mercoledì 4 novembre 2015

Recensione "Bellezza Crudele" di Rosamund Hodge

Recensione Bellezza Crudele
di Rosamund Hodge
#1 Cruel Beauty Universe

Trama:
Costretta a fidanzarsi con il malvagio governatore del suo Regno, la giovane e determinata Nyx sa che il suo destino è sposarlo, ma per coronare il suo sogno più segreto: ucciderlo e liberare finalmente il popolo dal giogo di quella crudele tirannia. Eppure nel giorno del suo diciassettesimo compleanno – quando la ragazza si trasferisce con lui nel castello sulla cima più alta di tutto il Paese – capisce che nulla è come se l’era aspettato, soprattutto il nuovo marito, incredibilmente affascinante e seducente. Nyx sa che deve salvare la sua gente a tutti i costi, eppure resistere al suo nemico giurato sta diventando sempre più difficile perché lui è ben deciso a conquistare il cuore della sua sposa.
Con il suo romanzo d’esordio, Bellezza crudele, Rosamund Hodge ci regala una favola romantica, che farà sognare le lettrici, e inaugura una nuova saga che vede protagonista la coraggiosa eroina Nyx.

La mia opinione:
Se siete alla ricerca di un libro nuovo, originale, e carico di quel fascino misterioso e fanciullesco, tipico delle vecchie favole, Bellezza Cruedele è certamente il libro che fa per voi. 
Se poi siete come la sottoscritta, appassionati e profondi estimatori dei classici Disney, non potete assolutamente lasciarvi sfuggire questo libro che mi ha stupito e catturato in ogni singola pagina.

La storia che tutti conosciamo, quella de "La bella e la bestia", viene rivisitata in chiave fantasy e mistery da Rosamund Hodge, in un modo che mai avevo letto e che mi ha piacevolmente sorpreso; infatti dimenticate la più recente trasposizione cinematografica hollywoodiana di "Beauty and the beast": in questo romanzo, l'autrice trasferisce le linee guida della classica storia Disney in un mondo completamente diverso, governato da magia e oscure presenze, da sentimenti non sempre positivi e da regole completamente diverse alle nostre.

I personaggi della storia sono anch'essi protagonisti atipici sia dei classici romanzi young adult, che delle più classiche favole. Nyx, la nostra "bella", è una ragazza tosta, forte e caparbia, che, cresciuta con un gravoso compito sulle spalle, ha sempre cercato di apparire impassibile, di ghiaccio, con una grande forza di volontà. Peccato che questa sia solo (in parte) apparenza e la ragazza covi nel profondo del suo animo un grande rancore e disprezzo per quella famiglia che non ha esitato a sacrificarla: cose che fanno di Nyx una protagonista non sempre positiva, ma molto più complessa ed umana delle solite principesse sempre buone e perfette.
Anche i personaggi maschili si fanno notare. Da Ignifex, "malvagio" signore di Arcadia, capace dei gesti più crudeli ma dall'ironia sottile e divertente, a Shade, silenziosa ombra del castello, misteriosa e gentile, che si contrappone all'oscuro signore che la controlla.

Da quello che ho letto in giro, sembra che questo libro o lo si odi o lo si ami. Come avrete capito, a me è proprio piaciuto e non ho trovato ne forzata ne esagerata la rielaborazione della classica fiaba, contando che, per alcuni versi, questa nuova interpretazione mi ha ricordato il film dello studio Ghibli  "Il castello errante di Howl" (film stupendo e che amo alla follia!!).

Lo stile della Hodge è scorrevole ed intenso, pieno di nuovi termini e di innovazioni che me lo hanno fatto apprezzare. Come ogni young adult la storia d'amore è importante e ben presente nel contesto generale del nuovo mondo di Arcadia, e sebbene non sia stato difficile capire come sarebbe andata a finire, sono rimasta incollata al romanzo sino all'ultima parola.
Assolutamente consigliato!


3 commenti:

  1. Proprio oggi avevo letto una recensione negativa su questo libro che mi aveva un pò scoraggiata, fortunatamente sono passata di qui perché questo libro mi incuriosisce davvero molto! :)

    RispondiElimina
  2. Sono pienamente d'accordo con te, un libro bellissimo veramente :)

    RispondiElimina
  3. A fine lettura ero un po' indecisa, molto originale ma strano!
    Secondo me è uno di quelli libri che divide molto i pareri!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!