martedì 31 ottobre 2017

Recensione: Follow Me di A.V. Geiger

Follow Me
di A.V. Geiger 
(Follow Me Back, #1) 


Trama
Tessa ha diciotto anni e, da quando ha subito un misterioso trauma, soffre di una grave forma di agorafobia che le impedisce di uscire di casa. Eric Thorn è un giovane cantautore che ha cominciato postando video su YouTube ed è diventato una popstar di fama mondiale, ma non è felice. I due si conoscono sull'account Twitter @EricThornFaSchifo: lui l'ha aperto sotto falsa identità per ridicolizzare se stesso, lei ha iniziato a scriverci per difendere il suo idolo. Ma mentre Tessa è ignara di intrattenere lunghe chat, sempre più profonde e personali, proprio con Eric, lui si scopre affascinato da questa fan così diversa dalle altre, brillante e intelligente, e presto inizia persino a provare qualcosa per lei. E senza averla mai vista: Tessa, pur ricambiando i suoi sentimenti, non si fida completamente di nessuno, e non è disposta a mostrarsi nemmeno in foto. Proprio quando il loro rapporto sembra finalmente pronto a una svolta, però, la ragazza sarà costretta ad affrontare di nuovo il suo trauma mai sepolto.

La mia opinione

Ci ho messo fin troppo a iniziare a scrivere questa recensione perché la verità è che avrei dato cinque stelle a Follow me, fino al momento in cui ho letto quel dannato epilogo. C’è un motivo per cui io cerco di spoilerarmi sempre ogni finale, non mi piace per nulla quando succede qualcosa di sorprendente in modo negativo alla fine di un libro che non doveva avere nulla, ripeto nulla, di sorprendente.
Per quanto la fine potrebbe essere quasi considerata una genialata da parte della scrittrice, anche solo per l’idea, non lo è per nulla, perché sicuramente si sbroglierà in maniera piuttosto evidente (non posso dire come per non spoilerare la fine), prevedibile e banale nelle prime pagine del nuovo libro, rendendo la suspense inutile.
In ogni caso, se come me volete almeno provare a risollevarvi il morale da questo finale, il libro originale su wattpad contiene anche la seconda parte. L'autrice ha rivelato che potrebbero esserci delle sorprese in quello che poi pubblicherà, e lo spero, ma non cambierà così tanto, quindi è comunque soddisfacente.
Passato lo sfogo, ripartiamo dall’inizio.
Tessa non è una protagonista come tutte le altre. È una ragazza appena maggiorenne che ha di recente sviluppato un caso di agorafobia, così forte che anche solo scendere al piano di sotto della sua stessa casa le crea problemi. Parla in modo regolare con una psicologa, ha un fidanzato cretino, e ha trovato il modo di “liberarsi” dai suoi problemi, anche se solo per qualche breve secondo, grazie a Twitter e al suo amore per Eric Thorne.
Eric Thorne è una rockstar che ha paura della sua ombra. Un suo collega è appena stato ucciso da una fan sfegata e ora lui odia qualsiasi tipo di attenzione da parte del suo fan club, nonostante il suo manager lo incoraggi a dare loro corda. Motivo per cui decide di creare un profilo Twitter falso dove autocriticarsi e parlare male di sé stesso, sperando così di attirare altre persone con un’idea negativa di lui a fare altrettanto. Peccato che trovi solo ragazze che lo adorino, tra cui una fan che attira in particolare la sua attenzione.
Nonostante nessuno dei due sappia con chi stia parlando, i due iniziano a scriversi in modo assiduo, almeno fino a quando Tessa fa una scoperta piuttosto sconcertante sulla persona con cui si sta twittando. E no, non è che sia Eric Thorne, il suo idolo, ma il fatto che stia parlando con un ragazzo e non una ragazza, come invece pensava. Da quel momento, le cose iniziano a farsi sempre più complicate, un po’ come la loro amicizia.
Ho adorato i due protagonisti, soprattutto Tessa, che un po’ alla volta riesce ad affrontare le sue paure. C’erano dei momenti in cui non capivo Eric, faceva delle cose che non avevano  molto senso con quanto da lui affermato poco prima, ma non importa, perché è una rockstar di vent’anni che non sa più quello che vuole, quindi non può sempre avere un comportamento logico.
Nel romanzo è presente anche una accennata componente thriller che rende il tutto un po’ più entusiasmante.
Peccato davvero per quel finale che ancora non sono riuscita a superare. Motivo per cui darei tre stelle e mezzo al libro. Storia fantastica, fine inutilmente non conclusiva.

- Punto di vista: prima persona alternato 
- Sensualità: qualche bacio
- Caratteristiche: dolce e intrigante
- Stile narrativo: scorrevole
- Tipo di finale: aperto, per nulla soddisfacente

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!