lunedì 1 ottobre 2012

Intervista a Anne Greenwood Brown, autrice della serie Lies Beneath


Ciao Anne,
benvenuta su Romanticamente Fantasy!
Il tuo romanzo d'esordio "Un Bacio dagli Abissi" è appena stato pubblicato qui in Italia, 
che ne dici per prima cosa di raccontarci qualcosa di te per presentarti ai lettori italiani?

- Certo! Per prima cosa, sono così eccitata dal fatto che “Un Bacio dagli Abissi” sia stato tradotto in Italiano. Quando andavo al college, ho passato un mese intero in Italia (Roma, Firenze, Pisa, Assisi…) e l’amo moltissimo. (Ho anche mandato mia figlia in Italia, la scorsa estate, perché potesse fare anche lei quest’esperienza.)

- Sure! First, I am so excited to have LIES BENEATH translated into Italian. When I was in college, I spent a month in Italy (Roma, Firenze, Pisa, Assisi...), and I love the country so much. (I even sent my daughter to Italy last summer so she could experience it for herself.) 

1) Come e quando è nata la tua passione per la scrittura? 

- Ancora prima di saper scrivere, amavo raccontare storie. Non appena fui grande abbastanza per andare a scuola, cominciai a scriverle. Poi, a cinque o sei anni, mio padre fece una copia delle mie storie con la fotocopiatrice dell’ufficio ed io le portai in giro per il vicinato, cercando di venderle. Una volta riuscii a ricavarne trenta centesimi!

- Even before I knew how to write, I was telling stories. As soon as I was old enough to go to school, I started writing them down. Then, when I was five or six years old, my dad made copies of my stories on his office copy machine, and I would walk around the neighborhood trying to sell them. I made thirty cents once!

2) Per quale motivo hai scelto come protagonisti della tua serie sirene e tritoni? Cosa ti ha ispirata?

- Non ho esattamente “scelto” di scrivere di sirene. Stavo scrivendo una storia ambientata nel Lago Superiore e cominciai ad avere un sogno ricorrente dove il personaggio maschile principale stava portava un traghetto verso il largo nel lago. Poi una notte si tuffò, e ne uscì fuori con la coda. Feci un balzo nel letto con in testa la prima frase del libro, che in Inglese è: “I hadn’t killed anyone all winter, and I have to say I felt pretty good about that” (Non ho ucciso nessuno per tutto l’inverno e devo dire che ne vado piuttosto orgoglioso.) Decisi che era una storia che voleva essere raccontata, quindi scesi le scale e cominciai a scrivere.

- I didn’t actually “choose” to write about mermaids. I was writing a story set on Lake Superior, and I started having a reoccurring dream where the male character was diving off the ferry into the lake. Then one night he dove and burst out with a tail. I sat up in bed with the first line of the novel in my head, which in English was: “I hadn’t killed anyone all winter, and I have to say I felt pretty good about that.” I decided that was a story that wanted to be told, so I went down stairs and started writing it.


3) Da quali fonti hai attinto la tua conoscenza su queste creature mitologiche marine?

- Ero piuttosto titubante all’idea di fare molta ricerca, perché non volevo lasciarmi influenzare troppo da quello che era stato già raccontato. Comunque, ho cercato alcune leggende sulle sirene in tutto il mondo ed ho preso alcuni spunti su cui lavorare. Per esempio, in Cina, si dice che le sirene profumino di felicità. Io ho rigirato la cosa ed ho fatto in modo che avessero bisogno dei sentimenti di felicità degli esseri umani.

- I was very hesitant about doing a lot of research about mermaids because I didn’t want to be too influenced by what had come before. However, I did look at a few mermaid legends from around the world and picked some pieces to work with. For example, in China, mermaids are said to smell like happiness. I turned that around and made them crave happiness from human beings.

4) Chi è il tuo personaggio preferito di "Un Bacio dagli Abissi"? Cosa lo rende così speciale per te?

- Oh, difficile! Uhm… adoro Calder, ovviamente, perché si tormenta così tanto su chi era, su chi è e su chi vorrebbe diventare. Immagino che sia una fase che attraversiamo tutti, prima o poi. Ho amato anche scrivere di Maris, perché è così incasinata. Nel secondo e nel terzo libro comincerete a capire perché è diventata nel modo in cui è.

- Oh, so difficult! Um...I love Calder, of course, because he struggles so much with who he was, who he is, and who he wants to be. I think that’s something we all go through at one time or another. I also loved writing Maris because she is so messed up. In Books 2 and 3 you start to learn more about why she is the way she is.

5) Mi ha piacevolmente sorpreso che il libro fosse scritto dal punto di vista del protagonista maschile (Calder). Come mai questa scelta?

- Leggo un sacco di libri Young Adult, quindi so che avere un narratore maschile è una scelta inusuale. Comunque, come ho detto prima, Mi svegliai con quella prima frase in mente con la voce di Calder. Non riuscivo a farlo star zitto, così ho lasciato che fosse lui a narrare la storia.

- I read a lot of Young Adult books, so I knew having a male narrator was an unusual choice. However, as I mentioned, I woke up with that first line and Calder’s voice in my head. I couldn’t get him to be quiet so I let him tell the story!

6) Nei prossimi libri leggeremo anche il punto di vista di Lily? 

- Si, il secondo libro (Titolo inglese: Deep Betrayal) è narrato dal punto di vista di Lily ed il terzo (Dark Descent) si alterna tra Calder e Lily.

- Yes, Book 2 (English title: DEEP BETRAYAL) is told from Lily’s point of view and Book 3 (DARK DESCENT) alternates between Calder and Lily.

7) Qui in Italia il primo libro è stato appena pubblicato. Cosa ci aspetta nel secondo? Puoi darci qualche piccola anticipazione?

- Ooooo… spoilers! Vediamo… ecco, non ci saranno “triangoli amorosi”, ma saranno introdotti alcuni nuovi personaggi e cominceranno a spuntare cadaveri sulle spiagge.

- Ooooo...spoilers! Let’s see...well there is no “love triangle,” but some new male characters get introduced and dead bodies start showing up on the beaches.

8) Quali sono le tue autrici preferite? E il tuo libro preferito?

- Non ho un solo preferito, ma amo Shiver di Maggie Stiefvater e The Book Tief, di Markus Zusak. Ed ovviamente ho AMATO l’intera serie di Harry Potter.

- I don’t have one “favorite,” but I loved Maggie Stiefvater’s SHIVER, and Markus Zusak’s THE BOOK THIEF. And of course, I LOVED the whole Harry Potter series.

Grazie di cuore all'autrice per aver risposto alle nostre curiosità!


(traduzione dell'intervista a cura di vecchiastrega)

2 commenti:

  1. Che bella intervista! :)
    Sono veramente curiosa di leggere il suo libro, posso chiedervi come l'avete contattata?
    Mi sono sempre chiesta come i blog riescano a fare interviste a scrittori stranieri!

    RispondiElimina
  2. Non avevo mai sentito parlare di questa autrice... Ma adesso mi è venuta voglia di leggere il suo libro. Argh, troppi titoli da leggere e da comprare!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!