martedì 14 maggio 2019

Recensione: Non so perché ti amo di Mariana Zapata

Non so perché ti amo
di Mariana Zapata

Editore: Newton Compton Editori
Data di uscita ebook:  14/05/2019
Cartaceo: 16/05/2019

Trama
Jasmine Santos ha trascorso quasi tutta la vita sul ghiaccio: è una campionessa di pattinaggio in coppia. Ma, ora che il suo partner l’ha scaricata, non ha molte possibilità: per quanto sia talentuosa, il suo caratteraccio è un vero ostacolo a trovare qualcuno disposto a fare coppia con lei. Forse è arrivato il momento di dire addio ai pattini? Quando il campione del mondo in carica, Ivan Lukov, le chiede di diventare la sua nuova partner, Jasmine sa che potrebbe essere un’occasione unica e irripetibile. Il problema è che lei e Ivan non si sopportano e non fanno che litigare da quando erano adolescenti. Ma, se vogliono che la coppia funzioni, devono provare ad andare d’accordo… o almeno a cercare di non uccidersi durante gli allenamenti. Perché il pattinaggio è una questione di fiducia e per Jasmine e Ivan è impensabile vincere senza fidarsi l’una dell’altro. Se Jasmine vuole davvero tornare in pista, dovrà rimettere tutto in discussione. Persino il suo odio per Ivan.



La mia opinione


«Io credo in te. In noi. Comunque vada, sarai sempre la migliore partner che abbia mai avuto. Sarai sempre la persona che lavora più duramente fra tutte quelle che ho conosciuto. Sarai sempre e solo tu».

Non so perché ti amo è il nuovo contemporary romance della bravissima Mariana Zapata.
Una delle cose che mi piace di Mariana Zapata è che nei suoi libri inserisce sempre dei cameo dei protagonisti dei precedenti libri, senza però essere necessari per la storia. Se qualcuno ha letto in lingua originale Dear Aaron, probabilmente si ricorderà quindi che la protagonista di questo libro è la sorella di Ruby. 
Jasmine Santos era una pattinatrice sul ghiaccio professionista che è passata a quello a coppie ma, dopo drammi con il suo ultimo partner, è stata messa fin troppo facilmente da parte, finché il famoso Ivan Lukov non le propone di diventare sua partner per la stagione.
Questo libro è il santo Graal per tutte le amanti delle relazioni odio-amore. Come ogni romanzo della Zapata, è uno slow-burning, nel senso che i protagonisti ti fanno penare fino al 98% del romanzo per avere una vera e propria scena di sesso, ma cavolo se ne vale la pena. 
Non so perché ti amo inizia con i due protagonisti che si odiano fino a trasformare il loro rapporto in una bellissima relazione.
Ho adorato sia Jasmine che Ivan. La prima è un personaggio femminile tosto, con una spina dorsale, anche perché il mondo del pattinaggio è duro e, se non ce l’hai,  fallisci velocemente. Ivan è il fratello della migliore amica di Jasmine ed è così che si conoscono la prima volta, peccato che il primo scambio di battute che hanno sia in verità di insulti. Ivan è un personaggio molto chiuso in sé stesso, che non si fida facilmente delle persone, anzi, se può le tiene a distanza. Quando però lui e Jasmine iniziano, un po’ per forza, un po’ volontariamente, a conoscersi meglio, si scoprono dei lati di Ivan inaspettati e fin troppo adorabili.
Questo romanzo è stato fantastico, dalla prima all’ultima pagina. Ti attira fin dall’inizio con un ritmo lento, che ti fa entrare meglio nella storia, per poi diventare sempre più incalzante, impedendoti di posarlo.
Forse è perché mi piace il pattinaggio sul ghiaccio, ma ho adorato questa ambientazione particolare e, mentre leggevo, riuscivo a immaginarmeli danzare sulla pista. Nel totale darei cinque stelle a questo romanzo, scritto veramente molto bene e senza nessun lato negativo. Un altro fantastico romanzo della Zapata!

«Le nuove generazioni abbandonano dopo il primo oro perché hanno paura di non replicare il successo. Hai detto che nessuno ricorda il secondo classificato; se è per questo, non si ricordano nemmeno le ragazze che vincono una medaglia e poi scompaiono. La Jasmine che io conosco non ha paura. Non si arrende. È lei che la gente ricorderà. Quella che è presente, ogni volta. Vincerai e poi continuerai a lottare per vincere ancora. È questa la mia Jasmine, quella con cui ho deciso di fare coppia, la migliore secondo me. E non chiedermi di ripeterlo, perché non lo farò. Non so cosa ti sia preso stasera, ma qualsiasi cosa fosse devi andare avanti. Devi ricordarti di cosa sei capace. Chi sei. Così, i tuoi sacrifici saranno valsi a qualcosa. Ne sarà valsa la pena, fino all’ultimo centesimo. Hai capito?».

Punto di vista: punto di vista della protagonista, prima persona
Sensualità: qualche bacio, una scena hot
 Caratteristiche: emozionante e romantico
Stile narrativo: scorrevole
Tipo di finale: auto-conclusivo con epilogo

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!