lunedì 22 giugno 2015

Recensione "Avvicinati" di Kim Karr

Avvicinati
di Kim Karr
(Connections #1)

La Trama
Nel mondo di Dahlia, che vive a Londra, non esistono più felicità e lieto fine. La sua anima è stata completamente distrutta da una tragedia. Ma un sorprendente incontro con qualcuno le darà un motivo per continuare a vivere. E ad amare…
Quando la rock star River Wilde torna nella sua vita, il loro rapporto diventa subito strettissimo, al di là di qualsiasi previsione. Più tempo trascorrono insieme, più intensa e erotica si fa la loro relazione: Dahlia è convinta di aver finalmente trovato l’anima gemella. Ma i fantasmi del passato riemergono e Dahlia comincia a sentirsi in colpa e confusa. River vuole essere con tutto se stesso la persona in grado di curare le sue ferite, ma se ciò che è stato rifiuta di rimanere sepolto, come sarà possibile per loro pensare a un futuro?

La mia opinione

Esiste il colpo di fulmine? E quale ruolo ha il destino nel far incontrare due persone che sembrano fatte l’uno per l’altra?
Queste sono domande a cui si troverà a dover rispondere Dahlia, la nostra protagonista, una ragazza che sembra aver trovato la felicità accanto a Ben, suo migliore amico e poi fidanzato, fino a quando non lo perde in un tragico incidente, in cui viene assassinato proprio davanti ai suoi occhi. Segue così per Dahlia un periodo buio pieno di tristezza e totale apatia, perché la ragazza è emotivamente devastata e svuotata di ogni sentimento o volontà.

Almeno fino a quando, in occasione di un’intervista, non incontra River, rockstar di una band e ragazzo sexy e affascinante, che lei aveva già conosciuto per caso una sera di 5 anni prima ed era stato un classico e sconvolgente colpo di fulmine. Ma lei allora stava con Ben, motivo per cui era scappata di corsa da quell’attrazione così intensa e disarmante.

Tra loro scatta di nuovo una connessione meravigliosa, un’intesa sia fisica sia mentale che sembra sconvolgere Dahlia e farla piombare nei sensi di colpa verso Ben. Così in principio tenta di resistergli, ma come si fa a non cedere ad un ragazzo come lui?

River è uno spettacolo della natura: bello, sexy e un Dio del sesso… ma anche tenero, premuroso e gentiluomo in un modo dolcissimo. 
E poi con lei è sensibile e più che comprensivo, non le mette pressioni, le lascia spazio, tempo per guarire dalle sue ferite e piena libertà di decidere della sua vita. Allora viene spontaneo chiederti: “Ma uno così… è umano? O un surrogato alieno di pura e deliziosa perfezione?”

Anche Dahlia mi è piaciuta, con i suoi dubbi, le sue incertezze e i suoi sensi di colpa, con i suoi sogni e le sue innumerevoli emozioni, soprattutto quelle potenti e inaspettate scatenate da River, che finalmente faranno rimarginare la ferita lasciata dalla morte di Ben, trasformandola in una cicatrice emotiva, pur sempre indelebile, ma ormai chiusa.

Questo romanzo è stato una lettura molto piacevole, col suo stile fluido e scorrevole, con un bel viaggio attraverso il mondo della musica, un erotismo dolce e delicato ma anche dotato di una sensualità molto intensa, una storia d’amore dolcissima e romanticissima… anche se spesso un po’ troppo sdolcinata e mielosa per i miei gusti. Si, perché River non fa che ricoprire Dahlia di attenzioni e ripeterle continuamente: “quanto sei bella”, “quanto sei perfetta”, “quanto sei sexy”. L’ha capito lui, l’ha capito lei, l’abbiamo capito tutti quanti… per cui a volte ti viene voglia di scrollarlo un po’ e gridargli: “Basta, ti prego!”

Buona parte del libro si basa quindi su loro due, sul loro rapporto così intenso e speciale (che comunque mi è piaciuto) e che purtroppo fila liscio come l’olio, senza colpi di scena o intoppi di alcun genere. Dico “purtroppo” perché se la loro storia d’amore fosse stata vivacizzata da momenti di tensione, da risvolti particolari o qualche litigio, forse sarebbe sembrata meno statica e l’avrei apprezzata molto di più.

Almeno fino all’epilogo, perché qui FINALMENTE la scrittrice sgancia la bomba e ci sbatte in faccia il colpo di scena per eccellenza, quello veramente degno di nota. Uno di quelli che potrebbero regalare un po’ di vivacità, tormento e tensione al secondo libro di questa serie.
E io lo spero vivamente.

12 commenti:

  1. bellissima trama e bellissima recensione! che voglia di leggerlooo *___*

    RispondiElimina
  2. Ho letto il primo libro della serie e l'ho trovato molto bello..non vedo l'ora di leggere il seguito!!! *-*

    RispondiElimina
  3. Ho letto il primo libri della serie e l'ho trovato molto bello... non vedo l'ora di leggere il seguito!!! *-*

    RispondiElimina
  4. ho già visto questo libro e ho sempre pensato, dopo la lettura della trama, che fosse poco originale, forse perchè è troppo generale la trama o sono io che preferisco libri fantasy quindi parto pensando male. Comunque la tua recensione mi ha fatto aumentare la curiosità, ci penserò su =)

    RispondiElimina
  5. ho visto spesso questo libro e ogni volta dopo aver letto la trama ho pensato che fosse poco originale, invece la tua recensione ha svegliato la mia curiosità! ci penserò su! =)

    RispondiElimina
  6. Vorrei leggere questa serie i😍

    RispondiElimina
  7. Mi attira moltissimo questo libro!

    RispondiElimina
  8. Avevo già letto la trama di questo libro un pó attratta dalla copertina, un po per la trama accattivante... Credo gli concederò una possibilità!

    RispondiElimina
  9. letto la recensione e la trama mi attira tantissimo sicuramente sarà il prossimo libro che leggerò

    RispondiElimina
  10. Che curiosità che mi è venuta...devo leggerlo!!!

    RispondiElimina
  11. La trama mi ha incuriosita molto!! Credo che lo leggerò presto

    RispondiElimina
  12. Mi piacerebbe leggere questo libro.Mi attira tantissimo

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!