giovedì 26 maggio 2016

L'angolo degli inediti: Recensione "Callum & Harper" di Fisher Amelie

Buongiorno ragazze,
quest’oggi vorrei dedicare la rubrica ad un libro particolare che io ho apprezzato moltissimo, Callum & Harper di Fisher Amelie

“La mia felicità era legata a lui con fili di cavo d’acciaio trasparente, niente poteva rompere quei legami tranne Callum stesso e mi fidavo di lui così implicitamente.”

“La percezione di tutti è diversa; noi tutti vediamo cose diverse. Io personalmente penso che vedi quello che vuoi vedere.”

TRAMA:
La vita fa schifo per gli orfani Callum Tate e Harper Bailey.
Buttati fuori dalle loro famiglie adottive perché soffrivano della “malattia dei diciotto” con niente di più che un assegno da cento dollari dal governo e una pacca sulla spalla, sono costretti ad affidarsi ad un sistema che li ha delusi miseramente.
Quindi si siedono. Si siedono dentro i Servizi Sociali, aspettando che i loro assistenti sociali chiamino i loro nomi e offrano loro il miracolo che sanno non arriverà mai ma stanno seduti lo stesso perché non hanno nessun altro posto dove andare, nessun’altra opzione nei loro letterali e figurativi piatti vuoti.
Ma mentre sono seduti, si notano a vicenda. Anche se affascinati, arrivano tutti e due alla conclusione che la loro vita è abbastanza complicata senza bisogno di gettare una tensione bollente che non potranno mai testare perché sono troppo impegnati a pensare da dove verrà il loro prossimo pasto, ma quando i loro nomi sono chiamati e sono entrambi messi in una lista d’attesa lunga un anno per una sistemazione permanente, all’improvviso fare affidamento uno sull’altro sembra un ottimo piano B
E, oh, che bel piano B che può essere.
Beh, a parte per lo psicopatico dal passato di Harper che la perseguita e, oh, sì, c’è quel piccolo problema che nessuno di loro due sa che sono innamorati l’uno dell’altro.
Non c’è bisogno di dire che la vita di Callum & Harper è appena diventata un pochino più complicata.

“Un giorno, io e te ci sveglieremo e staremo bene. Forse non oggi, forse neanche domani, ma un giorno. Un giorno. Te lo prometto.”


“Volevo sapere come fosse giacere vicino ad un corpo caldo, sentirsi vicino a qualcuno sincero, perché la sincerità è una di quelle rare qualità umane che sembra come di scoprire un tesoro perduto. È una rara comodità, ma una volta trovata, è assolutamente senza prezzo.”

Callum & Harper non è il solito New Adult. Se vi aspettate di leggere un romanzo pieno di scene di sesso e di passione, allora prendetene un altro. Se invece volete qualcosa di appassionante, divertente, adrenalinico e tremendamente dolce, questo libro è quello giusto per voi.
Innanzitutto, vorrei dire che Callum & Harper è scritto con un doppio punto di vista, sia quello di Harper, sia quello di Callum, con un terzo punto di vista aggiunto verso la fine. Il libro è ambientato anche in due periodi temporali diversi. La prima parte quando hanno diciotto anni, la seconda due anni dopo, a venti.
Come scritto nella trama, i due protagonisti si conoscono mentre sono in attesa per parlare ognuno con il proprio assistente sociale. All’inizio si studiano a vicenda e basta, colpiti entrambi da quello che vedono, ma è quando escono insieme dall’edificio che cominciano a parlare, trovando una scusa, per poi dirigersi verso un rifugio per senzatetto, dato che entrambi sono orfani e le famiglie che li ospitavano li hanno buttati fuori a diciotto anni visto che non avrebbero più ricevuto l’assegno di sostenimento.
Quando, però, arrivano al rifugio, scoprono che è già pieno e che dovranno arrangiarsi in qualche altro modo. È in quel momento che i due, ognuno per conto suo nella propria testa, prendono la decisione di aiutarsi a vicenda. 
Appena Harper ha posato gli occhi su Callum, non ha solo pensato che fosse bellissimo, ma ha anche subito avuto la sensazione che lui potesse prendersi cura di lei, che l’avrebbe sempre tenuta al sicuro, e, effettivamente, lo stesso Callum ha avuto quella sensazione. Si sarebbe preso cura di lei.
E così ha iniziato a fare da quel giorno, trovando un tetto sopra la testa per quella sera, e poi anche per le sere a venire e qualche lavoro per arrivare a fine giornata. Ciò che rende il loro rapporto speciale, però, non è solo che Callum si prende cura di Harper, ma anche che lei gli dia un motivo per continuare a lottare.
Una delle cose più belle di questo libro, secondo me, è che nonostante la situazione terribile, nonostante si ritrovino più volte a terra, senza un soldo e senza un tetto sulla testa, senza più niente intorno, possono sempre contare l’uno sull’altro e finché staranno insieme, riusciranno sempre a trovare un modo per cavarsela.
Per quanto riguarda la parte di storia d’amore, essa è evidente fin dall’inizio. Sappiamo che Harper è innamorata di Callum e Callum di Harper. Se lo continuano a ripetere nella loro testa, solo che hanno entrambi troppa paura di affrontare le conseguenze. Se l’altro non ricambiasse, si ritroverebbero non solo senza migliore amico, ma anche senza supporto, e, in un mondo come il loro, non è facile.
Per non parlare dei continui fraintendimenti. Anche quando pensano di essere stati chiari, l’altro capisce fischi per fiaschi. Insomma, sembra che i due siano allo tempo destinati e non a stare insieme. Ad aggiungersi a tutto questo, c’è anche lo psicopatico che ritiene che Harper sia sua. Insomma, le sfighe non viaggiano mai da sole.
Ho amato alla follia questo libro, un mix giusto che ti obbliga a girare pagina fino alla fine. Anche se sapevo già come andasse a finire, perché letto più di due anni fa, quando l’ho ripreso in mano l’altro giorno, è stata la stessa storia. Quindi, nel totale darei cinque stelle a questo bellissimo e dolce romanzo.

“Mi ricordo di aver abbassato lo sguardo sul suo volto, gli occhi brillanti di nuove avventure, e un piccolo pezzo del mio cuore era caduto tra le sue mani. Il mio cuore era caduto in pezzi ai suoi piedi mentre lei li risistemava con i suoi modi meravigliosi e non si riformò di nuovo del tutto fino a che non passò un anno e il prodotto finito fu un organo che viveva e che batteva sul palmo delle mani di lei.”

1 commento:

  1. Non avevo mai sentito parlare di questo romanzo e dalla recensione ... mi ha rapita, non il solito new adult ma una storia complicata ma romantica, in cui le sfide della vita non mancano ma mi incuriosisce molto il legame tra i personaggi, davvero interessate, da questo momento è entrato a far parte della mia wishlist!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!