martedì 6 giugno 2017

Recensione NERVE di Jeanne Ryan

Nerve
di Jeanne Ryan

Trama
Quando viene selezionata come concorrente per Nerve, un gioco in diretta online, Vee non è sicura che avrà il coraggio necessario ad affrontare le sfi de via via proposte. Eppure chiunque si nasconda dietro Nerve sembra conoscerla alla perfezione e sapere esattamente ciò desidera: i premi sono allettanti e il suo partner nel gioco è il ragazzo perfetto, il brillante e sensuale Ian. In un primo momento tutto si rivela incredibilmente divertente: i fan di Vee e Ian tifano per loro e li spingono ad alzare la posta con imprese sempre più rischiose. Ma il gioco ha una svolta poco chiara quando i partecipanti vengono indirizzati verso una località segreta con altri cinque giocatori per il round del Grand Prize. Improvvisamente stanno giocando il tutto per tutto e in palio c’è la loro vita. Fino a che punto il sangue freddo di Vee la sosterrà per andare avanti? Un romanzo adrenalinico e imperdibile.

La mia opinione

Vee, la giovane protagonista di questo romanzo, è una adolescente come tante, timida, insicura di se e molto disponibile verso chi ha bisogno. Si impegna al massimo nelle attività extra scolastiche, tra cui il teatro, ed è un'abile truccatrice e direttrice del dietro le quinte. Un giorno però, a Vee questo non basta più, il tutto accade quando scopre un'amara verità: il ragazzo che le piace in realtà è attratto dalla sua amica (super popolare) Sidney. Vee decide di dare una scossa alla sua vita partecipando ad un reality game molto famoso, "Nerve", che significa appunto "nervi" perché il gioco si insinua nel tuo cervello e, mentre decidi di giocare "tanto per dimostrare qualcosa", finisci per non avere più scampo. Come funziona: Questo gioco non è un semplice gioco come tutti gli altri, Nerve ti pone davanti a delle sfide che devi affrontare e in cambio offre un'oggetto o un qualcosa che il concorrente desidera nel profondo del suo cuore (che può essere una borsa super costosa,un cellulare,una macchina o un viaggio ecc..). In verità nessuno sa chi ci sia dietro a questo gioco, però il gioco sembra conoscere perfettamente ogni potenziale ed effettivo concorrente, conoscendo tutto della sua vita, anche i più intimi e oscuri segreti.  Vee decide di provare una delle sfide elencate da Nerve non pensando di essere presa seriamente in considerazione, il gioco invece la seleziona per i round successivi. In queste sfide, Vee conosce l'affascinante e misterioso Ian, anche lui giocatore di Nerve, presto si ritroveranno a fare squadra e a partecipare a diverse fasi insieme. La loro complicità nel gioco comincia a diventare anche qualcosa di più di una semplice alleanza per vincere i premi. Le sfide si faranno sempre più imbarazzanti e anche pericolose, fino a quando arriveranno ad un punto di non ritorno dove la distinzione tra finzione e realtà sarà molto sottile. 

"Nerve" rispecchia molto i giovani di oggi, con la voglia di vincere e senza paura. I giovani che per un paio di scarpe nuove sono disposti a sacrificare la propria vita.
Il tema infatti è molto attuale, si sente spesso al telegiornale casi che hanno similitudini con la storia di questo libro.
La storia mi è piaciuta, ho letto il libro in due giorni circa, ho trovato la lettura molto scorrevole, leggera e con la suspense al punto giusto, tanto da tenere il lettore incollato per non fargli chiudere il libro.
Mi sarebbe piaciuto un approfondimento su Ian, in quanto ho trovato il suo personaggio magnetico e intrigante, ma se devo dirla tutta, ho avuto l'impressione che la scrittrice ci abbia celato di proposito certe informazioni. 
Nerve rimane avvolto da una nube di mistero, non si sa chi ci sia dietro e chi gestisce questo gioco crudele ma allo stesso tempo affascinante, che ipnotizza milioni di persone in tutto il mondo. Il finale mi ha lasciata un pochino a bocca asciutta, mi aspettavo qualche rivelazione in più o qualche colpo di scena, perché arrivati ad un certo punto della lettura cominci a dubitare di tutti.
La conclusione fa pensare ad un ipotetico continuo in futuro, persino la scrittrice stessa ha dichiarato che Nerve era stato concepito come libro autoconclusivo, ma ha anche ammesso di avere qualche idea in testa per un eventuale seguito. Male che vada, può essere concepito come libro singolo, senza finali aperti.

Punto di vista: Prima persona
Sensualità: Scene appena accennate
Caratteristiche: Misterioso, intrigante adrenalinico
Stile narrativo: Scorrevole
Tipo di finale: Autoconclusivo



Recensione a cura di LINDA


2 commenti:

  1. Ho finito il libro un paio di giorni fa e oggi ho visto il film, mi è piaciuto molto. Rappresenta uno spaccato di realtà sempre più grande purtroppo.

    RispondiElimina
  2. Non ho ancora avuto modo ne' di leggere il libro ne' di vedere il film..spero di recuperare presto 🙈🙈

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!