venerdì 12 ottobre 2018

Recensione: A Marriage Case di Catherine BC

A Marriage Case 
di Catherine BC 


Trama
Nancy e Nathan sono due persone agli antipodi che con molta probabilità non si sarebbero mai incontrate. Eppure, per uno strano scherzo del destino, finiscono per sposarsi in fretta a Las Vegas. L’inattesa vita coniugale metterà a dura prova i sensi e la razionalità di entrambi, fino a far capire loro che l’amore non segue mai strade maestre.
Un romanzo tratto da una storia vera, perché spesso la realtà supera di gran lunga la fantasia.


La mia Opinione

La storia raccontata in queste pagine è sicuramente piacevole e divertente e, se si considera che è anche ispirata ad una storia vera, fa immediatamente capolino anche la curiosità di vedere l’evolversi degli eventi tra Nathan e Nancy.
La protagonista ha radici italiane, sicule per la precisione, e a mio avviso questo rende tutto più simpatico e coinvolgente. Molti fatti legati alla nostra cultura sono facilmente riscontrabili nel personaggio di Nancy, di cui giusto il nome risulta per me l’unica nota stonata. Ma il modo in cui il personaggio ragiona, le assonanze che fa, i ricordi che le tornano alla mente sono tutti sicuramente molto simili a quelli di ‘Noi lettrici italiane’ e, per questo, è facile immaginare Nancy come ‘Una di noi’ com’è altrettanto facile immedesimarsi in questa simpatica ed inusuale storia d’oltreoceano.
Nathan è un personaggio che viene presentato in linea con l’idea classica del ‘Bad Boy’: bellissimo, pieno di donne, sesso ovunque, un passato difficile, una famiglia assente, una vita sregolata ma, fortunatamente per Nancy, non completamente perso e rovinato.
L’incontro ‘per nulla’ casuale tra i due porterà un cambiamento drastico ma necessario nelle loro vite, arrivate per entrambi ad un punto dove la presenza dell’altro è l’unico mezzo per riuscire ad andare avanti. Ma come si dice bene dalle nostre parti ‘Non tutti i mali vengono per nuocere’. Ed infatti, non servirà molto a Nathan per innamorarsi di Nancy e di tutte quelle sue particolari caratteristiche ‘così italiane’ che lei incarna perfettamente.
In alcuni punti, lo stile non risulta proprio scorrevolissimo; a mio avviso la costruzione di alcune frasi o l’uso di alcune parole sembrano interrompere un po’ la magia della narrazione in favore dell’uso di costrutti più altisonanti o parole più ricercate, spezzando così la connessione del lettore con gli avvenimenti.
E' stato come se qualcuno ogni tanto staccasse la spina interrompendo quella connessione magica (ben nota ad ogni lettrice) con il film che in quel momento stavo vivendo nella mia mente.
Mi sarebbe piaciuto vedere alcuni aspetti della storia maggiormente approfonditi, avrebbe permesso di dare un po’ più di spessore non solo ai due personaggi ma anche alle loro vite, come Il rapporto di Nathan con la madre per esempio, che se fosse stato affrontato in maniera un po’ più ampia avrebbe aiutato meglio a capire questo personaggio.
Comunque, il libro nel complesso è piacevole, mentre lo si legge non si può fare a meno di chiedersi quali situazioni, tra le tante raccontate, siano realmente accadute. Ci sono delle scene divertentissime in cui non ho potuto fare a meno di ridere ad alta voce. Sicuramente c’è molto della fantasia dell’autrice ma sapendo che questo racconto affonda le radici in una storia d’amore realmente accaduta, i personaggi di Nathan e Nancy diventano automaticamente molto speciali. Dategli una chance, ne vale la pena.

Punto di vista: Doppio
Sensualità: Presente
Caratteristiche: Divertente, Coinvolgente
Stile Narrativo: Abbastanza scorrevole
Tipo di finale: Auto-conclusivo






Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!