mercoledì 18 maggio 2016

Recensione "Insieme a te" di Sylvia Day


Insieme a te
di Sylvia Day
(Crossfire #5)


Trama:
Gideon Cross. Innamorarmi di lui è stata la cosa più semplice che abbia mai fatto. È successo in un attimo. Completamente. Irrevocabilmente. Sposarlo è stato un sogno che si è avverato. Restare sposata con lui è la sfida della mia vita. L’amore è cambiamento. Il nostro è sia il rifugio dalla tempesta che l’uragano più violento. Siamo due anime ferite che si sono intrecciate in una sola. Abbiamo messo a nudo i nostri più intimi e profondi segreti. Gideon è lo specchio che riflette tutti i miei difetti, è tutta la bellezza che non riesco a vedere. Lui mi ha dato tutto. Ora devo dimostrargli che posso essere io la sua roccia, il suo rifugio, esattamente come lui lo è per me. Insieme possiamo resistere a coloro che agiscono così brutalmente contro di noi. Ma la nostra più grande battaglia si trova all'interno delle promesse che ci siamo fatti. Le stesse promesse che ci danno la forza. L’impegno ad amarci era solo l’inizio. Combattere per il nostro amore ci renderà liberi… oppure ci spezzerà.


La mia opinione

Dopo una lunga attesa  una delle più belle serie degli ultimi anni arriva al capolinea.. e lasciatemelo dire…… finalmente !!!  Quando  ho avuto tra le mani questo libro ho sentito un misto di eccitazione e paura e devo confessare che una volta finito ho avuto bisogno di un po’ di tempo per poter esprimere un giudizio. Ma partiamo con ordine.
Dove eravamo rimasti ?Come finiva “in gioco per te “?? Urge un piccolo riassunto …
Eva, dopo che Gideon aveva offerto un lavoro al suo capo  Mark Garrity  senza prima consultarla, si rende conto che finché il marito non accetterà di coinvolgerla nelle decisioni che riguardano la loro coppia, il loro rapporto non potrà avere un futuro. Dopo una separazione di alcuni giorni, si rivedono una notte in un bar e Gideon le promette di lavorare sui suoi fantasmi e le chiede di combattere con lui affinché il loro rapporto funzioni. “Insieme a te “ riparte esattamente da questo punto .
Eva si rende conto di aver chiesto costantemente al marito di cambiare, ma si interroga su quanto lei stessa abbia fatto per andargli incontro.
 
Poche ore prima pensavo che forse non sarebbe mai cambiato, che sarei dovuta scendere a troppi compromessi per condividere la mia vita con lui. Ora, invece, di fronte al suo coraggio cominciavo a dubitare del mio. Avevo preteso da lui più che da me stessa? Mi vergognavo al pensiero di averlo spinto a cambiare mentre io ero rimasta ostinatamente la stessa.

Sente di dover diventare più forte, di dover diventare una risorsa per il marito, per poterlo aiutare nel gestire ogni situazione come una squadra.

Mi sentivo al sicuro tra le sue braccia, coccolata e protetta. Nulla mi poteva toccare né ferire quando mi stringeva a sé. Volevo che lui provasse la stessa sensazione di sicurezza con me, avevo bisogno che sapesse che poteva abbassare la guardia, tirare il fiato, e che io ero in grado di proteggere tutti e due

La paura di perdere Eva invece spinge Gideon a cambiare atteggiamento e capisce di dover permettere alla moglie di entrare totalmente nella sua vita.  La fiducia incondizionata che lei gli dimostra sarà la chiave  di tutto.

Nessuno mi aveva mai guardato in quel modo, con un’accettazione e una comprensione totali che si fondevano con l’amore e il desiderio. Avrei potuto dirle qualunque cosa e lei mi avrebbe creduto. Un dono così semplice, eppure raro e prezioso. Soltanto il mio silenzio avrebbe potuto allontanarla da me, mai la verità.

L’essenza di questo libro è il grande cambiamento che avviene in lui, è più facile gestire il rifiuto e la rabbia, ci è abituato.  Ma con l’accettazione e l’affetto ? Beh è tutta un'altra storia.
Inizia così un percorso di rinascita, l’ essere creduto senza riserve prima da sua moglie, poi dal patrigno Chris, lo fa aprire verso l’amore, la fiducia e l’accettazione, rendendolo più felice. La crescita emotiva porta Gideon a porsi verso il suo passato in modo più sereno, facendogli sentire il bisogno di avvicinarsi al patrigno e a chiarire una volta per tutte il passato con la madre.  Un Gideon che comincia a non essere più imperturbabile, che evolve senza snaturare se stesso, cosa che ho particolarmente apprezzato.
 «Mi hai cambiato la vita, Eva, e hai realizzato l’impossibile: mi hai trasformato.  Mi piace come sono ora, e non avrei mai pensato che potesse accadere.»
 
La Day sceglie di sviluppare la storia in un tempo molto ristretto, nelle poche settimane che precedono la cerimonia per il rinnovo delle promesse matrimoniali. Devo confessare che questo mi ha un po’ destabilizzato, probabilmente perché avevo nella mia testa un percorso temporale più lungo. Mentre leggevo le prime pagine, da una parte ho avvertito la bellissima sensazione del ritorno a casa di due personaggi che amo alla follia, dall’altra la paura di ritrovarmi un libro noioso perché affronta  la quotidianità della coppia e la loro crescita. Devo dire però che, superate le prime 100 pagine  che si concentrano sul consolidamento della coppia e scorrono un po’ lente, si assiste ad un cambio di ritmo e ci si ritrova immersi in tutta una  serie di situazioni che finalmente progrediscono e  ti coinvolgono nella storia. Non ci sono molti colpi di scena, a parte quello che la Day ci riserva quasi sul finale e che mi ha lasciato senza parole, poteva la Sylvietta lasciarci senza ? Ma assolutamente no !!!
Anche “Insieme a te “ è narrato con il POV alternato dei due protagonisti, questo permette di entrare in sintonia con i loro pensieri e di comprendere meglio  le loro azioni, ma devo dire che a fare la differenza è proprio Gideon, attraverso i suoi occhi  ogni cosa acquista un sapore diverso. Questo  è senza dubbio un bel romanzo, dove viene data più importanza ai sentimenti e meno al sesso, anche se le scene bollenti non mancano e sono sempre raccontate in modo superbo .
Però ……. Eh si c’è un però!  Nonostante il libro mi sia piaciuto, ho trovato che la scelta di far svolgere la storia in così poche settimane abbia penalizzato la trama. Ci sono situazioni che restano in sospeso, (vedi la storia di Cary che resta praticamente immutata),  altre che non vengono spiegate del tutto in modo chiaro. Arrivati alla fine, si avverte una sensazione di insoddisfazione, non per la mancanza di  un finale, anzi quello c’è ed è dolce, ma per tutte le cose che vengono lasciate qua e la, senza una spiegazione.
Quando un idea nasce per articolarsi su 3 libri, ma grazie al successo e alle regole dell’editoria consumistica, sei costretto a rivederla per spalmarla su cinque libri, è inevitabile che si perda qualcosa per strada. Questo è un bel libro che mantiene il fascino magnetico e unico di Gideon e di un amore da favola, ma perde un po’della magia dei primi due libri ( i migliori della serie). La bellezza di un amore così forte e puro di due persone segnate dal passato che si amano, si proteggono e si salvano a vicenda in modo incondizionato, la devozione che Gideon dimostra verso sua moglie, nonostante le mille vicissitudini che si presentano .
Mi meravigliava vederlo così felice e rilassato. Avevo sempre pensato a Gideon Cross come a una tempesta. Tuoni e fulmini, un’energia di feroce bellezza che poteva essere tanto pericolosa quanto affascinante. A malapena contenuta, come il vortice di un tornado. Ora l’avrei descritto come la quiete dopo la tempesta, il che significava che era una forza della natura ancora più impressionante. Adesso eravamo... centrati. Ci sentivamo sicuri e impegnati: il reciproco possesso rendeva raggiungibile qualunque cosa.
La Day ha creato una storia d’amore unica, che dalle prime righe di “A nudo per te “ mi ha catturato ed emozionato, ci ha deliziato con una trama sempre ricca di azione e suspense e la scrittura sempre eccellente. Forse proprio per tutte queste cose mi sarei aspettata un finale più eclatante, questo però non toglie che il libro merita di essere letto, alla fine arriva il tanto atteso lieto fine per il loro amore. Di strada da percorrere ce n’è ancora tanta, ma insieme nulla li potrà fermare.
Arrivederci Mr. e Mrs. Cross mi mancherete.

 

5 commenti:

  1. Devo fare una premessa: IO AMO LA SERIE CROSSFIRE.
    Però devo dire che da quest'ultimo libro, mi aspettavo un pochino in più, soprattutto dopo un sacco di anni passati ad immaginarci di tutto e di più. I personaggi perfetti ma secondo me poteva osare di più nel futuro. Peccato.

    RispondiElimina
  2. Toh, la butto lì: uno spin off su Cary (magari non proprio un libro/libri, forse solo un racconto lungo) oppure risposte più esaurienti nella fantomatica serie televisiva. Non per fare la cinica, ma se la serie rende... Perchè non spolpare fino in fondo la carcassa? Ammetto che sono un filo arrabbiata con la Day perchè ha snaturato una serie, che ho amato moltissimo, allungando troppo il brodo; mai come in questo caso maggiore compattezza avrebbe giovato. Ovviamente, parere personale e massimo rispetto per chi ha idee diverse. Brekke

    RispondiElimina
  3. A me questo libro mi ha deluso, sono rimasta con troppi interogativi

    RispondiElimina
  4. Letto appena uscito. Sinceramente sono rimasta un po delusa..mi sarei aspettata un finale diverso.

    RispondiElimina
  5. Ancora devo leggere questo libro....Devo completare il penultimo che a dire il vero mi sta annoiando un po! Spero davvero che l'ultimo migliori perche sinceramente queste serie mi ha preso proprio poco

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!