giovedì 12 luglio 2018

L'angolo degli inediti - Recensione: Bad Boy Brody di Tijan

Buongiorno ragazze,
oggi vi parlo del contemporary romance Bad Boy Brodyl’ultimo romanzo di Tijan uscito in lingua originale .

“Lei era bellissima. Era selvaggia. Era indomita. Non spezzata.”


“Momenti come questi, dove c’eravamo solo io e lei e le nostre perfette intese, erano quello per cui vivevo. Lei voleva correre e io volevo sentirmi come se stessi volando.” 

TRAMA:
Un pugno lo ha portato dall’essere il “Golden Boy” di Hollywood al “Bad Boy Brody”.
Ai media non importava che fosse in lutto per la morte di suo fratello. Lo attaccarano, ma per cambiare la sua reputazione, il suo manager fece un accordo.
Recitare in un film indipendente, che aveva già avuto un brusio di Oscar, e avrebbe ottenuto i ruoli nei film di cui aveva bisogno per garantirsi un futuro.
Accettò l’accordo.
Eppure non era preparato per le persone vere dietro la sceneggiatura. Non era preparato per l'omicidio su cui si basava il film. E lui non era davvero preparato per lei, il più grande segreto di tutti.
Era selvaggia. Era bella. Sfidava la gravità.
Ma lei era il ruolo principale che lo avrebbe domato?


“Nasconditi, Morgan. Nasconditi.” Sentii il sussurro di mia madre.


“Stai flirtando con me.”
“Esatto.” La sua bocca si aprì un pochino.
“Quando le persone flirtano, sono così oneste al riguardo?”
“Dio, no.”

Se avete letto dei romanzi di Tijan, forse vi sarete fatte un’idea sul suo stile. Lei mette una grossa enfasi sui drammi familiari. Può piacere, come non, però ci sono dei suoi romanzi che sono veramente particolari e unici e Bad Boy Brody è uno di questi.
Sarà particolarmente apprezzato da tutte le amanti dei cavalli.
Brody è un attore di hollywood che è stato ingaggiato per girare un film nella campagna americana. Peccato che al momento lui abbia tutt’altro per la testa. Suo fratello è morto da poco e l’unica cosa che sembra importargli è bere. E scopare. Almeno finché un branco di cavalli selvaggi non taglia la strada alla sua auto e vede lei.
Morgan è un personaggio del tutto particolare. Dopo la morte di sua madre, ha deciso di andare a vivere con i cavalli nella tenuta della sua casa. È selvaggia ed è libera, proprio quello che Brody vorrebbe essere, quindi forse è per questo che l’attrae fin da subito. Morgan ha finito il liceo e preso una laurea, eppure passa tutto il tempo tra i cavalli. Non ha mai messo piede a casa sua per anni, non vedendo neanche i fratelli, ma l’arrivo di Brody e della troupe cinematografica scambia un po’ le carte in tavola.
È strano vedere come Morgan riesca a ritrovare mano a mano la sua “umanità”, se così si può chiamare, passando sempre più tempo con Brody e come lui invece riesca a uscire dal suo problema di alcolismo grazie a lei. C’è una vera e propria evoluzione dei personaggi, dall’inizio alla fine, ed è una delle cose che adoro dei romanzi di Tijan.
Ho amato la storia, sia la loro relazione che gli intrighi e i drammi che ci sono in mezzo, che rendono il tutto più interessante ed emozionante. Darei nel totale cinque stelle a questo romanzo e lo consiglierei a tutti gli amanti del romance.


“Lei era come guardare un’opera d’arte venir dipinta da un pittore. Sapevi che il risultato sarebbe stato mozzafiato, ma dovevi sederti e lasciare che il pittore facesse il suo lavoro.”


- Punto di vista: di entrambi, prima persona, 
più un terzo punto di vista
- Sensualità: scene hot
- Caratteristiche: emozionante e romantico
- Stile narrativo: scorrevole
- Tipo di finale: conclusivo

“Lei era pura. Era innocente. E non aveva idea di quanto rara fosse.”

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!