lunedì 1 aprile 2019

Recensione: The KingDom di Silvia Carbone e Michela Marrucci




The KingDom
Silvia Carbone, Michela Marrucci
(Take me Series #2)

Editore: HARMONY eLit
Data di uscita in ebook: 1 Aprile 2019

Trama
Dopo aver creato a Miami l'esclusivo club The Pleasure, dedicato ai cinque sensi, Rafiq è tornato a Takei per assumersi le sue responsabilità in qualità di sultano, ma dopo un paio di anni la vita che conduce lo sta annullando. Il suo unico sfogo nelle giornate piene di impegni sono le sessioni di arti marziali in palestra e quelle di sesso con l'amante, briciole per un uomo affascinante e dalla sensualità prorompente come lui. Poi, un giorno, incontra una straniera al mercato, e rimane colpito dalla sua bellezza e dall'attrazione che prova immediatamente. È sicuro che non la rivedrà ma non può impedirsi di fare di lei la protagonista delle sue più spinte fantasie. E quando inaspettatamente la rivede sfodera tutte le sue armi per sedurla. Mai gioco è stato più dolce della conquista del corpo e del cuore di Harmony e mai la felicità così labile...


La mia opinione

Quando Rafiq è apparso in The Pleasure, nonostante si sia trattato di poche scene, mi aveva colpita moltissimo. Un personaggio così enigmatico si è fatto subito notare, per questo ero davvero curiosa di poter leggere la sua storia. 
Mi ero già fatta anche un'idea ben precisa su ciò che avrebbe potuto essere il suo libro, e invece niente è stato come pensavo. Dopo migliaia di libri letti, le storie iniziano ad assomigliarsi un po' tutte e, quando trovo un'autrice che ha la rara dote di riuscire a stupirmi, la lettura di quel libro assume tutto un altro sapore. E il magico duo Carbone-Marrucci mi ha davvero stupita tanto.
Proprio perché avevo conosciuto Rafiq in un contesto ben preciso come The Pleasure, pensavo di ritrovare in questo volume la stessa atmosfera, perché Rafiq non ha mai fatto mistero dei suoi “gusti” in fatto di sesso, tanto da aver creato un luogo dove le persone sono libere di esprimere loro stessi e la loro sessualità senza nessun timore di essere giudicate. Credevo che anche in The KingDom, la parte predominante sarebbe stato questo, invece mi sono ritrovata dentro una meravigliosa storia d'amore, con un Rafiq inedito che mi ha conquistata completamente. Nonostante sia rimasto un personaggio estremamente sensuale e passionale, la sua dolcezza e tenerezza sono uscite prepotentemente rendendolo davvero unico!
Anche la scelta di una protagonista femminile così particolare come Harmony mi ha stupita moltissimo. Vista l'ambientazione atipica e il motivo per cui Rafiq aveva dovuto lasciare la sua vita a Miami e il Pleasure, ero convinta che avrei trovato al suo fianco una donna della sua stessa terra. Mi immaginavo una storia incentrata nel tentativo di Rafiq di “modernizzare” la situazione del suo sultanato iniziando proprio dal suo rapporto con la moglie. Quindi la mia sorpresa è stata enorme quando ho capito che invece la protagonista femminile sarebbe stata una emancipata donna occidentale, sicura di sé e delle proprie idee tanto da essere un avvocato specializzato nel difendere i diritti delle donne, diritti che nel Paese di Rafiq sono praticamente inesistenti! 
All'inizio il loro rapporto, nonostante la fortissima attrazione che entrambi provano, non è stato semplice. Harmony vede in Rafiq e nelle leggi del suo sultanato tutto l'opposto di quello in cui crede, come la libertà di poter decidere liberamente della propria vita, e per cui lotta tutti i giorni in tribunale. Ben presto però si deve ricredere, perché Rafiq ha un piano ben preciso in testa, vuole portare Takei nel ventunesimo secolo, andando anche contro quello che per secoli è stato insegnato loro, ma lo vuole fare in modo democratico e non imponendo le sue idee in quanto sultano.
Mi è piaciuto moltissimo l'evolversi del loro rapporto, nonostante Rafiq sia ben consapevole che esiste (perché lo ha visto nel rapporto che c'è tra Shad e Mad e nella devozione che suo zio Aamir prova ancora per la sua Hannah nonostante i tanti anni che sono passati dalla sua morte) non conosce quell'amore unico e indissolubile che unisce due anime gemelle. Ma nell'attimo stesso in cui i suoi occhi incontrano quelli di Harmony si rende conto di avere finalmente incontrato l'amore della sua vita, quello con la A maiuscola.
Quel tipo di amore che, nel caso ti fosse portato via, avresti la terribile sensazione che il sole non sorgerà mai più, costringendoti ad una vita di buio e freddo. E il Magico Duo è riuscito a rendere la trasformazione di Rafiq in modo perfetto, senza renderlo sdolcinato ne sminuirlo in nessun modo, anzi esattamente il contrario. Perché all'inizio, nella mia testa, Rafiq era lo stesso che avevo conosciuto prima, un personaggio enigmatico, ermetico e inavvicinabile, ma alla fine del libro, mi sono ritrovata un uomo con delle paure e delle emozioni che non ha nessun problema a mostrare e che lo hanno, in poche parole, reso “umano”! E questo succede solo quando la sensibilità di chi scrive è altissima e il Magico Duo in questo è bravissimo!!!
In questo libro non c'è solo questo, perché Silvia e Michela non si sono dimenticate del lato fisico e passionale della storia, perché questo, nonostante i temi trattati e l'ambientazione, è un romance erotico e la parte sensuale è stata sviluppata coerentemente con quello che stava accadendo, sempre con il loro stile unico e accattivante.
E come non menzionare gli altri personaggi di questa serie. E' stato bellissimo ritrovare Shad e Madison, vedere l'evolversi della loro storia ed essere partecipi delle “novità” della loro vita matrimoniale. In più le autrici hanno dato loro il giusto spazio, tanto da poter vedere anche il cambiamento nel rapporto di Shad con suo padre Aamir. Cambiamento reso possibile dall'amore che Shad prova per Madison e che gli ha fatto vedere le cose sotto una diversa prospettiva perché, gira e rigira, il fulcro di tutta questa serie è proprio l'Amore, in tutte le sue sfaccettature!!
E la ciliegina di tutto è stato l'epilogo, proprio di quelli che piacciono a me, con una finestra sul futuro che, una volta finito, ti fa dire veramente “E vissero tutti felici e contenti!!!!!!”

Punto di vista: Terza persona
Sensualità: Hot. Hot. Hot!!!
Caratteristiche: passionale, romantico, emozionante
Stile narrativo: scorrevole
Tipo di finale: auto-conclusivo


Si ringrazia la casa editrice HarperCollins Italia per la copia ARC del romanzo 

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!