giovedì 25 giugno 2015

L'angolo degli inediti: Sustain di Tijan

Buongiorno ragazze,
la rubrica di oggi la vorrei dedicare a Sustain di Tijan. Non so se avete mai sentito parlare di questa scrittrice, ma è molto famosa per la sua serie Fallen Crest High, che io però non ho ancora avuto il piacere di leggere. Mi sono innamorata di questa scrittrice con Carter Reed, un romance sulla mafia, e ho adorato la serie Broken and Screwed di cui Sustain all’inizio faceva parte, ma che poi è stato pubblicato dall’autrice come romanzo a parte. Nonostante abbia letto solo un po’ dei suoi libri, posso dire che per ora non mi ha mai delusa, quindi ecco a voi il suo ultimo capolavoro e spero vi piaccia almeno quanto è piaciuto a me.

La vista di lei mi tolse il respiro. La sua testa si alzò, gli occhi chiusi. Si morse il labbro e il resto del suo corpo iniziò a muoversi frenetico.
Stava costruendo il secondo ritmo. Stava arrivando. Stava alzando l’atmosfera della stanza con il crescendo, ma era così silenzioso. La stanza lo sentiva arrivare e loro reagivano di conseguenza. Le persone erano ferme. Si dimenticarono dei loro balli. Si dimenticarono delle persone vicino a loro. Sapevano che qualcosa stava per succedere.
Sarei dovuto essere lì sopra con lei. Sarei dovuto essere io quello che cantava, non lui.”


Venti minuti più tardi, il furgoncino di mio fratello si fermò di fronte a me. Afferrando la mia borsa, non vidi chi c’era dietro il volante e dissi, “So che voi ragazzi suonavate stasera e ho immaginato che stesse ancora festeggiando, ma avevo il dubbio fossi svenuto o con qualche ragazza…” Poi vidi chi mi stava fissando e dimenticai quello che stavo per dire. “Fottimi.”
Luke Skeet. I suoi capelli castani gli ricaddero sulla fronte, ma lui li ignorò. Una scintilla di scuro divertimento entrò in quei suoi occhi grigi e scosse la testa. “No, Bri. Tutte quelle notti in cui mi infilavo nel tuo letto, scopare è stata l’unica cosa che non ci siamo mai fermati a fare.” I suoi occhi si strinsero e la sua mano rafforzò la presa sul volante. Mi studiò da testa a piedi. “Un vero peccato.”
Provai ad impedire al mio corpo di reagire. Provai, ma fallii. Era ancora bellissimo. Il mio corpo divenne sempre più caldo e deglutii, sentendo già il mio polso accelerare. Fino a tre anni fa, Luke Skeet era stato il mio vicino e migliore amico. Avevo reso l’evitarlo un mestiere visto che Luke era ancora il mio vicino e ancora amico di mio fratello. Oh già, era anche nella band di mio fratello – la band che avevo aiutato a formare quando eravamo alle medie.
Tutto ciò è finito quando ho trovato il suo corpo insanguinato e senza vita sul pavimento della cucina. Fu la stessa notte in cui ho iniziato ad uscire con Elijah.”

TRAMA:
Avevo una vita semplice.
Facevo due lavori, arrivavo alla fine de mese e uscivo con mia madre e il mio fratello gemello. L’altra parte della mia vita consisteva nell’evitarlo, ma quando la SWAT fece un raid nella casa del mio ragazzo, fu l’ultima goccia. Il ragazzo è stato messo da parte e per aiutarmi a tenermi occupata, mio fratello mi ha convinto ad unirmi alla sua vecchia band di nuovo, ma devo essere onesta. Non è stato difficile convincermi. Suonare la batteria è nel mio sangue. Ne ero dipendente e quel desiderio non era stato soddisfatto da più di tre lunghi anni. L’unico problema era il loro cantante principale.
Era lui.
La batteria potrebbe non essere l’unica cosa a cui sono dipendente. Penso di essere ancora dipendente da lui.

Luke era davanti sul palco. La sua schiena girata. La testa chinata in avanti e teneva il microfono. Stava sentendo tutto, lasciando la canzone continuare e costruirsi. Quando fummo sul giusto punto, al momento perfetto, la sua testa fece un cenno ed iniziò a cantare.
La sua voce era chiara e liscia. Iniziò con quella prima nota e l’energia della folla aumentò. Io non potevo ancora sentirli. Chiusi gli occhi e lascia il posto alla musica.
Sanguinai nel ritmo.
Non ci fermammo mai perché non glielo permisi. C’era un momento di pausa – un breve momento – e al segnale, la canzone successive partiva. Suonammo l’intero set. Una perfetta unità. Battei il ritmo, rispecchiando l’adrenalina nel mio corpo. Sarebbe stato così ogni notte ora. Sapendo questo, mi godetti il momento, attendendo questo giro da ora in avanti.
Mentre Luke cantava con forza le parole e Emerson cambiava il basso, Braden colpì quella nota ricorrente.
E fu lì che la folla ci sentì. Se non ci avevano già sentiti prima, fu in quel momento che una nuova energia li attraversò. Il mio sangue ribolliva, sapendo che li tenevamo per le palle. Noi decidevamo come si sentivano. Noi avevamo il controllo come degli dei. Le mie braccia scesero con ancora più forza e digrignai i denti, seguendo le montagne russe dentro di me.
Più di una volta, Luke mi trovò e mi portò in una pista diversa. Lo sentiva anche lui. Tutte le stronzate erano sparite. Eravamo una band.”


Cosa ci fai qui, Bri? Il passato è passato. Non si torna indietro.”
Mi inumidii ancora le labbra. Erano così secche. Come lo era la mia gola. “Braden mi ha detto di chiarire le cose con te. La tensione tra di noi, avrà effetto sulla band.”
Per tuo fratello. La band. Per questo sei qui.” Lui non si mosse, ma lo sentii ritirarsi. “Ha ragione. Avere una ragazza sexy nella band ci farà avere più attenzione. Ho già avuto delle offerte per la prossima settimana, più del normale, quindi tu sei parte del motivo, e l’altra ragione per cui ti permetto di suonare con noi –è perché sono in debito con tuo fratello. Lui c’è stato per me.” Non come me. Era questo che stava insinuando. “Lui ti vuole con noi perché ha paura che se non sarai intorno a me, tornerai da Turner.” L’angolo della sua bocca si tirò su in un sorriso derisorio, facendolo sembrare letale. “Poco sa tuo fratello che io non importo. Qualsiasi amicizia avessimo, non significa niente adesso. L’unica cosa che vuoi da me…” Lui si fermò mentre i suoi occhi scesero lungo il mio corpo, notando i miei respiri affannati, i miei seni pieni, i miei capezzoli che premevano contro la maglietta. Se mi avesse toccato, avrei tremato. Assimilò tutto questo, e il suo sorriso derisorio si trasformò in un’espressione di consapevolezza.
Lui si fece più vicino. Il bordo dei suoi jeans mi sfiorò la vita, ma si tenne comunque indietro, squadrandomi da capo a piedi, poi studiandomi il viso. Con le labbra vicine alle mie, tenendosi giusto fuori portata, mormorò, “L’unica cosa che vuoi da me è questo.” La sua mano mi toccò la vita e sussultai, scattando dritta, bruciando dalla sensazione. Lui si sporse in avanti, le sue labbra che si poggiarono leggere sulle mie.
Mi stava torturando.”

Questo libro si è fatto più che attendere, ma l’ho assolutamente adorato. Il mondo che è descritto, non è quello rosa e fiori che spesso si trova in un romanzo New Adult, naturalmente esclusi quelli della Sorensen. Questo è molto più rude, più grezzo, non saprei come altro definirlo. Fin dalle prime pagine riesci a sentire che l’atmosfera è completamente diversa e penso che questa sia una delle doti migliori di una scrittrice.
Il libro inizia con Brielle che viene arrestata perché il suo ragazzo, Elijah, vende droga. Questo per lei è sufficiente per mettere fine ad una relazione che, in verità, non sembra aver significato molto, almeno per lei. Infatti, era tutto iniziato per convenienza, le serviva una scusa per mettere della distanza tra lei e Luke, il ragazzo che in verità ama.
Appena suo fratello Braden, che spero abbia un libro tutto suo, scopre che si sono lasciati, la invita a far di nuovo parte della band, sperando che stavolta non torni da Elijah. Brielle naturalmente accetta, forse anche perché nel suo subconscio capisce che è ora di scoprire delle carte, soprattutto con Luke, che guarda caso è il cantante della band.
Si capisce fin da subito che Brielle non ha mai dimenticato Luke e la stessa cosa vale per lui, ma quello che non si riesce per nulla a capire è il motivo per cui tre anni prima lei lo ha spinto via e quando si scopre..beh, diciamo che se fosse venuta subito allo scoperto, non ci sarebbe stato alcun libro.
In ogni caso, si vede che nonostante siano passati anni, la chimica tra i due c’è ancora, come un bel po’ di tensione, e si vede che devono stare insieme, ma lei continua a tenerlo all’oscuro, facendosi chiamare codarda da persone che sanno tutta la storia, e, ora che Bri l’ha ferito, lo stesso Luke non è più disposto a mettersi completamente in gioco.
Ma è un po’ difficile eliminare i sentimenti quando sono sempre stati profondi e radicati come quelli di Luke e Brielle. L’unica cosa che si può fare è negare, e eccome se questi due negano quello che provano.
Questo libro è un continuo tira è molla, una storia che mette insieme l’amore, la musica e purtroppo anche la droga. Una lettura difficile da mettere giù e che ti permette di vedere la prima parte della storia dal punto di vista di Brielle e la seconda dal punto di vista di Luke. Anche se secondo me, forse sarebbe stato un pelo più interessante con un POV alternato, darei a questo libro quattro stelle e mezzo.

Feci scorrere le mie mani su lungo le sue braccia, poi di nuovo giù, lasciandole cadere sui suoi fianchi. Avrei dovuto spingerla via, ma la strinsi ancora più forte contro di me. Stanotte. Volevo stanotte.
Io…” Lei si mise in punta di piedi, portando il suo seno ancora più in alto contro il mio petto. Avvolse le braccia intorno al mio collo, abbracciandomi.
Al diavolo. Se voleva un abbraccio amoroso, non ero il ragazzo per quello. Abbassandomi, le afferrai i fianchi e la sollevai in aria.
Lei sussultò, ma si strinse a me.
Mi voltai e camminai di nuovo nella mia stanza, portandola dentro. Chiudendo con un calcio la porta, la rimisi in piedi sul bordo del letto. I miei occhi ressero i suoi, e la volevo. Volevo spingermi dentro di lei. Una notte. Feci scorrere una mano lungo il suo collo, attraverso la valle tra i suoi seni. Lei chiuse gli occhi e il petto si alzò mentre il mio dito continuò a scendere, fino al suo stomaco e poi le aprii i jeans.

Sapevo che una volta non sarebbe stata sufficiente. L’avrei voluta fino al giorno della mia morte. Era una droga per me.”


5 commenti:

  1. interessante e mi piace molto la copertina

    RispondiElimina
  2. Mi intriga molto..si sa qualcosa dell'uscita italiana?

    RispondiElimina
  3. Sto leggendo Broken and Screwed proprio in questo periodo! Lo adoro!
    Leggerò di sicuro anche Sustain, ora! Grazieeee!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero ti piaccia..!io l'ho adorato..! :) mi piace molto lo stile di scrittura di Tijan..!in questi giorni ho anche letto tutta la serie di Fallen Crest High, pubblicata fin ora, e wow..!ne vale veramente la pena..!

      Elimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!