lunedì 19 ottobre 2015

Recensione: Tutte le volte che vuoi di Jodi Ellen Malpas

Trama:
Miller Hart è ricchissimo, supersexy, e sa portarla a vette di piacere mai raggiunte prima. Ma Livy sa anche che non c’è un punto di ritorno. Ormai è decisa a illuminare con il suo amore l’oscurità in cui lui ha vissuto finora, anche se per farlo dovrà pagare un prezzo molto alto. Miller sa che tutto quello che ha nella vita non se l’è meritato, ma con Livy sarà diverso. Però deve riuscire a proteggerla a ogni costo da ciò che li circonda: i suoi peccati, i suoi nemici, e soprattutto se stesso. Entrambi nascondono nel loro passato delle lunghe ombre, e devono capire se seguire il proprio cuore e rischiare il tutto per tutto per dar retta ai loro sentimenti. E ora è finalmente arrivato il momento della verità.

La mia opinione:

A questo punto non riesco a capire se sono io che ho dei problemi con i personaggi e le storie della Malpas, oppure se davvero i suoi personaggi e le sue storie hanno dei problemi di fondo.
Siamo al secondo capitolo della serie One Night, il primo come già sapete non mi ha entusiasmato, certo sempre meglio della sua precedente serie che realmente trovo abominevole, ma questa volta è stata davvero noia allo stato puro!
Non riesco a capire come si possa concepire una storia simile.
Avevamo lasciato Olivia che scappava da un albergo dopo aver scoperto il segreto di Pulcinella di Miller...
Bene ora la ritroviamo in piena crisi perché lo ha lasciato ed è indecisa se pentirsene oppure no. Si sta letteralmente consumando (tipo che in due settimane si è prosciugata) non mangia, dorme poco o niente e si trascina al lavoro più per inerzia che per altro. Come dicevo la nostra Olivia è distrutta, così distrutta che cerca di sedurre e quasi combina il fattaccio con Gregory il suo migliore amico GAY!!!! Si quella scena è di uno squallore fuori dal normale, con tutti gli uomini che le corrono dietro ammaliati dai suoi incredibili occhi blu zaffiro, doveva andare a scombussolare Gregory che già è pieno di casini: è innamorato di un uomo che non vuole dichiarare la propria omosessualità e che gli ha spezzato il cuore. L'unica cosa che li salva dal commettere questa cavolata è l'arrivo di Nonna, l'unico personaggio interessante di tutta la storia!!!
Mentre il nostro Miller è praticamente scomparso, tranne che per un misero “Ciao come stai” tramite sms. Ora, vi sembra normale che dopo aver trattato la donna che ami come una delle tue clienti, che tu odi nel profondo, non fai niente per sistemare le cose??!! Ma Miller nel cervello ha le scimmie urlatrici quindi dubito fortemente che riesca a mettere insieme un pensiero coerente.
Comunque, per una serie di sfortunati eventi, i due si ritrovano e indovinate un po'??? Si rimettono insieme nel giro di molto poco, come se tutto quello successo prima non fosse mai esistito! Ad ostacolare i nostri novelli Romeo e Giulietta (perdonami Shakespeare per questa eresia, ma concedimela ugualmente) ci si mette anche William, l'ex protettore della madre di Olivia che dopo 7 anni che non si fa ne’ vedere ne’ sentire, adesso è più appiccicoso dell'attack e più presente del prezzemolo, praticamente è ovunque!!! Certo anche in questo caso mi piacerebbe sapere con che coraggio questo tipo si permette di giudicare Miller, visto che di mestiere fa il pappone, ma è un mistero che probabilmente scopriremo nel terzo e, grazie al cielo, ultimo capitolo della serie (di prossima pubblicazione...e io al solo pensiero sento il prurito per un inizio di orticaria).
La storia stavolta è davvero noiosa, tanto che spesso la voglia di saltare le pagine è stata forte, ma io sono masochista e se decido di farmi del male, leggendo i libri della Malpas che so per certo non mi piaceranno, lo faccio per bene e così ho letto ogni riga, tirando un lungo sospiro di sollievo quando tutto è finito.
Posso comprendere che l'amore renda ciechi, ma sono assolutamente certa che non renda completamente imbecilli, cosa che invece succede sistematicamente in questi libri!!
Non mi piace come Miller si comporta con Olivia, detesto fortemente che anche in questo libro continui a portarla in giro spingendola per la nuca come se lei fosse un animale. Trovo oltremodo ridicola la trasformazione di Miller: da perfettino con manie di controllo con un problema ossessivo-compulsivo del primo libro, a psicopatico fuori di testa del secondo! Mi piace poco il fatto che Gregory da migliore amico sia diventato una specie di rompiballe, sempre fra i piedi che cerca di imporre le sue idee arrivando a ricattare Olivia con frasi del tipo: “ se ti rimetti con lui con me hai chiuso!!” Ma che caspita di migliore amico sei???
E men che meno mi piace l'inutile William, che di punto in bianco diventa talmente petulante da essere persin ridicolo!!
Ora sinceramente non so cosa aspettarmi dal terzo capitolo anche se, visto com'è finito questo, una certa idea l'ho. Sono sempre convinta che tutto poteva tranquillamente finire in due volumi perché questo secondo libro ha tantissime parti assolutamente inutili.


1 commento:

  1. che dire sono perfettamente d'accordo con te su tutto, personaggi poco realistici che si contraddicono in pochissimo tempo, questo 2 volume sto faticando a finirlo, e non son sicura di finirlo ne i comprare il 3 xD

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!