giovedì 20 giugno 2019

Recensione: Lei: Principessa di ferro di Meghan March




Lei: Principessa di ferro
di Meghan March
(Sin Trilogy #2)

Editore: SEM Libri
Data di uscita: 20/06/2019

I Riscoff avranno anche il controllo della città, ma io sono stanca di sottostare alle loro regole.
Se solo riuscissi a resistere a Lincoln Riscoff e a non cadere ancora una volta nel suo incantesimo...
Sono tornata qui a Gable in cerca di pace, ma i problemi sembrano inseguirmi. Quell’uomo mi ha rubato il cuore dieci anni fa, e non me l’ha più restituito.
Insieme potremmo far ragionare le nostre famiglie, immaginare il nostro futuro. Anche se tenere a bada uno come Lincoln è come seguire di soppiatto un puma nella boscaglia, tirargli la coda e poi scappare sperando che non ti morda. Una cosa stupida, una follia. Ma così inebriante.
Il mio buonsenso me l’ha sempre detto: stai lontana da lui. Io però non riesco a rispettare il divieto.”

La mia opinione

Con questo secondo capitolo, ripartiamo dall'esatto momento in cui eravamo rimasti. Lincoln sta cercando in tutti i modi di correggere i suoi errori eppure, puntualmente, ogni volta ricade nello stesso. Salta subito alle conclusioni senza mai dare a Whitney l'opportunità di spiegarsi, e così facendo il divario tra di loro aumenta sempre di più. 
Whitney è stanca di questo atteggiamento, ogni volta che crede di vedere un Lincoln diverso, lui sbaglia facendole capire che alla fine, nonostante quello che lui le dice, non è minimamente cambiato.
In questo nuovo capitolo molte cose ci vengono spiegate, con il continuo alternarsi tra passato e presente, ma molte altre cose vengono aggiunte.
Tante domande hanno la loro risposta, ma molti di più sono gli interrogativi che ci vengono presentati. Ogni volta che penso di aver capito tutto, la March rimescola le carte talmente tanto che mai niente è quello che sembra. E questo mi fa letteralmente impazzire, perché il bisogno di sapere è veramente troppo forte, ma con la March ho imparato che, probabilmente, dovrò attendere l'ultimissima pagina di questa trilogia prima di avere tutte le risposte, e nel frattempo la mia curiosità sarà alle stelle!!
Questa storia aumenta di intensità ad ogni pagina, mai un attimo di noia o di debolezza, è un caleidoscopio di emozioni. Non ti puoi rilassare un secondo che nella pagina successiva succede il finimondo. In questo secondo libro il passato che ci viene raccontato è fondamentale per entrare profondamente nella storia di Lincoln e Whitney. Possiamo capire i motivi che hanno spinto tutti i personaggi di questa trilogia a comportarsi in un determinato modo e, sicuramente, ci permettono di entrare nei loro precari equilibri.
Come sempre la parte sensuale del libro è molto forte, la March è bravissima in questo tipo di situazioni, le scene di sesso sono sempre descritte nei minimi particolari, ma non sono per nulla fuori posto, anzi rendono questa storia ancora più stuzzicante.
E poi c'è sempre il colpo di genio finale. La tragedia che sai che accadrà ma che non riuscirai mai a quantificare, perché per quanto io cerchi di pensare al peggio, non mi avvicino neanche lontanamente a quello che la March è in grado di pensare. Anche questa volta il finale del libro è geniale, mette sul piatto la cosa che non mi sarei mai aspettata accadesse, rendendo così l'attesa della fine quasi insopportabile!
Whitney e Lincoln sono veramente due personaggi strepitosi, e la loro storia lo è altrettanto. Ora sono davvero curiosissima di scoprire cosa si nasconde dietro tutti questi segreti e sotterfugi e, conoscendo questa scrittrice, non mi annoierò di certo e la fine sarà sicuramente scoppiettante esattamente com'è stata tutta la storia fino a questo momento!

Punto di vista: prima persona alternata
Sensualità: tante scene hot presenti
Caratteristiche: seconda occasione
Stile narrativo: tra passato e presente
Tipo di finale: appeso....





Ringrazio la SEM per la copia ARC del romanzo

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!