venerdì 15 gennaio 2016

Recensione "Inganno" di Sagara Lux


Inganno
di Sagara Lux
(Serie Broken Souls #2)

La Trama
Tutto ha un prezzo. 
Iryna non ha altra alternativa che crederlo quando si ritrova con una pistola puntata alla tempia e l’uomo che ha tradito davanti agli occhi. È per questo che si presta a un gioco terribile, perché sa di avere un unico modo per salvarsi: non pensare a quello che le verrà chiesto in cambio. 
Ogni gioco ha le sue regole. 
Genz non ha dubbi: qualsiasi cosa accadrà tra di loro, Iryna morirà. 
Lei, però, non è la donna che crede. Il suo nome e le sue labbra nascondono il più dolce dei desideri e il più crudele degli inganni. È così che riesce a insinuarsi nell’ultimo posto in cui sarebbe dovuta arrivare: dentro di lui. 
Nella mente, nel sangue. 
Lei possiede la sua anima, lui possiede la sua vita. 
Salvare se stessi significa distruggere l’altro. In un mondo senza giustizia e senza perdono scegliere cosa fare appare fin troppo semplice, ma quando si gioca con la morte non esistono certezze e non esiste regola che non possa essere infranta. 
* ATTENZIONE * 
Il romanzo contiene scene di sesso esplicite e tratta contenuti delicati. Se ne consiglia la lettura a un pubblico adulto e consapevole. 

La mia opinione

Questo libro è un’autentica fusione di romanticismo e sensualità, intrecciati in modo intenso e potente. E io l’ho divorato restando attaccata al kindle come se una colla misteriosa mi impedisse di separarmi da lui anche solo per prendere un briciolo di fiato.
Perciò bisogna svuotare la mente e lasciar entrare quel treno inarrestabile di emozioni, lanciato a tutta velocità, sperando di non venir travolti e schiacciati sotto il peso di quelle più oscure.
Genz è un assassino, un uomo senza anima, senza cuore e senza pietà. E per quanto sia deprecabile la maggior parte delle sue azioni, non posso non amarlo. Davvero, è più forte di me, non ci riesco. Già mi aveva colpito nel libro precedente, nonostante fosse “il cattivo” … o magari mi aveva colpito proprio per QUEL motivo.
Iryna (una prostituta per necessità) è la donna che l’ha tradito e merita una punizione più subdola e crudele del semplice omicidio per vendetta. Perciò diventa una prigioniera alla sua completa mercé, vittima di un gioco pericoloso. Un gioco che ben presto sfugge di mano a entrambi.
LEI lotta per sopravvivere nell’unico modo che conosce, tentando di manipolare il suo carnefice con il corpo e con la mente.
LUI riversa su di lei un desiderio soffocante e la sottopone a un insidioso gioco di dominazione psicologica, regalandole il più oscuro e sublime dei piaceri.

«Volevo ucciderla. Volevo scoparla. Volevo ferirla.
Volevo possederla nel senso più lato del termine.
E volevo fare tutto insieme. Subito.»

Perché quella donna diventa la scintilla che distrugge il suo autocontrollo… un balsamo e allo stesso tempo una tortura per la sua anima inquieta.
Lo stile che la scrittrice padroneggia è così vivido e diretto, così attento al dettaglio (senza tuttavia risultare volgare o esagerato) da evocare sensazioni reali e potenti, che si insinuano sotto pelle a tradimento.
Accade tutto tra le mura di un’imponente villa di campagna. Intrighi e guerre di potere tra boss della criminalità organizzata fanno da sfondo ad una passione che consuma. Una storia di ossessione, di disperazione e di una dolcezza straziante.
Dove uno sguardo o una carezza impercettibile bruciano più un atto carnale.
Dove il desiderio è così intenso che, se potesse, fonderebbe le pagine del libro.
Dove il dubbio lacera e tu non capisci chi inganna e chi viene tradito. E questo crea tensione. Tanta.
Questo romanzo non ha pietà di noi o dei nostri sentimenti. Se avete pregiudizi o scarsa apertura mentale, metteteli in un cassetto e buttate via la chiave.
Godetevi questo libro e lasciatevi trasportare in un luogo di dolce perdizione, in cui l’amore ha un lato tenebroso fin troppo seducente.
E mettetevi il cuore in pace, perché il finale non è un finale… piuttosto un punto di partenza.
Non può concludersi così. Non è giusto e non è ragionevole. Per cui non può, punto e basta. E non ci resta che aspettare il seguito con ansia e grandi aspettative.

1 commento:

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!