martedì 28 maggio 2019

Recensione: Mister Romance di Leisa Rayven

Mister Romance 
di Leisa Rayven
(Masters of Love #1)

Casa editrice: Newton Compton Editori
Data di uscita in ebook: 25/05/2019

Trama 
Max è un uomo bellissimo, carismatico e passionale e ha una doppia identità. Di notte diventa Mister Romance, un escort che può far avverare ogni fantasia. Le regole sono chiare: niente sesso, ma serate di corteggiamento che stanno facendo impazzire donne e ragazze dell’alta società newyorkese. Su richiesta Mister Romance può diventare un presuntuoso miliardario, un cattivo ragazzo con il cuore d’oro o un motociclista ribelle. Max è abile a trasformarsi, ma sta molto attento a tenere la sua vera identità segreta. La giornalista investigativa Eden Tate ha sentito parlare del leggendario Mister Romance ed è determinata a pubblicare un articolo sull’uomo che sta guadagnando una fortuna affascinando ricche e annoiate signore. Pur di mantenere al sicuro il suo anonimato e quello delle sue clienti, Max sfida Eden a concedergli tre appuntamenti. Se lei non si innamorerà di lui, avrà tutto quello che le serve per il suo articolo. Eden non ha dubbi: è sicura di poter resistere al fascino dell’uomo misterioso, ma quando il vero Max ammetterà di essersi innamorato di lei, dovrà capire se si tratta della verità o di un altro dei trucchi di Mister Romance.


La mia opinione 


Sto scrivendo questa recensione immediatamente dopo aver finito di leggere questo romanzo che mi ha fatta ridere, sospirare, sognare, piangere (e non succede quasi mai) e perché no fantasticare, per cui sono carica a pallettoni. 
Premetto che da questo romanzo non mi sarei mai aspettata tutto quello che ho provato ed è stata una piacevole sorpresa! Da quando ho iniziato a leggerlo non sono praticamente riuscita a chiuderlo nemmeno per un attimo.
Eden Tate è di fatto il tipo di donna che ho sempre sognato di essere: ambiziosa, capace, ironica, divertente, non le interessano le relazioni ed è il tipo di persona che non si fa intimorire dall’opinione altrui, avendo infatti diverse storie da una notte. Tutto ciò che cerca in un uomo è un’apparenza decente e quell’aria di mediocrità che le fa capire che si tratta del tipo che non vuole relazioni serie. La sua carriera però è ad un bivio, sa che se non troverà uno scoop perderà il suo posto di lavoro e la storia che le viene suggerita sembra la risposta a tutti i suoi problemi. Conosce Max in modo a dir poco non convenzionale e dopo averne individuato l’identità nascosta decide di proseguire le sue indagini. Max però è restio a condividere informazioni private e dettagli della sua professione, per cui propone a Eden di creare per lei tre appuntamenti perfetti che la porteranno a provare dei sentimenti per lui e che le permetteranno di capire in che cosa davvero il suo lavoro consista. Eden a questo punto non ha nulla da perdere e, sicura che il muro che si è costruita intorno sia assolutamente impenetrabile, accetta la scommessa. 
Max si dimostra dall’inizio incredibilmente scaltro, intelligente e affascinante, con i suoi modi da gentiluomo di altri tempi e la sua esperienza in tema di appuntamenti, gode di una sicurezza in sé stesso che ogni donna cerca nel proprio partner e di sicuro il suo aspetto fisico non è un ostacolo, anzi! Il suo lavoro non consiste nel fare semplicemente compagnia a delle ricche signore annoiate, ma nel farle sentire le regine che sono e nel donare loro piccoli momenti di felicità. Max nasconde chiaramente un passato difficile, ma la vera entità dei suoi traumi si scoprirà solo più avanti nel romanzo e la cosa che in assoluto ho più apprezzato è che l’autrice non si è soffermata troppo sul momento tragico, ma lo ha presentato come un percorso di vita non facile, ma superabile con la giusta motivazione e costanza. Allo stesso modo Eden è contraria alle relazioni non perché non creda nell’amore, ma perché non ha mai avuto vera prova della sua esistenza, di sicuro non dall’uomo più importante per ogni ragazza, ovvero suo padre.  
Ho trovato entrambi i protagonisti straordinariamente coinvolgenti e coerenti, ma anche innovativi e rinfrescanti (sebbene Max risulti a tratti un po’ troppo perfetto), la trama accattivante fino all’ultimo e un’incredibile e molto apprezzabile attenzione a tutti i personaggi secondari, in particolare la nonna di Eden che ho trovato fenomenale!
Che dire, questo romanzo mi ha sorpresa, stupita ed emozionata. Con momenti di suspense sensuale insopportabile, battute irriverenti e dichiarazioni romantiche e profonde, lo consiglio fortemente a chiunque avesse voglia di una commedia romantica piena di rivelazioni e lezioni sull’amore (e citazioni degne di nota!). A questo punto sono sicura che leggerò anche il secondo romanzo di questa serie. 


«Ehm… che sta succedendo?»
«Mi tolgo la camicia».
«Perché?»
«Perché a quanto pare abbiamo raggiunto quella parte della serata in cui ci spogliamo semi-nudi per   torturarci a vicenda».


Punto di vista: interno, fisso (Eden)
Sensualità: molto presente, romantica, esplicita
Caratteristiche: commedia romantica dai toni leggeri  
Stile narrativo: scorrevole, intelligente, ironico e coinvolgente
Tipo di finale: chiuso, felice 

 Ringrazio la Newton Compton per la copia ARC del romanzo. 

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!