martedì 1 luglio 2014

New Adult Corner - L'angolo degli Inediti: “Infinity + One” di Amy Harmon

Te “You've read the story of Jesse James 
Of how he lived and died;
If you're still in need
Of something to read,
Here's the story of Bonnie and Clyde.”
(Cit. Bonnie Parker)



Buongiorno ragazze,
negli ultimi giorni avevo fatto un'indigestione di libri con protagonisti maschili super protettivi. Non che mi sia lamentata, ma avevo bisogno di cambiare un attimo scenario, quindi ho deciso di prendere in mano questo libro: “Infinity + One”. 
Ha completamente surclassato le mie aspettative. È un libro uscito ad inizio giugno 2014 in America quindi ancora inedito qui in Italia. Vi avverto già che, come forse avrete notato, questa puntata sarà un po' diversa dal solito. 

"Bonnie e Clyde. Speriamo solo che questa piccola avventura abbia un finale migliore della loro."


TRAMA:
Quando due improbabili alleati diventano fuorilegge inconsapevoli, riusciranno due amanti indimenticabili a sfidare le imbattibili probabilità?
Bonnie Rae Shelby è una superstar. È ricca. È bella. È incredibilmente famosa. E Bonnie Rae Shelby vuole morire.
Finn Clyde non è nessuno. È ferito. È geniale. È incredibilmente cinico. E tutto quello che vuole è una possibilità di vivere.
Una ragazza. Un ragazzo. Un atto di compassione. Una serie bizzarra di circostanze. E una scelta—girare la testa e andarsene, o allungare la mano e mettere tutto a rischio?
Con questa scelta, l'orologio inizia a ticchettare su un uomo con un passato e una ragazza che non può affrontare il futuro, contando i secondi in un'avventura colma di colpi al cuore e umorismo, incomprensioni e rivelazioni. Con il mondo contro di loro, due persone molto diverse affrontano un viaggio che non solo cambierà la loro vita, ma che può anche costare loro la vita.
“Infinity + One” è un racconto di stelle cadenti e di fama e di fortuna, di gabbie dorate e spranghe di ferro, di trovare un amico dietro il volto di uno sconosciuto, e scoprire l'amore nel più strano di luoghi.

“Quanto fa' infinito più uno?” Interruppi Katy, ponendo io a Finn la domanda.
“È ancora infinito,” disse Finn, sospirando.
“Sbagliato. È due.”
“Ah si? Come l'hai capito?”
Indicai Finn e dissi, “Infinito.” Poi indicai me stessa e dissi, “più uno. È due, genio.”
“Vorrei tanto non averti mai detto il mio nome.”


Avete qualche familiarità con la storia di Bonnie e Clyde? Io personalmente no. O meglio, la conoscevo a grandi linee anche se mi ha sempre incuriosito, ma non sapevo bene i dettagli.
In sintesi Bonnie e Clyde si sono conosciuti a gennaio del 1930. Bonnie Parker aveva diciannove anni ed aveva già un matrimonio alle spalle. Clyde Barrow ne aveva venti ed era abile a sopravvivere. Divennero subito inseparabili e iniziarono a rapinare banche e supermercati, non rimanendo troppi giorni nello stesso posto. Sempre in fuga, sapendo che la loro morte era inevitabile. Essa arrivò nel maggio del 1934 a causa di un'imboscata in Louisiana durante la quale vennero sparati 130 colpi contro la loro auto. Loro morirono, ma non furono dimenticati.

“Derubavano banche e hanno ucciso nove agenti della polizia,” dissi, guardando verso l'enorme spazio aperto, sereno nel sole di mezzogiorno, così diverso dall'autostrada alberata con cui avevamo iniziato il nostro viaggio.
“Si,” disse Finn.
“Non erano buone persone,” aggiunsi, ma anch'io sentivo la riluttanza nella mia voce.
“No.”
“Quindi dov'è il fascino? Perchè ci sono film su di loro, musei costruiti per loro? Perchè questa piccola vecchia signora—lessi il nome dell'autore sul fondo della copertina—li ama così tanto?” […]
“Dimmelo tu, Bonnie. Dov'è il fascino?”
Studiai il profilo di Finn, la linea della sua mascella e la dura linea delle sue labbra. Dei ciuffi si erano liberati dalla sua coda bassa e gli accarezzavano le guance. Volevo spostarglieli indietro in modo da poterlo toccare. Era strano come volessi sempre toccarlo. E come lui provasse così tanto ad essere intoccabile.
“Perchè si amavano.”
La risposta venne dal nulla. O forse venne per istinto o dal posto nel cuore umano che è a conoscenza della verità prima ancora delle nostre teste, ma sentivo la verità nelle mie parole anche mentre le dicevo.
“Si amavano. E l'amore ha...fascino.”


La regressione storica potrebbe sembrarvi inutile, ma viene presa più volte in questo libro e serve per capire meglio i due personaggi. Dopo aver letto questo libro, ho deciso di guardarmi la miniserie televisiva dedicata a loro, “Bonnie and Clyde: Death and Alive”, e ho notato un sacco di somiglianze tra la storia di questi due personaggi famosi e quella dei due protagonisti. Le due Bonnie hanno un carattere forte e riescono sempre a manipolare/convincere Clyde a fare quello che vogliono. La differenza è che una voleva essere famosa, l'altra lo è ma non le importa più.
I due Clyde hanno iniziato ad entrare nel mondo della truffa grazie ai fratelli e sono tutti e due ex galeotti. L'amore tra le due Bonnie e i due Clyde è veloce ed istantaneo, non lascia scampo. 
Il primo loro incontro avviene a Boston, su di un ponte, da dove Bonnie vuole suicidarsi. Clyde però la vede e sale anche lui, riuscendo a salvarla. Nel giro di pochi minuti si ritrovano insieme in auto diretti verso Las Vegas, Bonnie cercando di mettere della distanza tra lei e la sua vita, Clyde sperando di poter ricominciare da capo. Hanno tutti e due perso  i loro gemelli, la loro faccia della stessa medaglia, cosa che li fa' sentire solo delle metà, non più degli interi. Hanno tutti e due perso la loro libertà, anche se in modo diverso, Bonnie a causa di una nonna manipolatrice, Clyde perchè ha passato cinque anni della sua vita in prigione. Il caso li ha portati insieme...o forse no?

“Come siamo finiti insieme? Non pensi che sia...strano?” gli mormorò sotto la coperta. “Cioè...quali sono le probabilità?”
Lui si era chiesto la stessa cosa ancora e ancora. Ma non era pronto ad ammetterlo, quindi tirò fuori il suo mentale libro di matematica e lo rispolverò, parlando piano, ma in modo impersonale.
“Matematicamente parlando, sono abbastanza basse. Ma non così basse come potresti pensare.”


Infinity James Clyde, chiamato anche Finn o Clyde, è un ex detenuto, finito in galera a causa di suo fratello gemello Fish. Finn è un genio della matematica, ha una memoria fotografica e riesce a ricordarsi tutto ciò che riguarda i numeri. Vive con sua madre a Boston, ma gli viene offerta una proposta di lavoro a Las Vegas e lui, pronto a mettersi il passato alle spalle e a ricominciare tutto da capo, dopo aver passato cinque anni in galera, prende la sua auto e parte per il Nevada. Non riesce però neanche a mettere piede fuori città che vede quello che gli sembra un ragazzino pronto a buttarsi giù da un ponte. Potrebbe fregarsene ed andare avanti, continuando a guidare, o potrebbe fermarsi per aiutare. Ciò che non sa è che quella scelta, cambierà il resto della sua vita.

"Credo nei numeri. Quelli che si possono vedere e quelli che non si possono vedere. I reali e gli immaginari, i razionali e gli irrazionali, ed ogni punto sulle rette che vanno avanti all'infinito. I numeri non mi hanno mai deluso. Non chiacchierano. Non mentono. Non pretendono di essere ciò che non sono. Sono senza tempo."

Bonita Rae Shellby, soprannominata Bonnie, è una cantante country famosa. Ha perso sua sorella gemella, Minnie, a causa della leucemia, si sente intrappolata in una vita che ha scelto quando aveva dieci anni e in un'immagine che non è la sua ma che sua nonna le ha forzato. Per tutto questo si trova su quel ponte a Boston, pronta a mettere fine alla sua vita.

"Credo nella musica. Immagino che la musica sia per me quello che i numeri sono per te. C'è potenza nella musica. C'è guarigione. C'è anche Dio lì dentro, se lasci che ci sia. Crescendo, a Grassley, tutti erano così poveri che Gesù era l'unica cosa che rimaneva...così ho creduto in lui. E Dio e la musica, una volta che sono veramente tuoi, sono le due cose che la gente non può portarti via."



Il loro viaggio ha inizio quella sera, sopra quel ponte. La vita di due persone completamente diverse, ma allo stesso tempo molto simili, si unisce quando compiono una scelta. Naturalmente il fatto che una cantante famosa sparisca così nel nulla, lascia dei sospetti, e il fatto che venga vista in compagnia di un ex galeotto, fa trarre le conclusioni sbagliate, soprattutto quando queste vengono istigate da una non-molto-simpatica nonna. La mal interpretazione della stampa delle loro azioni e altre circostanze che si mettono in mezzo, li fanno apparire in fretta come i nuovi Bonnie e Clyde.
Anche questo fatto è molto simile alla leggenda, infatti sui primi giornali si diceva fosse Clyde ad aver costretto Bonnie a compiere le rapine. Lei riesce anche ad evitare il carcere grazie a questo sotterfugio. La differenza è che nella leggenda avevano sul serio commesso i furti, mentre qui è tutta una montatura ed una mal interpretazione dei fatti.

"Siamo Bonnie e Clyde! Ricercati ed indesiderati. Imprigionati e messi all'angolo. Ci siamo persi e siamo soli. Siamo una grande matassa. Siamo un salto nel buio. Siamo due persone che non hanno nessun posto, nessun altro, eppure, improvvisamente tutto questo sembra abbastanza per me! Mi dispiace che non sia abbastanza anche per te."


Non so se forse l'avrete notato dalla copertina, di sicuro io non l'ho ancora detto, in ogni caso l'autrice è Amy Harmon. Vi si accende qualche lampadina? In Italia di suo hanno pubblicato “I Cento Colori del Blu” (A different Blue) ed in America è famosa per il suo altro capolavoro “Making Faces”. Il modo che ha questa autrice di scrivere è pura poesia. Ogni parola sembra ricercata e ogni dettaglio sembra curato con attenzione. Questo è il suo terzo libro che leggo, ma devo dire che per ora è il mio preferito. Forse per la trama potrebbe sembrare “Il Confine di un Attimo” per via del viaggio in auto, ma no, non mi è passato neanche per la testa quel libro mentre leggevo questo. 

“Non voglio stare senza di te, Bonnie! Non lo capisci? Sono innamorato di te! Ti conosco da una settimana. E sono innamorato di te! Pazzamente, da-guidarci-giù-da-una-scogliera-se-me-lo-chiedi, innamorato di te. Ma non voglio guidarci giù da una scogliera! Voglio vivere con te! Lo vuoi? O pensi ancora a buttarti giù dai ponti o ad andartene in una pioggia di proiettili?”

Questa canzone, che riporto qui sotto, l'ha scritta la nostra Bonnie per il suo Clyde durante il viaggio.

“I cannot describe
Or explain the speed of light
Or what makes thunder roll across the sky
And I could never theorize about the universe’s size
Or explain why some men live and some men die

I can’t even guess
I would never profess
To know why you are here with me
And I cannot comprehend
How numbers have no end
The things you understand, I can’t conceive

Infinity + One
Is still infinity.
And no matter how I try
I’m bound by gravity.
But the things I thought I knew
Changed the minute I met you.
It seems I’m weightless
And I’m endless after all.

Weightless and endless.
Timeless and restless.
So light that I’ll never fall.
Weightless and endless.
Hopelessly breathless.
I guess I knew nothing at all.” 

“C'è un punto, un posto nel tempo, in cui tutte le strade tranne una sono cieche. E c'è un solo percorso che puoi prendere, una sola direzione. Per me, Bonnie Rae Shelby, Finn Clyde era quella strada, e non ci avrei mai rinunciato.”

“They don't think they're too tough or desperate,
They know that the law always wins;
They've been shot at before,
 But they do not ignore
That death is the wages of sin.
Some day they'll go down together;
And they'll bury them side by side;
 To few it'll be grief
 To the law a relief
But it's death for Bonnie and Clyde."
(Cit. Bonnie Parker)


Cosa ne pensate di questo libro? 
Se vi va' lasciatemi sotto la vostra opinione, spero di avervi intrigato almeno un pochino.

2 commenti:

  1. Mamma mia, come posso fare?! Voglio leggerlo, che cavolo! :'( Dopo aver letto questa recensione voglio leggerlo così tanto da esserne ossessionata .-.
    Uffa, perché non so leggere in inglese?!!:@!!£%&@§!!
    Ps. non so chi amare di più tra Colleen Hoover ed Amy Harmon. Scelta ardua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo dovrebbe arrivare in Italia prossimamente... in teoria!
      Della Harmon ne esce a marzo uno nuovo! ;)

      Elimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!