mercoledì 13 dicembre 2017

Recensione La maschera d'argento. Magisterium #4 di Holly Black, Cassandra Clare

La maschera d'argento
(Magisterium #4)
di Holly Black, Cassandra Clare

Trama
La vita di Callum Hunt è a pezzi. Il suo segreto è stato svelato al mondo. Aaron, il suo migliore amico, è morto. Alex, la spia del Nemico, è riuscito a fuggire. E ora Call si trova a vivere dietro le sbarre, chiuso in una cella, bandito dal resto della comunità magica per ciò che è… o meglio, per ciò che potrebbe diventare. Una speranza di libertà ci sarebbe. Ma tutto ha un costo, e lui non sa se è disposto a pagarlo.
Riuscirà a trovare dentro di sé la forza di non tradire i suoi amici e gli insegnanti? O correrà il rischio di distruggere tutto ciò che nella vita ha di più caro? Nell'anno d'argento al Magisterium sarà tutto diverso da prima…

La mia opinione


Avviso: questa non sarà una recensione imparziale, né matura. È una recensione scritta in modalità fangirl e come tale va presa. Avverto che sono presenti spoiler riguardo ai libri precedenti, ma cercherò di tenermi sul vago su quanto succede in questo e di non lasciar trapelare nulla che potrebbe rovinare la lettura, per quanto possibile. Leggete a vostro rischio e pericolo.

Era facile accumulare un bel punteggio da sire malvagio, in prigione.

Alla fine del terzo libro, in uno slancio di sadismo degno della reputazione delle due autrici, abbiamo lasciato i nostri protagonisti nella peggiore delle situazioni possibili: Aaron è stato assassinato da Alex, ritenuto loro alleato, attraverso l'Alkahest, rubandogli in questo modo il suo potere di Makar. Tamara è riuscita a salvare la vita di Call, scegliendo di proteggere lui invece di Aaron, ma Call è stato in seguito smascherato come reincarnazione di Constantine, il Nemico della Morte, e imprigionato nel Panopticon per i crimini della sua vita passata e per l'omicidio di Aaron.
“La Maschera d'Argento” si apre con questa nota disperata, in cui, dopo sei mesi di reclusione, Call ha perso ogni speranza di poter essere scagionato. Tutti, dai membri dell'Assemblea ai suoi secondini, hanno paura di lui, ed è improbabile che gli venga assegnata una pena clemente.
Tuttavia i suoi amici Tamara e Jasper, nonché un'improbabile alleata come Anastasia, non hanno intenzione di lasciarlo marcire lì dentro.
È così che escogitano la sua evasione, ma quello che non si aspettano è di finire un una prigione pure peggiore. Infatti, Magister Joseph e Alex sono ancora là fuori a cercare di portare a termine quello che Constantine aveva iniziato, e hanno bisogno che Call si unisca alle loro schiere per riuscirci. Ma per far sì che Call sia utile ai loro piani, prima devono costringerlo a portare a termine un compito: usare i suoi poteri del caos per riportare Aaron Stewart in vita.

Vi avevo promesso una recensione da fangirl, quindi premetto che, sia giusto o meno, ormai sono completamente devota alla ship Call + Aaron.
Solo questa citazione, presa da “La Chiave di Bronzo”, è sufficiente a farmi sclerare e soffrire allo stesso tempo:

Call allungò la mano e afferrò quella di Aaron.
L’amico rimase di stucco per un istante, poi ricambiò la stretta.
Call avrebbe voluto dire al suo migliore amico che era davvero dispiaciuto, che era tutta colpa sua, perché era Constantine Madden. Ma, prima che ne avesse modo, fu Aaron a parlare.
«Se non altro, moriremo insieme» commentò l’amico. Poi, contro ogni pronostico, gli sorrise.


Potete quindi immaginare la mia disperazione alla fine del terzo libro e l'ansia, mentre leggevo questo, di sapere se dovessi completamente abbandonare le speranze oppure no. Per non rovinarvi la sorpresa non dirò quindi se sono contenta o meno di come si sia sviluppata la vicenda da questo punto di vista. Dirò solo che la lettura è stata un'altalena di emozioni.
Viceversa, il rapporto tra Call e Tamara mi è sembrato molto piatto: forse (sicuramente) sono di parte, ma non trovo alcuna alchimia tra i due e un'eventuale loro relazione mi sembra scontata e forzata.
Jasper è ancora una volta la spalla comica della situazione (Call pure è sarcastico, ma il suo è un umorismo più cupo). Adoro il fatto che per Call sia diventato un buon amico, anche se nessuno dei due lo ammetterebbe mai neanche sotto tortura.

«Sei l'unico con cui posso parlare, Call» disse Jasper.
«Forse perché sono incatenato al pavimento e non posso fuggire?»
«Esattamente»

Call ora più che mai deve confrontarsi con la sua vita passata e con se stesso per capire davvero qual è il confine tra bene e male, confine che non deve superare se vuole sperare di non diventare come Constantine. Eppure, gli eventi che si stanno susseguendo sembrano il ripetersi della storia passata, e sia lui stesso sia i suoi amici più cari inizieranno a domandarsi se l'influenza di Constantine non stia avendo il sopravvento.
Il finale è carico di azione e di emozioni contrastanti, sofferenza e sollievo in egual misura, e con un colpo di scena finale che mi lascia in trepidante attesa dell'ultimo libro della saga.

La maschera d'argento” mi è piaciuto di più dei libri precedenti: i nodi stanno venendo al pettine e la trama diventa più sinistra. Tuttavia non ho idea di cosa aspettarmi dall'ultimo libro, credo che Cassandra Clare e Holly Black ci stupiranno ancora una volta (e spero che non ci facciano soffrire troppo).

L'unica pecca è sempre la stessa: la brevità del libro. L'ho finito in un solo pomeriggio, un po' deludente considerando che dobbiamo aspettare un anno tra un'uscita e un'altra.

Punto di vista: Terza persona, Call
Sensualità: Solo baci
Caratteristiche: Magico, avventuroso
Stile narrativo: Scorrevole
Tipo di finale: Cliffhanger

8 commenti:

  1. Di questa saga ho già letto i primi due volumi, non vedo l'ora di leggere i successivi, soprattutto questo: la recensione mi ha proprio incuriosito. Peccato che sia breve, anch'io, di sicuro, lo finirò velocemente!

    RispondiElimina
  2. É bellissima complimenti. Il libro mi interessa. E leggendo una recensione così ben fatta e dettagliata ci faccio davvero un pensierino. Mi piacerebbe molto ricevere una recensione così. Elisabeth Norman

    RispondiElimina
  3. Io dopo il terzo volume ho deciso di abbandonare la saga. Già dal secondo mi stava calando ma il terzo non mi era proprio piaciuto :(

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo la saga però, anche se non leggo spesso questo genere, non sembra niente male!

    RispondiElimina
  5. Bellissima saga, ho letto il primo libro!grazie per l'interessante recensione

    RispondiElimina
  6. che lo dico a fare, saga splendida che però non ho ancora finito di leggere! grazie

    RispondiElimina
  7. Bella recensione!!! Non vedo l'ora di poter leggere La maschera d'argento Cassandra e Holly accoppiata vincente

    RispondiElimina
  8. Adoro questa recensione! Non ho nuora avuto modo di leggere la saga ma adoro l'autrice è una delle mie preferite!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!