giovedì 28 agosto 2014

Recensione: Quando l'amore chiama di Mila Orlando

Trama:

Quando l’amore chiama c'è solo una cosa da fare: rispondere e lasciare il resto in attesa.

Bea è una wedding planner tutta casa e lavoro, Luca un fotografo di moda, innamorato della sua ‘singletudine’. Cosa hanno in comune? Un appuntamento col destino.
Una mattina i due si incontrano - o meglio si scontrano - in metropolitana a Milano, scambiandosi accidentalmente il cellulare. Di colpo una suoneria sconosciuta inizia a suonare, lo sfondo è cambiato, una madre è felice perché la figlia ha ha trovato il fidanzato, un appuntamento di lavoro rischia di saltare… Questo è il rischio se il tuo adorato iPhone è nelle mani di qualcuno che non sei tu! Meglio rivedersi e riportare la situazione alla normalità.
Ma tra una telefonata e l’altra, una sbirciatina alle foto delle rispettive Gallery e una ai brani delle playlist, Bea e Luca si accorgono di avere molto in comune ancora prima di conoscersi.
Una romantica storia d’amore in cui gli utenti sono felicemente irraggiungibili. 

La mia opinione:

Quando ci hanno presentato YouFeel, la nuova collana digitale Rizzoli fatta di piccoli racconti scritti da autrici italiane, spinta dalla curiosità sono andata a leggere tutte le trame dei vari racconti. La collana è divisa in 4 categorie: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.
Per la categoria Romantico mi aveva particolarmente colpito la trama di “Quando l'amore chiama”, scritto da Mila Orlando (un'autrice che non conoscevo).
Non vi so dire il perchè la trama mi aveva così incuriosito, magari per la sua semplicità visto il mio bisogno, dopo moltissimi libri con personaggi sopra le righe, di leggere qualcosa di “normale”. 
Ma definire normale questo racconto è davvero molto riduttivo!

Tutto inizia con un incontro, anzi con uno scontro tra Bea e Luca (ognuno perso nel proprio mondo frenetico).
Bea fa la Wedding Planner quindi passa le giornate a risolvere problemi (di cui il suo lavoro è pieno) e proprio in quella fatidica mattina è nel mezzo di una di queste crisi così, un po' colpa del ritardo già accumulato prima di uscire da casa e un bel po' colpa del fatto che la nostra Bea è parecchio distratta di suo, finisce per scontrarsi con Luca, fotografo di moda in partenza per un viaggio di lavoro e in quel momento distratto quanto Bea.
Tutta questa distrazione fa sì che dopo una collisione in piena regola, Bea e Luca si ritrovino catapultati per terra con tutte le loro cose sparse sulla banchina della Metropolitana di Milano.
Nella fretta di ripartire, ognuno per la propria destinazione, non si accorgono che i rispettivi cellulari sono finiti nelle tasche dei proprietari sbagliati... questo imprevisto fa sì che, volenti o nolenti, per un giorno devono essere l'una il segretario dell'altro.
Da qui inizia una storia fatta prima di scambi di sms e telefonate poi, complice il fatto che dovevano restituirsi il cellulare, incontri che fanno capire fin da subito che la rispettiva conoscenza è ben gradita da entrambe le parti.

Il racconto è scritto veramente molto bene. L'autrice è riuscita a rendere reali sia i protagonisti principali sia il contorno. I caratteri di Bea e Luca sono ben delineati e si percepiscono perfettamente tutti i sentimenti che si susseguono man mano che la loro storia procede. Milano poi, dove si svolge questa storia, viene raccontata talmente bene che se la si conosce un po’ sembra davvero di essere lì a passeggiare.

La bravura dell'autrice è stata quella di essere riuscita rendere due persone normali, con vite normali … assolutamente straordinarie nella loro semplicità! Tutto è descritto, nonostante la limitazione delle poche pagine di cui è composto, con sentimento e un pizzico di ironia che rende la lettura davvero molto godibile.

Questo racconto è uno di quelli che una volta finito ti lasciano dentro una meravigliosa sensazione, un bel sorriso sulle labbra e il cuore pieno di amore!
Consigliato per tutte quelle persone che come me adorano le storie romantiche, dove i protagonisti sono i sentimenti semplici e puri che non hanno bisogno di essere amplificati con soldi e belle macchine, ma che devono solo essere vissuti giorno per giorno per essere unici e meravigliosi.
Questo e tanto altro lo troverete in “Quando l'amore chiama”.



2 commenti:

  1. Grazie mille per questa bellissima recensione. Sono contentissima che ti sia piaciuto la mia piccola storia :) Grazie davvero!

    RispondiElimina
  2. Già l'avevo addocchiato, ora con la tua recensione sono sicura che lo prenderò! Grazie!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!