giovedì 3 settembre 2015

Doppia recensione "Freddo come la pietra" di Jennifer L. Armentrout

Freddo come la pietra
di Jennifer L. Armentrout
(The Dark Elements #2)

La Trama
Layla Shaw deve rimettere insieme la sua vita andata in pezzi: impresa non facile per una ragazza di diciassette anni, praticamente certa che le cose non possano andare peggio di così. Il suo migliore amico, Zayne, straordinariamente bello, è da considerare off-limits, a causa del misterioso potere che da sempre affligge Layla: il suo bacio è in grado di rubare l'anima di chi lo riceve. Fuori questione, quindi, l'idea di poterlo baciare. Inoltre, il clan dei Warden, che l'ha sempre protetta, comincia a nascondere segreti pericolosi. E per finire, Layla non vuole pensare a Roth, sexy e trasgressivo principe dei demoni, che riusciva a capirla come nessun altro. Ma talvolta toccare il fondo è solo l'inizio. Perché all'improvviso i poteri di Layla iniziano a crescere e le viene concesso un assaggio di ciò che finora le era sempre stato proibito. Poi, quando meno se lo aspetta, Roth ritorna, con notizie che potrebbero cambiare il suo mondo per sempre. Sta finalmente per ottenere quello che ha sempre desiderato ma il prezzo potrebbe essere più alto di quanto Layla è disposta a pagare.


L'opinione di Selly

Ho tergiversato e aspettato un po' a leggere questo secondo libro della serie The Dark Elements perché sapevo che mi avrebbe fatto imbufalire.
Sapevo già che questo era "il libro di Zayne" e che quindi avrei dovuto sopportare molto la sua presenza a discapito di quella del mio favorito, Roth.
La Armentrout è stata bravissima come sempre, mi piace il suo stile e come riesce a scaturire emozioni diverse con le sue storie e soprattutto a far amare e odiare al tempo stesso i suoi personaggi... ma qui mi ha proprio fatto venire il sangue amaro.

AVVISTO - POSSIBILI SPOILER A SEGUIRE

ROTH: perchè devi saltare fuori con quelle frasi a inizio libro? La volevi buttare tra le braccia di Zayne? Ebbene, ci sei quasi riuscito.
Per fortuna che ogni volta che entra in scena lui tutto diventa migliore, la sua è una presenza FONDAMENTALE.
E il finale... 1.000.000 di punti per il nostro Principe degli Inferi.
Sarei sempre il migliore.

ZAYNE: lo zerbino geloso che si risveglia quando entra in gioco il rivale. Avrai anche tirato fuori un po' gli attributi ma.... NO. E poi secondo me le sue motivazioni fanno acqua da tutte le parti, non dico che non voglia bene a Layla, ma sembra proprio che cerchi di sedurla per tenerla lontana da Roth per gelosia.

LAYLA: il cuore spezzato la butta tra le braccia dell'amichetto d'infanzia verso il quale aveva una cottarella... ma non riesce a togliersi ROTH dalle mente nemmeno quando volano via i vestiti. Quello si chiama chiodo scaccia chiodo, oppure volere la soddisfazione di togliersi lo sfizio della 1° cotta. Ma la testa (e il cuore) sta da un'altra parte.

Colpi di scena non mancano nemmeno stavolta, soprattutto nel finale! 
E la Armentrout come al solito ci lascia sul più bello, in attesa di scoprire cosa succederà e chi Layla sceglierà e riconoscerà come sua vera anima gemella.
Per quanto mi riguarda non c'è dubbio che sia ROTH. 
Lui e tutti i famigli demoniaci della storia sono spettacolari, unici.
Spero di avere tra le mani il gran finale al più presto!

L'opinione di Kaggy

Leggere questo libro è stata una faticaccia!
Se dovessi trovare una sola parola con cui descriverlo, sarebbe: FRUSTRANTE!
Come tutti, sapevo in parte che cosa c'era ad attendermi tra le pagine di "Freddo come la pietra", ma, seppur preparata psicologicamente, avrei tanto voluto prendere a sberle praticamente tutti i personaggi principali di questo libro!

Il perno della storia, attorno a cui si svolgono e si intrecciano tutte le vicende, è la scelta che Layla deve compiere, tra Zayne, l'amico d'infanzia per il quale ha una cotta da sempre, e Roth, demone di alto livello che si è sacrificato per lei alla fine del precedente libro.
Ci sono misteri e imbrogli che la nostra protagonista deve scoprire, e una buona dose di azione e scene conflittuali che la vedono pendere una volta verso il gargoyle biondo, dall'animo dolce e protettivo, e una volta verso il demone ambiguo, dai sentimenti egoistici e misteriosi.
Dal canto mio, anche se avrei ammazzato Roth all'inizio del libro, credo non ci sia storia tra i due: il demone ha una personalità ammaliante, prepotente e che fa sorridere, mentre Zayne (che mi sta abbastanza neutrale nella sua semplicità) impallidisce sia per carattere, che per motivazione nel voler tenere Layla tutta per sè. Mentre mi sembra che Roth sia spinto da sentimenti autentici e profondi, trovo che tutto quello che Zayne fa sia mosso, infondo infondo, da sola gelosia immotivata.
Come sempre la Armentrout disegna una storia avvincente ed emozionante, alternando le scene intime e conflittuali tra i protagonisti, a momenti d'azione e di battaglie che ben si inseriscono nel contesto sovrannaturale del mondo dei demoni e dei guardiani.
Il finale rimane apertissimo, e il tutto si conclude con un colpo di scena che non avevo proprio visto arrivare! E brava la Armentrout, mi ha preso in castagna ... adesso voglio il seguito!!!

2 commenti:

  1. Questa serie è in lista tra quelli che devo assolutamente leggere, io amo Jennifer Armentrout, spero non deluda le mie aspettative.

    RispondiElimina
  2. La serie The Dark Elements di J. L. Armentrout è una delle mie preferite ;) Tifo spudoratamente per Roth...anche se Zayne non è niente male! Non vedo l'ora di poter leggere il terzo ed ultimo libro della trilogia per conoscere la scelta di Layla! In freddo come la pietra ci lascia veramente con un sacco di interrogativi!!!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!