli altri e arrivati all'ottavo non si intravede ancora la fine della saga e non si capisce più la direzione che prenderà la serie per arrivare alla conclusione.
Aspetto comunque il prossimo per sapere cosa succederà a Merry e ai vari padri.






mercoledì 25 luglio 2012

I Bluenocturne di luglio: "Demon's Desire" di Gena Showalter e "Un morso è per sempre" di Michele Hauf


Ecco i Bluenocturne in edicola questo fine settimana!


Per le affezionate lettrici di Gena Showalter finalmente è in arrivo il 9° libro della serie "Lords of Underworld", ovvero il libro dedicato a Paris! Chi lo stava aspettando?




Titolo: Demon's Desire
Autrice: Gena Showalter
BlueNocturne n° 67
Disponibile in edicola: 27 Luglio 2012


I Signori degli Inferi: seducenti guerrieri immortali, legati da un'antica maledizione che nessuno è mai riuscito a infrangere...


Un guerriero terribilmente sexy... Una donna condannata a vivere per ferire...


Custode del demone della Promiscuità, Paris è dotato di un fascino irresistibile che è anche la sua condanna. Perché se non fa sesso ogni notte con una donna diversa rischia di morire. Prima di conoscere Sienna non ha mai permesso che il desiderio si mescolasse con l'amore. Eppure l'ex Cacciatrice, un tempo sua acerrima nemica e poi sua amante, è riuscita a smuovere qualcosa nel suo cuore indurito. E pur sapendo che non potrà mai essere sua, Paris è disposto a tutto per salvarla dall'orribile destino a cui Crono l'ha condannata. Anche a scatenare una guerra tra angeli e demoni.




Titolo: Un morso è per sempre
Autrice: Michele Hauf
BlueNocturne n° 68
Disponibile in edicola: 27 Luglio 2012


Con le nozze tra Blu Masterson, principessa dei licantropi, e Creed Saint-Pierre, capo di una delle più antiche tribù dei vampiri, il Consiglio delle Nazioni della Luce e delle Tenebre intende porre fine alla guerra che dilania da sempre le due specie. Nessuno dei due sposi, tuttavia, è entusiasta di quell'unione, e benché suo marito sia attraente e molto, molto sexy, Blu è decisa a non permettergli di consumare il matrimonio marchiandola con il suo morso. Anche se Creed risveglia in lei i desideri più sfrenati. Ma quando scopre che i licantropi tramano per distruggere tutti i vampiri, compreso il suo, è costretta ad ammettere che a poco a poco l'attrazione tra loro si è trasformata in qualcosa di più profondo. E allora deve scegliere: sarà ancora una volta una pedina nelle mani del branco, o accetterà il morso del succhiasangue che ha imparato ad amare?





Shadowhunters Il Film : viaggio verso la pellicola!

Quest'oggi per la nostra rubrica Ciak, ci interesseremo di un film atessissimo, che uscirà nell'estate 2013, intitolato THE MORTAL INSTRUMENTS, ovvero la trasposizione cinematografica della saga Shadowhunters di Cassandra Clare.


I fan più accaniti saranno già a conoscenza dei rumors e delle notizie più succose che in questi mesi sono circolate per il web, ma per chi non fosse ancora venuto a conoscenza degli attori scelti per interpretare i nostri bienamini , ecco a voi un breve riassunto, davvero imperdibile.

 Lily Collins as Clary Fray: Classe 1989, figlia d'arte del famoso musicista britannico Phil Collins, sarà lei la protagonisista che, nei panni della giovane e coraggiosa Clary, ci condurrà nell'oscuro mondo degli Shadowhunters. Recentemente apparsa nel ruolo di Biancaneve, ha recitato nella famosa pellicola cinematografica al fianco della stupenda Julia Roberts, convincendo la maggior parte dei fans di TMI, per il suo modo di recitare e la sua bella presenza scenica.


Jamie Campbell Bower as Jace Wayland: L'amato, misterioso ed indecifrabile protagonista di questa serie, Jace, sarà interpretato da Jamie Campbell, che i più ricorderanno di aver già visto nel ruolo di Caius, nella Twilight Saga, e nella mini serie televisiva "Camelot", dove interpretava King Arthur.




Robert Sheehan ad Simon: Avete presente Nathan Young della famosa serie televisiva "Misfits"? Esatto, proprio lui vestirà il ruolo di Simon, il miglior amico, e forse qualcosa di più, della nostra bella Clary. Sono veramente motlo soddisfatta di questa scelta! Robert è un bravissimo attore.

Jemima West as Isabelle Lightwood: Bellissima ed incantevole, Jemima si preannuncia una Isabelle coi fiocchi. Personalmente non ho mai visto all'opera questa giovane attrice, ma se avete guardato la serie televisiva "I Borgia", l'avrete sicuramente già conosiuta.


Godfrey Gao as Magnus Bane: Affascinante, Canadese dai tratti orientali, ecco a voi il bellissimo Godfrey Gao, che interpreterà lo stregone Magnus Bane. Che aggiungere su di lui? Mi piace un sacco!
Lena Headey as Jocelyn Fray: Direttamente dalla serie "Il trono di Spade", ecco a voi la nostra Cersei, che nel film TMI interpreterà Jocelyn, la madre di Clary. è un attrice veramente fenomenale, che non vedo l'ora di vedere sul grande schermo!
Jared Harris ad Hodge: Quest'uomo vi ricorda per caso il professor Moriarty? Esatto, proprio lui, che nell'ultimo film di Sherlock Holmes ha interpretato il ruolo dell'accerrimo nemico del famose investigatore, sarà l'enigmatico Hodge.








Mancano ancora molti ruoli da definire, ma il cast sarà a breve reso noto al completo. Sicuramente l'attore più atteso è quello che interpreterà Alec. Chi sarà a dare il volto al fratello di Isabelle?

Rimanete sintonizzati su TMI, il film di punta del prossimo anno, che si annuncia il nuovo tormentone stile Twilight.

Per maggiori informazioni date un occhio al sito ufficiale italiano degli Shadow Hunters (qui la loro pagina twitter)



martedì 24 luglio 2012

recensione: "La Maledizione della Luna Nera" di Karen Marie Moning


La Maledizione della Luna Nera
di Karen Marie Moning
(3° libro serie Fever)


Siamo arrivati al terzo capitolo di questa serie urban fantasy per adulti e la storia si fa sempre più interessante ed enigmatica. Rispetto alla MacKayla dei primi libri ritroviamo una protagonista più coraggiosa e consapevole di quello che le sta succedendo intorno, anche se non le è ancora chiaro di chi può veramente fidarsi e di chi no. 
Essere l'unica in grado di poter sentire il tanto ricercato libro Sinsar Dubh (del quale si scopre qualcosa di interessante a riguardo), la porta ad essere ambita dall'enigmatico ed ombroso Gerico Barrons, dal principe Seelie V'Lane ma anche da altri personaggi... 
Non mancano scene con una forte carica sensuale tra Mac e V'Lane e Mac e Barrons. Mentre il primo cerca in tutti i modi di attrarla con il suo fascino da dio del sesso (anche se i suoi modi sono diventati più gentili, quasi romantici), l'affascinante e imperscrutabile Barrons riesce sempre ad interrompere le scene che li vedono protagonisti sul più bello. E' lui il mio personaggio preferito e non ho intenzione di perdere le speranze, so che prima o poi si scioglierà in qualche modo... almeno lo spero! Barrons cerca sempre di tenere le distanze da Mac ma si capisce bene che gli costa fatica, è solo questione di tempo. Non so voi ma io ho una mia teoria su chi /cosa sia in realtà Gerico e in questo libro i miei sospetti sono cresciuti. Potrei sbagliarmi ma mi piace troppo fare supposizioni mentre leggo questo genere di libri e indovinare la verità su di lui, è una delle cose che maggiormente aspetto di scoprire. 
L'ambientazione è sempre ben delineata, la Moning non si risparmia nelle descrizioni accurate degli scenari di questa Dublino dark in cui si svolge la storia. 
L'azione, gli interrogativi, le rivelazioni e la carica sensuale sono ben mescolati.
Il finale che l'autrice ha scelto per questo terzo libro mi ha lasciato a bocca aperta... mi ha proprio sconvolta e amareggiata! Sicuramente nel prossimo capitolo della saga vedremo una MacKayla completamente diversa che dovrà fare i conti con quello che le è successo alla fine del libro.
Visto questo cliffhanger spero che il seguito esca prestissimo!





Recensione: "The restorer. La signora dei cimiteri" di Amanda Stevens (1° libro The Graveyard Queen series).

"The restorer. La signora dei cimiteri"
di Amanda Stevens

La Trama: Sono Amelia Gray e restauro cimiteri. Sono condannata a poter vedere i morti, ed è un'esperienza angosciante. Hanno fame di vita. Per questo non li posso guardare, non devo far loro capire che li vedo, o sono perduta. Ultimamente però tutto è diverso. È accaduto qualcosa nel cimitero di Oak Grove, dove sto lavorando, qualcosa che va oltre la semplice violenza, che coinvolge i vivi e i dannati. Ho paura, perchè il senso di tutto ciò mi sfugge. Sono sempre più confusa, sopraffatta dalle circostanze e da un mistero che, invece di sciogliersi, pare diventare più fitto e più oscuro. Spero di trovare delle risposte, prima che tutto ciò possa uccidermi.


Il mio commento:

Devo dir la verità sono stata subito attratta dalla trama di questo libro (il primo di una trilogia) e dopo averlo concluso posso affermare di esserne rimasta soddisfatta.
Interessante e originale la maggior parte dei luoghi dove si svolgono i fatti: i cimiteri. Non poteva essere altrimenti visto che la protagonista (il tutto è raccontato in prima persona dal suo punto di vista) Amelia, di lavoro fa… la restauratrice di tombe!  Un’ attività  insolita effettivamente, ma che le abili parole della Stevens riescono a rendere ben presto affascinante.
Io che sono amante di gialli e thriller ho veramente apprezzato tutta la trama creata alla base,  lo sviluppo (un crescendo) e la soluzione finale (almeno per questo lato) in cui gli indizi erano ben sparsi. Ma nel corso della storia l’autrice è ben attenta a non tralasciare un lato romantico e a dar vita ad una serie di interrogativi che troveranno seguito, almeno spero, nel volumi successivi.
Bella la caratterizzazione dei personaggi principali:  Amanda, schiacciata dalla sua capacità di vedere fantasmi e l’affascinante detective Devlin, a sua volta sommerso dai sensi di colpa. Attorno a loro ruoteranno altre figure che sembrano nascondere tutte qualcosa, compresi i genitori di lei. Intriganti si rivelano i vari fantasmi che considero a tutti gli effetti dei coprotagonisti. Non ho ancora ben capito se siano entità buone o malvagie (probabilmente un po’ e un po’),  però sicuramente quelli visti finora non trasmettono sensazioni gradevoli.
Il libro ha il pregio di concludersi lasciandoti la voglia di sapere al più presto il seguito.  Forse alcuni particolari non coincidono con delle affermazioni fatte in precedenza (proprio ad essere puntigliosi), in ogni caso lo consiglierei in particolare agli amanti del mistero  e dalla sua ha il vantaggio di coinvolgere il lettore (nonostante un inizio un po’ lento).




lunedì 23 luglio 2012

Pensieri ed opinioni su "Cinquanta Sfumature di Rosso" di E.L.James


Ciao a tutte,
eccoci arrivate al capitolo conclusivo della trilogia 50 sfumature. Conclusivo almeno per adesso visto che si vocifera che l'autrice potrebbe pubblicare la serie scritta dal punto di vista di Christian Grey... 

Tutti i nostri post dedicati alla serie 50 Sfumature li trovate QUI.






il pensiero di Selly

Sono contenta che questa trilogia abbia avuto un bel finale al gusto di vaniglia! "Cinquanta Sfumature di Rosso" mi ha fatto sognare, sperare, ridere e anche commuovere. Mi ha tenuta con il fiato sospeso fino alla fine e proprio per questo l'ho letto tutto di seguito! C'è un po' di tutto in questo capitolo conclusivo della serie, compresa una parte suspance che nei primi mancava. E ovviamente ci sono tante scene erotiche ma anche stavolta non ne ho trovata nessuna volgare o pesante. E poi.... Puntino! Lo sospettavo e l'ho sperato e sono stata accontentata! Se volete sapere di cosa parlo leggete il libro e scopritelo! ; ) E dopo l'epilogo due extra davvero imperdibili per le Fifty shades addicted: l'incontro di Christian e Ana scritto dal punto di vista di Mr. Grey e  il primo Natale di Christian in famiglia!
Il mio voto: 5 stelline





il pensiero di Kaggyn


Quando chiudi l'ultima pagina di un libro e ti ritrovi ad avvertire immediatamente la mancanza della storia che hai appena letto, ebbene,significa proprio che ti stai allontanando da un caro amico. E' quello che mi è successo leggendo "cinquanta sfumature di rosso", a mio parere il volume più bello di questa serie.
L'evoluzione dei protagonisti, la loro maturazione personale e come coppia, raggiunge l'apice propio in questo romanzo, che nulla lascia al caso. Non sono riuscita a trovare alcun punto debole nella trama di questo libro, ma, anzi, ho davvero apprezzato il salisciendi di emozioni, dalla gioia alla disperazione, che ogni singola pagina mi ha regalato. Il degno finale di una storia davvero unica. 
Il mio voto: 5 stelline



il pensiero di Krissmith


50 sfumature di rosso parte un po’ più in sordina rispetto agli altri due capitoli ma, man mano che si entra nel vivo della storia, la narrazione diventa più magnetica e coinvolgente.
Assistiamo all’evoluzione e alla crescita del rapporto tra i due protagonisti, i quali cercano di trovare un equilibro e un compromesso tra due caratteri tanto diversi, non senza difficoltà.
Dal personaggio di Ana mi aspettavo di più nella prima parte, alterna comportamenti infantili a grande maturità. Fortunatamente proseguendo nella lettura si riscatta alla grande.
In questo libro i momenti degni di nota riguardano Christian, con le sue contraddizioni, la sua dolcezza, le sue paure e insicurezze a cui finalmente viene data voce. 
Si riconferma una storia d’amore intensa e unica, con tante scene di sesso (forse un po’ troppe questa volta), con i dialoghi davvero emozionanti e disarmanti, e non nascondo di essermi commossa.  Poco importa se la scrittura in alcuni punti può risultare ripetitiva, quando due protagonisti ti entrano dentro, ti coinvolgono e ti fanno emozionare non si può non promuoverli a pieni voti. Un epilogo dolcissimo con una bella sorpresa il primo incontro tra i due visto dal punto di vista di Christian, impagabile!


sabato 21 luglio 2012

Un libro in valigia... i consigli delle traduttrici del forum!

E dopo i consigli dello staff ecco i consigli delle traduttrici del forum!

Beky consiglia:


1. La serie Lords of Underworld di Gena Showalter



Serie Urban Fantasy Adult davvero appassionante ed originale, ma che in Italia viene pubblicata tagliata. I libri sono uno più bello dell'altro e così pure i protagonisti, guerrieri immortali, ognuno dei quali convive con uno dei demoni del Vaso di Pandora. Difficoltà media di lettura della lingua inglese.


2. La serie Magic di Cheyenne McCray




Serie Urban Fantasy Adult incentrata sulle streghe e sulle creature magiche nordiche, sensuale e a tratti rude ma per me bellissima ed avvincente. La pubblicazione italiana è stata interrotta dopo i primi due libri su cinque. Difficoltà media di lettura della lingua inglese.



Jewel69 consiglia:


1. La serie Play by Play di Jaci Burton

In ogni libro si intrecciano sport, amore e vita dei tre fratelli Riley: Mick, famoso giocatore di footbal; Gavin, giocatore di baseball; Jenna, che gestisce il locale di famiglia frequentato da sportivi. Romanzi frizzanti, romantici e molto sexy. La scrittura è scorrevole e l’inglese di media difficoltà.


2. “Pillow Talk” di Freya North

Vi ricordate il vostro primo amore? Petra e Arlo si innamorano al liceo, poi le loro strade si dividono. Dopo tanti anni si ritrovano ed avranno loro seconda possibilità. Un romanzo romantico, divertente, una favola moderna. A parte qualche espressione particolare la difficoltà dell'inglese è media.



Vecchiastrega consiglia:

1. La serie Alpha & Omega di Patricia Briggs


Racconto breve che è l’inizio della serie “Alpha e Omega”. Composta da quattro libri, è incentrata sulle figure di Charles e di Anna. La serie è intensa ed intrigante, e la consiglio a tutti quelli che hanno un debole per i mannari. Difficoltà dell'inglese medio-facile.


2. “The Mercenary’s Tale” di Lynn Lorenz


Primo libro della serie M/M storica “In the company of men”, composta da cinque libri. La serie è ambientata nel medio evo, tra duchi, cavalieri, guerre ed appassionati amori. In questo libro incontriamo Drake, che dopo aver perso l’amore della sua vita deve imparare ad aprire di nuovo il suo cuore. Adatto ai principianti.


Maria Cristina Robb consiglia:

1. "Range Bound" di Thea Harrison

Primo della serie Elder Races, ci porta in un mondo dove le fate, i demoni e i mutaforme si mescolano agli umani. Pia Giovanni, una mezzo sangue, ruba ad un membro delle Elder Races, Dragos Culebre, e diventa sua prigioniera. Lettura divertente e fresca, storia accattivante e personaggi intensi e spiritosi.
Difficoltà della lingua inglese media.



2. "The Fire king" di Marjorie Liu

Nono della serie Dirk & Steele, su di un’agenzia investigativa di fenomeni paranormali. Soria è in grado di comprendere qualsiasi lingua al mondo e viene scelta per imparare la lingua morta del mutaforme leggendario Karr. La storia dolcissima tra due persone che la vita ha duramente maltrattato e che riprendono ad avere speranze fidandosi uno dell’altro. Difficoltà medio-alta.



Sara consiglia:


1. Manga e Anime Claymore

Lo sto leggendo e mi sta piacendo molto per ora, è un manga ricco d’azione con disegni realistici fatti piuttosto bene. Lo consiglio per chi è alle prime armi con l’inglese, in quanto le eventuali difficoltà sono compensate dalle immagini.


2. Once Burned di Jeaniene Frost


Lo consiglio a chi ha già un po’ di confidenza con l’inglese, ma soprattutto a chi ha una grande motivazione sia di leggere in lingua sia di sapere la storia di questo personaggio senza dover aspettare chissà quanti mesi prima che arrivi in Italia.




venerdì 20 luglio 2012

Recensione: "Segreto inconfessabile" di Shayla Black


Trama: Due uomini e una donna, una notte di passione trasgressiva, impossibile da rifiutare. Tutto inizia per gioco con Hunter, che pensa di avere il pieno controllo.
Kata, però, non è una donna comune. È fragile e dolce, ma anche determinata e scaltra.Una notte non è abbastanza per lui, perché l’ha scelta come sua ultima conquista e niente e nessuno potrà distoglierlo dal desiderio di averla tutta per sé. Ma a cosa sarà disposta a rinunciare Kata? Riuscirà ad affidarsi alla protezione di Hunter, ad arrendersi agli istinti più inconfessabili e a mettere in gioco tutta se stessa, rivelando la sua vera natura indomita e indomabile?

La mia opinione:

Inizio con una premessa, mi sono sempre piaciuti i libri di questa autrice e i tre capitoli precedenti della serie li ho trovati davvero molto belli e coinvolgenti. Nonostante si dica che essendo un libro autoconclusivo gli altri si possano anche tralasciare, fidatevi che non è per niente così. I protagonisti di quei libri, qui sono presenti e molti dettagli menzionati si conoscono e capiscono solo avendo letto i precedenti, lo stesso Hunter ( il protagonista di “Segreto inconfessabile”) ci viene presentato negli altri volumi.

Detto questo vediamo di raccontare la storia... anche se sarà molto difficile perchè per poterlo fare ci dovrebbe almeno essere una storia, cosa che proprio non c'è. Anzi a dire il vero questo libro non è proprio niente, tranne una lunga e inutile sequenza di prestazioni sessuali davvero noiose.
Partiamo dai protagonisti: Hunter, un militare delle forze speciali, tecnicamente un dominatore (anche se ho i miei dubbi su ciò, lo trovo solo patetico e con il cervello nelle mutande) e Kata, una poliziotta addetta alla sorveglianza dei detenuti, che pensa di essere una donna forte ed indipendente e invece finisce per essere una bambolina senza spina dorsale....

Il libro si svolge nell'arco di 6 giorni, di cui 3 con Hunter in missione quindi in verità il tutto si riassume in 72 ore, di cui almeno 60 passate sotto le coperte... o per meglio dire con Kata legata da qualche parte e lui che tranquillamente fa i suoi comodi. Sì, perché oltre ad una storia banale come pochi libri io abbia mai letto, ha anche la scena più patetica di tutte: Kata addormentata sta facendo un sogno erotico e quando si sveglia si ritrova legata mani e piedi al letto, con lui che tranquillamente le sta sopra. Vi lascio immaginare cosa le stia facendo e la mia reazione è stata O.O… prego ???!!! Ma dove siamo finiti ???!!!
Oltre alle interminabili sessioni sotto le lenzuola, le loro conversazioni si limitano a lui che le ordina di sottomettersi e lei che per principio dice di no e poi fa tutto quello che vuole lui... personalità meno 25 !
Le uniche note positive (credetemi sono stata la prima a meravigliarmene solo per averle trovate…) sono: le apparizioni dei protagonisti dei precedenti libri e l'approfondimento dei futuri, tra tutti Logan e Tyler ( già visti negli altri capitoli della serie e che qui iniziamo a conoscere meglio).
Per il resto noia, noia, noia e niente altro che noia! Se dovessi paragonare questo libro a qualcosa sarebbe… carta igienica! Ma di quelle scadenti e nemmeno utili per lo scopo!

Sia beninteso che quello che è scritto sopra è solo ed esclusivamente la mia opinione, se ad altri è piaciuto perfetto, non sono certo qui a dire che io ho ragione e voi torto, ma per la prima volta in 23 anni che leggo libri, ne ho trovato uno a cui non riesco a dare neanche una stellina; per questo il mio voto è NON CLASSIFICABILE!!!


Esce oggi "Il diario di London Lane" di Cat Patrick

Da oggi i libreria per la collana Lain della Fazi il romanzo YA autoconclusivo "Il diario di London Lane" di Cat Patrick.

Titolo: Il diario di London Lane
Autrice: Cat Patrick
Casa editrice: Fazi
collana: Lain
Pagine: 350
Prezzo: 9,90
data di uscita: 20 lugio 2012

«L’idea che sta dietro questo romanzo è pura genialità».
«The Guardian»

«Con un pizzico di fantasy e una pennellata di mistero, Cat Patrick cattura il lettore sin dalla prima pagina».
«Publishers Weekly»

Cosa accadrebbe se ogni giorno ci svegliassimo senza alcuna memoria del nostro passato, se i nostri ricordi non fossero altro che frammenti di futuro?
I diritti di traduzione dell'esordio di Cat Patrick sono stati venduti in 23 paesi e la Paramount Studios realizzerà un film tratto dal libro: nel ruolo di London Lane, Hailee Steinfeld, giovanissima attrice candidata all’Oscar per Il Grinta.

La Trama:
London Lane ha sedici anni e ogni volta che si addormenta sa che al risveglio, l’indomani mattina, il suo mondo sarà svanito. Ogni notte, precisamente alle 4:33, perde ogni traccia della memoria della giornata che ha appena trascorso e quando si risveglia è in grado di “rivivere” solo scene che riguardano il suo futuro.
Un diario su cui annotare tutti gli avvenimenti della giornata è l’unico mezzo, insieme al sostegno della sua migliore amica e di sua madre, per tenere insieme la sua vita.
Quando London conosce Luke, un nuovo studente del suo liceo, qualcosa dentro di lei cambia: inizia a essere tormentata da strani incubi che sembrano perseguitarla anche durante il giorno. Si tratta di tetre previsioni o traumi legati al passato? La strana forma di amnesia che affligge London può essere in qualche modo curata? Perché non riesce a vedere Luke nel suo futuro?

Cat Patrick vive vicino Seattle. Il diario di London Lane è il suo primo romanzo.


giovedì 19 luglio 2012

Recensione: "Il mistero del teschio" di Charlaine Harris (2° libro - Serie The Aurora Teagarden)

"Il mistero del teschio" 
di Charlaine Harris

La Trama:
Aurora Teagarden, che nel predente romanzo di questo ciclo (Real Murders: il club dei delitti irrisolti) ha fatto il suo strepitoso debutto, trasformandosi da bibliotecaria in investigatore dilettante, si ritrova improvvisamente a essere molto ricca quando un’anziana parente, Jane Engle, muore e le lascia il proprio patrimonio. Quando va a prendere possesso della casa ereditata, Aurora scopre che il posto è stato messo a soqquadro, e frugando in giro scopre un macabro oggetto sfuggito alle ricerche dell’intruso: un teschio umano, sfondato, nascosto in una cassapanca astutamente mascherata da sedile, sotto una finestra. Aurora comincia allora a scavare nella vita dei vicini, mascherando le proprie indagini e scopre che nel corso degli anni nel vicinato sono scomparsi due uomini.


Il mio commento: 

Ed ecco come il giudizio può cambiare da un libro all'altro.
Il primo mi aveva effettivamente colpito positivamente mentre questo l'ho trovato decisamente peggiore.
Cosa è successo tra questo e il libro precedente? Ci sono stati davvero dei cambiamenti non spiegati. Ce li troviamo così, li dobbiamo solo accettare come dato di fatto.
E già partiamo male..., aggiungiamoci anche  una risoluzione del caso e in generale tutta la sua costruzione mal congeniata e il danno è fatto!. Niente suspance, niente colpi di scena ... in pratica niente di tutto quello che invece c'era in "Real Murders: il club dei delitti irrisolti". La stessa Aurora (protagonista) si trova ad affrontare in maniera un po' piatta le novità che stravolgono la sua vita. Anche dal punto di vista sentimentale lascia alquanto perplessi ... e i nuovi personaggi di Bubba (avvocato) e di Padre Scott, non mi hanno convinto.
Che sia un libro di mezzo in previsione degli altri? Mah! Io sono un po' in dubbio se continuare o meno la serie, diciamo che le do' un'altra possibilità prima di prendere decisioni definitive.


martedì 17 luglio 2012

Intervista a Lena Valenti, autrice della saga Vanir


Cari lettori,
ho il piacere di proporvi la prima intervista italiana alla spagnola Lena Valenti, autrice della saga paranormal romance per adulti "Vanir" di cui è recentemente uscito per la casa editrice Fanucci il primo romanzo dal titolo "Il Libro di Jade".

Potete leggere la mia recensione del libro QUI.





Ciao Lena,
benvenuta sul nostro blog!
E’ un piacere per noi poter cogliere questa opportunità di porti alcune domande e di permettere ai tuoi lettori di sapere qualcosa in più su di te. 
Per prima cosa, ci piacerebbe chiederti qualcosa su di te, qualsiasi cosa, per presentarti ai lettori Italiani.  
Prima di tutto, grazie per avermi dato l’opportunità di presentarmi. Bèh, il mio nome è Lena e sono nata a Barcellona. Amo scrivere, leggere, cantare, scrivere canzoni. Ho lo spirito di una hooligan (tifosa appassionata) per la mia squadra di calcio preferita (Barça). Amo correre e fare esercizio, perché così ho la scusa perfetta per mangiarmi le torte senza farmi venire i sensi di colpa. Ed ho un motto: “Sii te stessa. Sempre”. La mia parola preferita è: Redenzione. Amo gli animali e faccio meditazione. E questa è la mia prima intervista in Inglese! Sono così eccitata!
(First of all, thank you for giving me the chance to introduce myself. Well, my name is Lena, I was born in Barcelona. I love write, read, sing, write songs.  I have soul hooligan (passionate supporter) for my favourite soccer team (Barça). I love running and exercise because I've got the perfect excuse to eat a lot of cakes and not feel guilty after all. Mmmm. I have a motto: "Be yourself. Always". My favourite word is: Redemption. I love animals and practice meditation. And this is my first interview in english! I'm so excited!)


Adesso che sappiamo qualcosa su di te, cominciamo con le domande…


- Come è nata la tua passione per la scrittura? Perché hai deciso di cominciare con una serie paranormal romance?
Bèh, io sono una persona molto creativa. Quando ero una bambina scrivevo sempre canzoni e poemi, ma non avevo mai pensato di diventare una scrittrice, finché non ho incontrato i romanzi romance, e letteralmente sono impazzita per loro. Per prima mi ha colpita Rachel Gibson. E mi sono detta: “Wow, mi piacerebbe toccare i cuori della gente in questo modo!” Rachel è bravissima, non è vero? Ma poi ho scoperto Sherrilyn Kenyon, e sono collassata. “Wow! Voglio creare questo tipo di universo. Paranormal Romance è ciò che voglio fare!” Storie romantiche e paranormali hanno un enorme potenzialità. Niente regole, niente leggi. Fantastico per me e per la mia mente! E’ per questo che ho scelto una serie paranormal romance. Quando hai una mente sognatrice che continuamente crea mondi differenti e personaggi magici ed immortali, questo genere è la soluzione migliore per scrivere le tue storie.
(Well. I am a very creative person. When I was a child, always wrote poems and songs, but I never thought that I become a writer since I discovered the romantic books and I went crazy, literally. First come to me Rachel Gibson. And I said: "wow, I would like to touch hearts in this way!". Rachel is great, isn't she? But then I found Sherrilyn Kenyon, and I collapsed. "Wow! I wanna create this kind of universe! Paranormal romance is what I want to do! ". Romantic paranormal stories are plenty of possibilities. No rules, no laws. Fantastic for me and for my mind! That' s why I choose paranormal romance series. When you have a dreamer mind which is always building different worlds and immortals and magic characters, this genre is the best to develop your stories.)


- Come è nata la serie dei Vanir?
Tre anni fa ho sognato di una foresta inglese, di un totem con il volto di un lupo, e di una donna ed un uomo che vi stavano litigando di fronte. Non erano affatto umani. Lei aveva occhi porpora, e lui li aveva verde elettrico. Il giorno dopo mi svegliai, e senza sapere perché, avevo in testa un’incredibile storia chiamata “Il Libro di Jade”. 
(Three years ago I dreamed about an english forest, a totem with wolf-face, and a woman and a man arguing in front off it. They were not humans at all. She had purple eyes, and he had green electric eyes. The next day I woke up, and without knowing why, I had and incredible story in my mind called Il libro di Jade.) 


- Vanir e Berserker, due razze che devono unire le forze contro un nemico comune. Perché queste due? Cosa ti ha ispirata? 
Io amo i libri mitologici. Ho letto di mitologie celtiche, nordiche ed altre, ed ho capito che non c’era ancora una serie romance che parlasse dei Vanir, Aesir, di Loki o del Ragnaròk. Sono anche una patita della lingua Gaelica e della cultura celtica, e quindi mi sono detta: Perché no? E se parlassi di due meravigliose culture e mitologie che vivono nel nostro mondo, cercando di difenderci? Gli Dei nordici sono così complessi e così contrastanti che sarebbe interessante spiegare chi erano. Vanir e Berserker mi hanno aiutata ad introdurre questo mondo con tutte le sue profezie nel genere romance. L’amore nei miei libri è duro, violento, è tormentato ma sempre redento. Spero che vi piaccia, perché è fantastico.
(I love mythology books. I read about celtic, nordic and others mythologies, and I realized that there was not a romance serie which talked about Vanirs, Aesir, Loki, the ragnarškÉ I«m also a freak of Gaelic language and celtic culture, and then I asked to myself: Why not? What if I could talk about two wonderful cultures and mythologies living in our own world, trying to defend us? Nordic gods are so complex and dualists that I thought interesting to explain who were them. Vanir and berserker helped me to introduce this world with all their prophecies in the romance genre. Love in my books is hard, violent, is tormented but always redentor. I hope you enjoy it, because is fantastic.)


- Nel primo libro abbiamo cominciato a capire quali potrebbero essere le coppie dei prossimi libri (o almeno, dei prossimi due). Quale dei tuoi libri ti ha commossa di più? Ce né uno a cui ti senti più attaccata? 
Tutti i miei libri mi hanno commossa. Ma il primo è il più speciale, perché inizia la serie. Comunque il quarto libro, El Libro de Gabriel, per me è il più importante, perché la storia della mitologia nordica e del Ragnaròk non sarebbe completa senza l’introduzione di questo libro e di questa magnifica coppia. El Libro de Gabriel mostra l’universo della serie Vanir in tutta la sua interezza.
(All my books moves me. But the first one is the most special, because it begins all the serie. However the fourth book, El libro de Gabriel, is for me the most important, because nordic mythology and the ragnaršk plot would not be complete with the introduction of this book and this wonderful couple. El libro de Gabriel shows the serie Vanir universe in its fullness.)


- Qui in Italia il primo libro è stato appena pubblicato. Cosa ci aspetta nel secondo? Ci puoi dare alcuni spoiler?
Il prossimo libro si chiama El Libro de la Sacerdotisa. La storia tra Ruth ed Adam è così magica, così intensa. Spezza il cuore ed allo stesso tempo dà speranza. Scoprirete un sacco di ciò che vi attende nella serie, piangerete e riderete. Ruth ha un segreto, è speciale. Ed Adam è uno dei più importanti uomini del clan dei Berserker. “Ecco che arriva il tempo della caccia.” Con la loro storia proverete odio ed amore. E’ un cocktail, e ti trafigge il cuore. Si, loro sono i più grandi rubacuori di sempre! 
(The next book is called  El libro de la Sacerdotisa. The story between Ruth and Adam is so magical, so intenseÉ Is heartbreaking and at the same time hopeful. You'll know a lot of what will await you in the serie, will cry and laugh. Ruth has a secret, she is special. And Adam is one of the most important men in berserker clan. "Here comes the hunter time". With their story you  will love and hate. It is a cocktail, and they steel your heart.  Yeah, they are the greatest hearts thieves ever!)


- Dacci due aggettivi per ogni libro della serie.
Il libro di Jade: Mozzafiato e Suggestivo  
El libro de la Sacerdotisa: Magico ed Intenso 
El libro de la Elegida: Redentore e Liberatore 
El libro de Gabriel: Essenziale e Sorprendente
El libro de Miya: Passionale e Furioso.
(Il libro di Jade: Breathless and Striking / El libro de la Sacerdotisa: Magic and intense / El libro de la Elegida: Redeemer and liberating / El libro de Gabriel: Essential and Surprising / El libro de Miya: Passional and furious)


- Di quanti libri credi sarà composta la serie? Dopo il quinto libro, ce ne saranno altri? 
La serie sarà composta da dieci libri. Non voglio scrivere una serie infinita. Ho bisogno di spiegare la storia così com’è, con un inizio ed una fine. Non ho intenzione di allungarla, perché non voglio perdere l’essenza dei Vanir. Odio i libri riempitivi. Quest’anno in Spagna sarà pubblicato il sesto libro.
(The serie will be composed by ten books. I don' t want to write a never-ending serie. I need to explain that story as it is, with the beginning and the end. I will not enlarge that because I don't want to lose the Vanir essence. I hate filling books. This year will be publicated in Spain the sixth book.)


- Quali sono i tuoi scrittori Urban Fantasy/Paranormal Romance preferiti? Ti sei ispirata a qualcuno di loro per il tuo modo di scrivere?
Certo che si! Per diventare un bravo scrittore devi leggere un sacco di bei libri prima, ed io ho letto un sacco! Sherrilyn Kenyon, Kresley Cole, Maggie Shayne, J.R. Ward, Gena Showalter, Christine Feehan, Darynda Jones, Lora Leigh, Shayla Black, Charlaine Harris, Jeaniene Frost. Le adoro tutte! Ma dopo aver letto gli scritti di queste incredibili donne, devi creare un modo tuo, con il tuo stile, con la tua impronta. Tutti gli autori di paranormal romance hanno una cosa in comune: Con questo genere cerchiamo di rendere felici le persone, tutto qui. Dopotutto, ognuna ha il suo modo. Ci sono un sacco di differenze tra noi.
C’è un messaggio nella mia serie, non è solo per intrattenimento, non sono soltanto Vanir, Berserker, lupi mannari, vampiri, il bene ed il male … C’è più di questo, e spero che i lettori riescano a coglierlo.
(Sure I have been! To be a good writer you have to read a lot of good writers before, and I have read too much! Sherrilyn Kenyon, Kresley Cole, Maggie Shayne, J.R Ward, Gena Showalter, Christine Feehan, Darynda Jones, Lora Leigh, Shayla Black, Charlaine Harris, Jeaniene Frost. I love them all! But after read these incredible women, you have to create your own world, with your own style, with your print. All the romance paranormal writers have just one thing in common: We try to make happy people with this genre, that's all. After that, everyone has her own way. There are a lot of difference between us. 
There is a message in my serie, is not just for entertainment, is not just vanirs, berserker, were wolfs, nosferatus, the good and the evil.. Is more than that, and I hope readers realize that.)


- Sbirciando nel tuo blog, abbiamo visto alcune immagini di una guida illustrata della serie … puoi parlarcene? 
Bèh, la guida illustrata della serie Vanir è un fantastico e rivoluzionario progetto nel genere romance di tutto il mondo. Non avete mai visto niente del genere prima d’ora. Ci sono molte guide, e fumetti di alcune serie, ma niente come questo. Spiegherà tutto il mondo Vanir, con tutte le coppie, divinità, sacerdotesse, einherjar, walkirie, berserker, storie d’amore, scene di sesso. Una guida molto completa in mano ai migliori illustratori spagnoli della MARVEL. Una guida da mozzare il fiato, senza dubbio!
(Well, the Illustrated serie Vanir guide is a fantastic and revolutionary project in the romance genre around the world. You've never seen something like that before. There are a lot of guides, and comics of some series, but not like this one. It will explain all the Vanir world, with all their couples, goddess, priestess, einherjars, valkyrs, berserkers, love stories, sex scenesÉ A very complete guide in charge of the best MARVEL illustrator in Spain. A breathtaking guide, no doubt!)


- Hai qualche progetto dopo la serie Vanir? Ti piacerebbe continuare a scrivere paranormal romance, o vorresti cambiare genere?
Si, ho un sacco di progetti. Ma al momento preferisco concentrarmi sulla serie Vanir. Continuerò a scrivere paranormal romance, perché mi piace, ma questo non significa che non potrei scrivere altro in futuro. Chi lo sa? Solo Odino, Freyja e gli Dei nordici. Loro sanno tutto.
(Yes, I have a lot of projects. But by the moment I rather focalize in Vanir serie. I'll keep writing paranormal romance because I love it, but this doesn't mean that I could write something else in a future. Who knows it? Just Od’n, Freyja and the "nornas". They know it all.)


Grazie mille per le tue risposte. Non vedo l’ora di leggere “El libro de la Sacerdotisa”!


(traduzione a cura di vecchiastrega)