martedì 30 ottobre 2018

Recensione: L'istante perfetto di Jay Asher

L'istante perfetto
di Jay Asher 

Trama
Da quasi trent’anni la famiglia di Sierra coltiva “alberi di Natale” in un grande vivaio dell’Oregon. E ogni inverno si trasferisce per un mese in California per venderli. Sierra vive perciò due vite: una in Oregon e l’altra in California, ma solo per il periodo natalizio. Finché si trova lì si è ripromessa di non legarsi a nessun ragazzo, perché sarebbe doloroso poi, dopo solo un mese, doverlo lasciare. Ma quando incontra Caleb, tutto cambia. Certo, da quel che si dice in giro, non è proprio il fidanzato ideale. Pare infatti che, anni prima, abbia commesso un errore enorme, del quale sta continuando a pagare le conseguenze, fatte di ostilità, pregiudizi e isolamento. Ma a Sierra tutto questo non interessa. Anche se migliaia di pensieri le ronzano in testa minacciando di distoglierla dal momento magico che sta vivendo, forse vale la pena di chiudere gli occhi, lasciarsi andare e mandare al diavolo la logica. Dopo tutto, la logica non sa quello che desideri e che quello che conta, alla fine, è l’amore. Vero, puro, necessario. Come il loro.

La mia opinione

"L'istante perfetto" di Jay Asher si allontana molto dal mondo adolescenziale fatto di bugie e superficialità di "Tredici". 
Questo Young Adult si svolge durante il periodo Natalizio. 
Sierra vive nell' Oregon: ha delle splendide amiche e due genitori fantastici, che possiedono una tenuta agricola in cui si coltivano alberi di Natale. 
Una volta all'anno, da moltissimi anni, Sierra, sua madre e suo padre, si trasferiscono per un mese in California, esattamente nel periodo che precede il Natale, per poter vendere gli alberi. 
Qui Sierra ha una sorta di seconda vita: conosce ogni luogo del paese, gli abitanti, ha una migliore amica di nome Heather... 
In California, Sierra si sente come a casa. Ma soltanto per un mese all'anno. 
E, quest'anno, probabilmente sarà l'ultimo anno che Sierra trascorrerà in California: i suoi genitori stanno pensando di lasciar perdere la vendita di alberi in questo territorio, a causa dei miseri guadagni. 
Un giorno però, Sierra incontra Caleb: un ragazzo dolce, introverso, che nel suo tempo libero acquista alberi di Natale per donarli alle famiglie più bisognose. 
Tra i due nasce subito un sentimento forte. 
Nonostante Caleb abbia una cattiva reputazione in paese a causa di un gesto violento compiuto in passato, Sierra non si lascia condizionare, lasciandosi andare a quelle emozioni che Caleb sa trasmetterle. Ma un mese scorre in fretta, e man mano che il tempo passa, Sierra si rende conto che dirgli addio non sarà facile. 

"Al diavolo la logica. La logica non sa quello che desideri."

"L'istante perfetto" è un libro che sarà in grado di farvi sognare. 
Racconta di un amore romantico, genuino, come solo un primo amore può essere. Non c'è spazio per passioni esagerate o per sentimenti controversi: ciò che lega Caleb e Sierra è un amore puro. 
Uno dei temi principali é la distanza: può un amore sopravvivere, nonostante i chilometri che dividono? Il dolore nel dover dire addio viene trattato con molta delicatezza e disperazione allo stesso tempo. Ammetto di aver avuto il cuore stretto in una morsa, ogniqualvolta che Sierra affrontava l'argomento con gli altri e con se stessa. E forse solo chi ha potuto vivere sulla propria pelle una situazione simile, sa realmente quello che si prova. 
Altro tema davvero profondo è quello della famiglia: il legame tra Sierra e i suoi genitori è meraviglioso. Sierra si confida con loro, vedendoli come un punto di riferimento, nonostante alcune incomprensioni, e non ha paura di condividere emozioni e insicurezze. Sa che entrambi ci sono sempre per lei, pronti a sostenerla.
E poi si sa, il clima del Natale rende tutto più magico. 
Alberi di Natale addobbati, luci e candele, biscotti fatti in casa e cioccolata calda fanno da contorno a questa storia d'amore, rendendo tutto più speciale. 
Un romanzo, a mio parere, ideale da leggere della durante le vacanze Natalizie, in grado di far sognare ad occhi aperti e di risvegliare quei sentimenti che soltanto i nostri primi amori ci hanno fatto provare. 

Punto di vista: prima persona di Sierra
Sensualità: qualche bacio
Caratteristiche: romantico, emozionante, dolce
Stile narrativo: scorrevole
Tipo di finale: conclusivo




Si ringrazia la casa editrice Mondadori per questa lettura in anteprima!

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!