venerdì 11 ottobre 2013

Doppia recensione: "La danza degli Dei " di Aurora R. Corsini



 La danza degli Dei –
- Autore, Aurora R. Corsini
- Formato, Brossura
- Editore, La Corte Editore
- Serie, Bacio Immortale (Libro 2 di 3)


Trama:

Nascosta sotto il cielo di Parigi, Penny si crede al sicuro tra le braccia di Valo, l’antico Dio Apollo, convinta che la loro storia d’amore sia ormai indissolubile.
Ma il mondo degli immortali è infido e oscuro e la sentenza di morte emessa da Hera che pende sulla sua testa sta per cambiare tutto. Solamente Poseidone, potente dio del mare, sembrerebbe poterla aiutare, ma la via per arrivare a lui si rivelerà irta di insidie e il fato esigerà un prezzo terribile, che Penny dovrà pagare sacrificando il proprio cuore.
Sola e disperata, a chi si rivolgerà quando anche il potere ereditato dalla madre immortale si rivolterà contro di lei? Di chi potrà fidarsi?
Solamente l’ambiguo Ermes, dio dei ladri, parrebbe ergersi tra lei e i sicari inviati dalla sovrana degli dei, anche se il suo cuore continua ad andare in tutt’altra direzione.
Dopo il successo che il primo volume ha avuto grazie anche al passaparola, ritornano l’autrice di BACIO IMMORTALE e i suoi Dei dell’Olimpo che, giunti fino ai giorni nostri, daranno vita a una nuova emozionante avventura fatta di grande passione e potente magia.

La mia opinione:
Bellissimo seguito de “Il bacio immortale”(cliccare qui per leggere la nostra recensione) che non ha deluso le mie aspettative, anzi mi ha nuovamente appassionata! Una serie di sconvolgimenti nei rapporti personali, di scelte difficili e colpi di scena vi terranno attaccati alle pagine e alla storia. In questo libro la scrittrice, oltre a descriverci in maniera chiara e avvincente gli accadimenti, ci ha raccontato e quindi fatto conoscere meglio l’aspetto interiore dei personaggi principali: la battaglia personale di Penny che si aggrappa con tutte le sue forze alla sua umanità, anche quando il destino le rivela che poi di umano in lei forse c’è meno di quanto crede e vorrebbe; la battaglia di Valo contro Apollo, quindi contro se stesso per cercare di dimenticare il vecchio Dio dell’Olimpo che un tempo era; la battaglia interiore di Atena per cercare di vivere in maniera differente dai suoi fratelli e non essere un’assassina come loro nonostante la sua natura. Preparatevi anche a momenti di pura tortura e sofferenza, come ad esempio quando Valo va dalla bellissima ninfa Calipso (qui ho veramente rischiato di buttare il libro al muro per la delusione verso il personaggio, pur capendo tutte le sue ragioni, è normale arrabbiarsi... e non poco!). E come non parlare di un nuovo personaggio di nome David che con la sua sola presenza ha impreziosito la parte riguardante il Dio Ermes. L’ho adorato quasi al primo incontro e mi sarebbe piaciuto vederlo ancora più presente nella storia, ora però mi fermo perché rischio di fare uno spoiler enorme, leggete e capirete!!!! Il punto focale della storia rimane sempre la battaglia contro Hera che in questo secondo volume diventa ancora più folle e spietata. In fin dei conti ammetto che mi piace parecchio la sovrana degli dei, trovo che un cattivo pazzo e fuori controllo sia necessario in una trama come questa. Il finale anche stavolta è stupendo e commovente, mi sono ritrovata con le lacrime agli occhi senza nemmeno rendermene conto, più mi avvicinavo alla fine del libro e più vi rimanevo incollata trattenendo il fiato. Ho adorato questo libro, mi ha fatto provare un sacco di emozioni contrastanti e mi piace quando durante la lettura non riesci a capire dove si andrà realmente a parare, i colpi di scena sono una delle cose che più adoro in fase di lettura. Ho già nostalgia di questi Dei Greci! Mi piace molto la maniera in cui la Corsini riesce a farti immedesimare o comunque comprendere il personaggio a livello mentale in poche e semplici parole, aiuta non poco la lettura e la comprensione dei fatti senza risultare pesante e pedante. Ora non mi rimane che attendere il seguito, che per il tipo di finale che è stato scritto non può non esserci!






Cosa ne penso:
Parto con una personale comunicazione all’autrice…
Aurora, tesoro… sappi che ti odio!!!  Ti adoro, ma ti odio.
Ok, adesso parliamone seriamente.
Rispetto al precedente, questo libro è chiaramente più maturo, sia come scrittura che come contenuti. “Bacio immortale”, essendo l’apertura di una serie, era stato a tratti più lento e forse meno scorrevole, soffermandosi maggiormente sull’introduzione dei personaggi e del loro mondo. Inoltre, lo stile di scrittura era più acerbo, in quanto prima opera pubblicata dall’autrice.
In questa “danza” invece si notano uno stile più maturo e un ritmo più serrato. La storia scorre bene e ti tiene con il fiato sospeso fino all’ultimo secondo. La riscoperta e l’accettazione di sé sono il filo che lega tutti i personaggi principali, che crescono, scegliendo ognuno la propria strada che intraprenderanno in vista dell’ultimo e conclusivo libro, il prossimo.
I personaggi sono intriganti e ben definiti, sia i buoni che i cattivi, e la storia dà nuovo risalto ad alcuni di quelli che erano stati più trascurati nel primo libro.
In particolare, come non nominare colui che ormai è il mio preferito. Ermes, messaggero degli Dei e Dio dei ladri e degli imbrogli, essere ambiguo che non svela sé stesso fino alla fine, dove mi ha conquista e allo stesso tempo mi ha spezzato il cuore.
Non vedo l’ora di leggere il seguito!




3 commenti:

  1. Ora, entrambe mi conoscete, sapete di aver chiamato le mie lacrime: grazie ragazze per aver amato "La Danza degli Dei", un libro che, a differenza di "Bacio Immortale" (scritto quasi di getto, tanto le parole mi scappavano via dal cuore),mi è costato mesi e mesi di fatica, perché le emozioni erano troppo forti e le parole mai abbastanza potenti.
    Prima di tutto, un doveroso grazie a Vecchiastrega, editor tra le molte cose, amica in primis. So perchè mi odi, tesoro mio, e sì, ti amo anch'io.
    Grazie anche a Stephy, perché ha amato e odiato le stesse cose che ho amato e odiato io mentre scrivevo (non arrabbiarti troppo con Valo, il suo spirito è sincero quanto i suoi occhi di smeraldo, mentre ti devasta con il più sensuale dei sorrisi).
    A tutte le future lettrici: non temete, il terzo e ultimo romanzo dedicato agli Immortali di Grecia prende forma proprio in questi giorni e arriverà prima di quanto pensiate.

    RispondiElimina
  2. Devo dire che il libro mi è piaciuto, anche se il fattaccio mi ha fatto arrabbiare moltissimo... che delusione! che squallore! io non riuscirei proprio a perdonarlo, nonostante le sue buone intenzioni. Mitica Penny, invece, fedele a se stessa. Vediamo il prossimo episodio, sono curiosa!
    Ciao, Ottavia

    RispondiElimina
  3. Ecco ... lo sapevo, non dovevo leggere questa doppia recensione!
    La mia lista dei libri da leggere si è appena allungata di due libri!
    Grazie ragazze per farmi conoscere autrici italiane!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!