lunedì 7 settembre 2015

Recensione "Duetto" di Eden Winters

Oggi vi propongo la recensione di "Duetto" di Eden Winters, pubblicato in versione ebook dalla Dreamspinner Press, il primo libro MM time travel che mi sia capitato di leggere e che mi è piaciuto molto. Per gli amanti del genere è una piacevole novità e una buona possibilità soft per chi vuole avvicinarsi al genere.




Trama:


I decreti di un conquistatore non possono separare Aillil Callaghan dal suo retaggio scozzese. Indossa con orgoglio il tartan del suo clan – ora proibito – aspettando il giorno in cui diventerà Laird, restaurando così il buon nome della sua famiglia e combattendo per liberare la Scozia dalla tirannia inglese. Un inglese nella sua casa? Un abominio! Eppure, il tutore che suo padre ha assunto per i suoi fratelli può avere qualcosa da insegnare anche all’erede dei Callaghan. 
Il violinista e letterato Malcolm Byerly ha lasciato il Kent spinto dalla paura, cercando solo un impiego tranquillo, menti curiose a cui insegnare e un luogo ove mantenere celati i suoi segreti. Non sa che tra i suoi studenti vi sarà anche il fratello maggiore dei ragazzi – un barbaro che odia gli inglesi – e che il suo tartan rosso e verde nasconde un cuore affine. Il comune amore per la musica rompe le barriere tra due mondi. 
Il padre di Aillil minaccia il loro amore, ma un pericolo più grande li divide. I due svaniscono nella leggenda. 
Due secoli dopo, il violinista Billy Byerly arriva a Castle Callaghan e si sente stranamente a casa. Le leggende parlano di un Laird perduto che infesta il castello in attesa del ritorno del suo amante, ma Billy non crede alle leggende, ai fantasmi, o all’amore che dura oltre la vita.
Il Laird perduto, però, sa cosa gli appartiene.


La mia opinione:

Il libro ha un inizio che ho trovato particolare in quanto sono abituata a una presentazione 'positiva' dei protagonisti; cosa che non è decisamente successa qui, anzi dopo le prime pagine Malcolm mi stava decisamente antipatico e anche cercando di tenere a mente l'epoca in cui è ambientato (non doveva essere sicuro ne facile essere omosessuale al tempo) lo ritenevo comunque un uomo insicuro, senza convinzioni e spina dorsale che scappa dall'Inghilterra per pura codardia.
Tuttavia sembra essere stata la scelta migliore perché arrivato in Scozia ha un'evoluzione non indifferente che, visto la partenza, mi ha fatto apprezzare ancora di più il fuoco che scopre di avere dentro e che gli servirà parecchio in un terra e un popolo che non è troppo ospitale con gli Inglesi. Tra questi non fa eccezione il tenebroso 'cavernicolo' highlander Aillil, che non vorrebbe altro che sbatterlo fuori dalle sue terre.
Le interazioni/scontro tra i due sono state molto belle, e l'evoluzione graduale del loro rapporto grazie all'amore comune per la musica e all'affetto che nutrono per i ragazzi Callaghan è divertente e allo stesso tempo scandita da momenti intensi.
Per loro nulla è facile: tra le differenze, le incomprensioni e i rischi legati all'epoca, dovranno lottare non poco per riuscire a stare insieme.
Il libro potrebbe finire qui, e invece siamo solo a metà perché purtroppo l'amore non vince su tutto, e da questo punto in avanti il libro diventa un susseguirsi di momenti dolce-amari che mi hanno tenuta incollata alle pagine (del kindle) fino alla fine.
Dell'ultima parte non voglio dire niente più di quello che si legge nella trama, ma penso che l'autrice sia riuscita a comunicare pienamente il desiderio quasi doloroso di queste due anime gemelle di ritrovarsi attraverso i secoli.
Un'ultima parola positiva sul finale e il ricongiungimento della coppia, a cui è stato dato tutto lo spazio che merita; evento più unico che raro visto la mania ricorrente generale degli scrittori di finire e chiudere il tutto in tre pagine e buonanotte.


1 commento:

  1. Bella recensione! Ho avuto modo di leggere e recensire anch'io quest'opera e ne sono rimasta molto soddisfatta. Dopo la serie tv di "Outlander", mi sentivo a digiuno da kilt, così mi sono letteralmente fiondata a leggerlo coinvolta anche da una determinata componente (non rivelo nulla, promesso) che si scorge dalla seconda metà in poi. Concordo con te per quanto riguarda l'evoluzione del personaggio di Malcom, davvero straordinaria e, per quanto riguarda la storia d'amore tra i protagonisti, sono contenta che si sia sviluppata in modo graduale. Una bella lettura davvero! <3

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!