mercoledì 30 settembre 2015

Recensione "Un disperato bisogno di te" di Jen McLaughlin

Un disperato bisogno di te
di Jen McLaughlin
(Out of Line #2)

La Trama
La nostra storia è proprio come l’avevo immaginata. Anzi, più intensa. Quando ci siamo incontrati pensavamo che mio padre fosse l’unico ostacolo tra di noi, ma ben presto abbiamo capito che il mondo è determinato a separarci... Purtroppo la partenza di Finn è imminente, il tempo a nostra disposizione pochissimo e desidero che ogni momento sia indimenticabile…
Mi ricordo bene quando ho visto Carrie per la prima volta: ero la sua guardia del corpo e il mio lavoro mi imponeva di tenerla fuori dai guai. Ma adesso che sono diventato il suo fidanzato nei guai mi sono messo io, anche se la verità è che ogni giorno che passiamo insieme è un giorno in cui il sole illumina la mia vita. Eppure ho paura che tutto finisca, che suo padre non potrà mai accettare che un marine tatuato possa andar bene per la sua preziosa figlia. Ma io sono disposto a tutto pur di essere degno del suo amore, anche se questa scelta mi porterà lontano dalla persona che mi fa sentire vivo e senza la quale mi sembra di non poter resistere…


La mia opinione


Di solito il termine “MARINE” è sinonimo di forza, rude mascolinità, tanta arroganza e selvaggio erotismo. Stavolta no. Perché Finn, pur essendo un soldato con gli attributi, con Carrie è talmente tenero, delicato e protettivo da personificare la quintessenza della dolcezza. 
Che poi tutta questa dolcezza sia racchiusa in un corpo da sballo capace di farti provare un piacere sconfinato, resta comunque un dato di fatto. 
 Dopo aver superato menzogne e segreti, Carrie e Finn possono finalmente stare insieme e dare vita alla loro splendida storia d’amore, almeno fino a quando il destino non inizia a fare progetti ingiusti e un tantino crudeli per tenerli separati. 
 Progetti di cui spesso fa parte il senatore Wallington, il paparino ossessivo e maniaco del controllo che rappresenta ora più che mai un ostacolo insormontabile e fin troppo irritante.
Le attenzioni che Finn dedica a Carrie e il modo con cui si approccia a lei, talvolta delicato e reverenziale, talvolta sensuale e malizioso, mettono in luce una verità più che lampante: LUI È COTTO E STRACOTTO DI LEI. E io lo adoro… anche quando si mette a fare l’idiota, pieno di dubbi e insicurezze, lasciandosi sopraffare da uno stupido e assurdo complesso d’inferiorità, sembrando un cucciolo vulnerabile e confuso. 
Stavolta infatti i ruoli sembrano ribaltarsi, perché tra i due, la più matura e tenace è proprio Carrie. Questa ragazza ha un entusiasmo a dir poco contagioso, è sempre desiderosa di nuove esperienze e nonostante gli ostacoli che le sbarrano il cammino, sa comunque conservare il suo splendido sorriso, un pizzico di ottimismo e una determinazione quasi disperata. E per questo l’ho apprezzata moltissimo. 
Questo secondo libro della serie è stato ancora più intenso del precedente. C’è tanta tenerezza, c’è sensualità, c’è tensione e allo stesso tempo anche tristezza in una lotta contro il tempo che li porta ad assaporare ogni istante passato assieme come fosse un tesoro prezioso. 
 E’ stato toccante condividere le loro paure, le loro insicurezze e le loro piccole tragedie personali, soprattutto nella parte finale, quando la scrittrice ci regala di nuovo un epilogo da batticuore, che ti lascia addosso un bisogno disperato di avere tra le mani il capitolo successivo.

3 commenti:

  1. voglio assolutamente leggere questo libro...il personaggio di Finn mi ispira parecchioooo
    grazie per questa recensione!

    RispondiElimina
  2. Non sapevo facesse parte di una serie! :O
    Comunque leggendo la trama non mi ha interessata molto, ma dalla recensione mi piace parecchio! Mi piace l'idea che i ruoi per una volta siano ribaltati, e sia lui quello tenero e dolce :) Da tenere sicuramente in considerazione ;)

    RispondiElimina
  3. Molto intenso e romantico...aspetto con ansia l uscita del terzo :)

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!