lunedì 15 giugno 2015

Recensione SERIE HAPPENSTANCE di Jamie McGuire


La serie HAPPENSTANCE di Jamie McGuire è composta da:
1. Una Meravigliosa Bugia
2. Un Magnifico Equivoco
3. Un'incredibile Follia

Al termine della lettura di "Una meravigliosa bugia", primo mini libro della serie Happenstance ho deciso immediatamente che avrei aspettato di leggere la serie per intero prima di scrivere un'opinione, infatti dopo aver chiuso anche il capito conclusivo eccomi qui a cercare di spiegarvi al meglio quello che penso. 
Per prima cosa, se avete scoperto per caso questa serie e non avete ancora letto la serie "Beautiful" di Jamie McGuire non vi consiglio affatto di iniziare da questa, potreste farvi un'opinione sbagliata sullo stile di questa autrice. Perchè "Uno splendido disastro", uno dei primi romance new adult che ho letto in assoluto è molto più bello, emozionante e soprattutto completo. Quello è un vero e proprio libro, in questo caso invece stiamo parlando di racconti che si aggirano intorno al centinaio di pagine. 
Io non ho un buon rapporto con le storie brevi, difficilmente riescono a catturarmi come ci riesce un romanzo, ma quando l'autrice mi piace ci provo lo stesso, come appunto in questo caso. 
La storia nel complesso è carina, le idee dell'autrice che iniziano a prendere piede nel primo volumetto sono buone, ma è come vengono sviluppate in seguito le vicende che non mi ha particolarmente emozionato. E una storia per essere bella deve emozionarmi completamente! 

Erin ha 18 anni e non ha legami stretti con nessuno, nemmeno con la madre single che ha già di suo una marea di problemi. Inoltre, la ragazza è stata presa di mira da alcune perfide compagne di scuola che da anni la trattano malissimo e la prendono in giro ad ogni occasione senza che lei ne conosca il motivo. L'obiettivo di Erin è concentrarsi sullo studio, ottenere una borsa di studio per l'università e andarsene via il più presto possibile. 
La povera Erin è una giovane sfortunatissima, fino al momento in cui la sua vita prende una piega completamente diversa dopo il colpo di scena che caratterizza la prima delle tre novelle. E qui l'autrice mi ha sorpreso, anche se in qualche modo si poteva intuirla una cosa così... 
Altra bella rivelazione della storia è il protagonista maschile: Weston
Coetaneo di Erin e suo compagno di liceo, Wes è uno dei ragazzi più ambiti e popolari, ma al contrario dei suoi perfidi amici è anche molto gentile con lei. Insomma, alla fine di "Una meravigliosa bugia" i presupposti sono abbastanza buoni. 
Nella seconda novella dal titolo "Un magnifico equivoco", vediamo Erin alle prese con la sua nuova vita e con un duro colpo che compromette anche il nuovo legame nato con Weston. La lealtà del ragazzo viene messa in discussione, anche se lui fa di tutto per riscattarsi e farle capire che è veramente innamorato di lei. Tutto però succede alla svelta, senza particolari approfondimenti ed eclissando un po' troppo facilmente certe situazioni. Cosa che nelle novelle brevi è quello che mi infastidisce maggiormente. 

Nel terzo volume, "Un'incredibile follia" troviamo Erin e Weston alle prese con le ultime settimane prima di partire per il college, cosa che creerà zizzania e fraintendimenti a non finire tra i due. 
Questa terza novella è quella che mi è piaciuta di meno, c'è qualcosa di Erin che non mi ha convinto, nonostante sia Weston quello che reagisce in più occasioni in maniera eccessiva. Ma almeno è lampante quanto lui sia seriamente coinvolto e innamorato. Forse sono io che non ho capito fino in fondo il volersi allontanare a tutti i costi della protagonista. 
Inoltre, speravo almeno in un bell'epilogo che mi regalasse un po' di soddisfazione finale (mi bastava una paginetta, non chissà che cosa!) e invece nulla. Non che finisca male, ci mancherebbe! Ma a me piacciono i finali ben definiti, ormai lo avrete capito! XD 

Consigliato? Se siete fan sfegatate dell'autrice e volete leggere ogni cosa nata dalla sua penna e se siete amanti dei racconti brevi non particolarmente approfonditi! 
Anche se il prezzo è decisamente spropositato in rapporto alla quantità delle pagine di ciascun volumetto. A tal proposito mi chiedo... perchè non raggruppare i 3 episodi della serie Happenstance in un unico volume?



6 commenti:

  1. mi è piaciuta molto la serie di Uno splendido disastro e sono molto incuriosita da questa, anche se finora ho letto recensioni non troppo positive... non vorrei che l'autrice l'avesse scritto solo per sfruttare il suo successo finché era vivo, mi sarei aspettata dei romanzi un po' più lunghi ;)

    RispondiElimina
  2. Io sarei stata anche più tirchia sul voto. E' un libro che parte bene ma arrivati alla fine si ha un prodotto poco più che mediocre con un prezzo assurdo, l'averla divisa poi non ha aiutato davvero ad amare i personaggi, peccato perché nella prima parte le potenzialità c'erano.

    RispondiElimina
  3. Ho adorato la McGuire nella serie di "Uno splendido disastro", e quindi mi aspettavo molto, e devo dire di essere rimasta un pò delusa.
    La storia in se è carina ed ha molte potenzialità, ma è sviluppata in modo troppo veloce. Come te penso che avrebbero fatto meglio a pubblicarli tutti insieme (anche perchè è evidente che fosse un solo libro diviso in tre parti) e così avremmo risparmiato anche un pò. Sono daccordo sulle 3 stelle finali.

    RispondiElimina
  4. ho letto questa serie ma dopo uno splendido disastro mi aspettavo qualcosa di più.. carina ma non memorabile. almeno per me

    RispondiElimina
  5. avevo intenzione di dare una seconda possibilità a questa autrice dato che Uno splendido disastro non mi era piaciuto chissà che, sono un po' incerta dopo questa recensione soprattutto per il prezzo o.o potevano davvero raggrupparli in un unico volume mannaggia!

    RispondiElimina
  6. Ciao, sono d'accordo con Sally, l'autrice mi piace e ho adorato uno splendido disastro, ma questa serie non mi ha detto niente.

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!