mercoledì 27 luglio 2016

Recensione: Tra due mondi di Jennifer L. Armentrout

Tra due mondi 
di Jennifer L. Armentrout
(Serie Covenant #1)

Trama

Gli Hematoi discendono dall'unione di dei e mortali, e i figli di due Hematoi di sangue puro hanno poteri di origine divina. I nati dall'unione tra i figli degli Hematoi e i mortali, invece... be', non proprio. I Mezzosangue hanno solo due possibilità: venire addestrati per diventare Sentinelle con il compito di combattere e uccidere i daimon o diventare servitori nelle dimore dei Puri. La diciassettenne Alexandria preferirebbe rischiare la vita lottando piuttosto che sprecarla pulendo i pavimenti, ma non è detto che ci riesca. La sua condotta, infatti, è tutt'altro che irreprensibile. Ci sono diverse regole che gli studenti del Covenant, come lei, devono seguire e Alex ha dei problemi con tutte, ma soprattutto con la numero 1: le relazioni tra i Puri e i Mezzosangue sono proibite. Sfortunatamente, lei è attratta da Aiden, bellissimo e... Puro. Comunque innamorarsi di Aiden non è il suo più grande problema, rimanere in vita abbastanza a lungo e diventare una Sentinella invece sì. Se fallirà nel suo compito, dovrà fronteggiare un futuro più terribile della morte o della schiavitù: diventerà un daimon, e Aiden le darà la caccia. E quella sarebbe una vera disgrazia.



La mia opinione


Tra due Mondi” è il primo volume della tanto attesa serie paranormal romance young adult Covenant di Jennifer L. Armentrout, questa favolosa autrice che non mi stancherò mai di leggere. 

Chi sono le creature protagoniste di questa storia? Lo scopriamo nei primi capitoli del romanzo, dove ci viene spiegato chi sono i Puri, i Mezzosangue e i Daimon. 
I Puri stanno sul gradino più alto, discendono dagli dei, possono controllare i quattro elementi ed hanno poteri di costrizione. I figli di due Puri sono Puri, mentre i figli di un Puro e un mortale sono chiamati Mezzosangue. I Mezzosangue non godono della stessa considerazione dei Puri, anzi, hanno praticamente solo due possibilità: diventare loro servi oppure, se qualificati, frequentare un centro di addestramento e diventare Guardie o Sentinelle destinate a proteggere i Puri dalla loro nemesi: i daimon. 
I daimon sono in poche parole dei pericolosi e spietati Puri trasformati che si nutrono dell'etere che scorre nel sangue dei Puri. 
La protagonista principale e narratrice di questo primo romanzo è Alexandria, Alex per gli amici, una 17enne Mezzosangue con un bel caratterino e la capacità di cacciarsi sempre nei guai.  La ragazza ha tutte le qualità per diventare una vera e propria eroina ed oltre ad essere simpatica ed ironica è anche molto coraggiosa
Alex ha sempre dimostrato di essere molto abile e forte fin dall'inizio del suo addestramento al Covenant (una specie di accademia, per intendersi) quando era ancora una bambina, ma tre anni prima sua madre è fuggita portandola con sé senza mai spiegarle il motivo. Ora che sua madre è morta per colpa dei daimon e lei è stata riportata al Covenant, ad Alex viene concessa un'ultima possibilità di riscatto per recuperare gli anni persi e rimettersi in pari con le lezioni per diventare la Sentinella che ha sempre desiderato essere. 
Qui entra in gioco Aiden, qualche anno più grande di Alex e definito dagli altri allievi del Covenant la Sentinella più dura e spietata che ci sia, colui che si è preso l'impegno di allenare Alex e prepararla per riprendere le lezioni in autunno insieme agli altri ragazzi. 
Tra Aiden e Alex non si crea solo un certo feeling, ma anche un'attrazione reciproca da perdere la testa, peccato però che qualsiasi coinvolgimento tra i due sia assolutamente vietato poiché lui è un Puro e lei una Mezzosangue. Questi amori contrastati e impossibili però sono quelli che mi fanno "fangirlare" di più, non me ne stanco mai! 

"Non era assolutamente possibile che Aiden mi interessasse in quel modo, proprio no. 
Certo, era bello da impazzire e davvero gentile, e anche paziente e divertente, nel suo modo un po' brusco. Aveva molti lati apprezzabili. Se fosse stato un Mezzosangue, non ci sarebbe stato nessun problema. Non lavorava per il Covenant, quindi non c'era il problema del divieto di relazioni fra insegnanti e studenti, e aveva solo tre anni più di me. Se fosse stato un Mezzosangue, probabilmente mi sarei già gettata ai suoi piedi. Ma Aiden era un Puro, porca vacca. Un Puro con le dita incredibilmente forti e un sorriso che... be', mi faceva sentire come se avessi avuto un nido di farfalle nello stomaco. E il modo in cui mi guardava, il modo in cui i suoi occhi passavano dal grigio all'argento in un istante, continuava a farmi effetto anche in quel momento."


La prima parte del romanzo mi ha ricordato la serie Vampire Academy (che adoro alla follia!) in diversi aspetti, se l'avete letta è impossibile non fare delle associazioni anche se il contesto è abbastanza diverso. Oltre al fatto che i daimon sono una versione diversa degli strigoi, Alex mi ha ricordato molto Rose come carattere, per di più viene riportata al Covenant dalla Sentinella che sarà poi il suo istruttore, nonché il ragazzo proibito per cui perderà la testa. Le somiglianze credo però che finiscano qui, nel corso della trama infatti ci sono diverse rivelazioni e risvolti legati alle creature introdotte dall'autrice che fanno decisamente pensare che le vicende prenderanno una direzione tutta loro, e sono curiosissima di scoprire quale. 

Oltre ai due personaggi principali ce n'è anche qualcuno secondario molto interessante, uno in particolare di nome Seth di cui credo sentiremo parlare molto nel seguito e che avrà una certa rilevanza (Il mio allarme triangolo si è già attivato...). 
Aiden però mi ha già totalmente conquistata per una serie molto lunga di ragioni e non solo perché descritto come un figo pazzesco: è forte, coraggioso, intelligente, protettivo e quella sua personalità introversa e la situazione con il fratello minore lo rendono ancora più desiderabile. In poche parole, se in futuro mi toccherà scegliere un team so già in partenza che sarà il suo. 

"So che ci sono Puri che infrangono le regole, ma lo fanno perché non si preoccupano di quello che può succedere all'altra persona, invece io mi preoccupo di quello che succede a te. Mi preoccupo di te molto più di quanto dovrei, ed è per questo che non ti metterò in quella situazione e non metterò a repentaglio il tuo futuro."

Spesso nei romanzi introduttivi delle saghe ci sono dei passaggi descrittivi che tendono a rallentare il ritmo della lettura, ma non è questo il caso, sin dalle prime pagine la storia è accattivante e ci trascina in pieno in questa rielaborazione che la Armentrout ha creato per queste creature discendenti dagli dei. 
“Tra due Mondi” è il primo capitolo di una saga che si prospetta ricca di rivelazioni, colpi di scena e sentimenti impossibili che ci terranno con il fiato sospeso fino alla fine. Una lettura avvincente ed emozionante con personaggi ben caratterizzati e dalle varie sfaccettature, in questo la Armentrout è sempre una maestra. Preparatevi però ad impazzire in attesa del seguito, con il fantasy questa autrice ci fa sempre penare, come è già successo per la serie Lux e Dark Elements scordatevi quindi un libro autoconclusivo. In ogni caso, è già stato annunciato che il seguito dal titolo “Cuore Puro” uscirà a novembre 2016, dobbiamo solo pazientare qualche mese! 
Amanti del fantasy e del paranormal, è iniziata una nuova saga che vale davvero la pena leggere!

2 commenti:

  1. E' assolutamente fra le mie prossime letture! *_* grande recensione come sempre, complimenti selly! <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Poi fammi sapere se ti è piaciuto!

      Elimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!