martedì 2 luglio 2019

Recensione: Come nessuno al mondo di Amabile Giusti

Come nessuno al mondo 
di Amabile Giusti 

Editore: Amazon Publishing   
Data di uscita: 02/07/2019

Trama
Lei è dolce e riservata, lui spavaldo fino all’arroganza: è conflitto a prima vista ma l’attrazione è in agguato...
Diane è una ragazza discreta e un po’ timida, alle prese col suo primo anno di università. Ha un rapporto complicato con la madre, un’attrice hard dal temperamento sprezzante. Un giorno, al campus, incontra Derek, ventun anni di sfrontata bellezza e ingestibile strafottenza, che insegna surf sulla spiaggia di Santa Monica e non è certo uno studente modello, nonostante sia il figlio del rettore del college. I due, da subito, non si sopportano: Diane, che scrive racconti ed è segretamente invaghita dell’ineffabile Rupert, suo professore di letteratura, trova Derek ignorante e maleducato, e lui non perde occasione per prendersi gioco di lei e maltrattarla, anche in pubblico. Alcune impreviste circostanze, tuttavia, li fanno avvicinare più di quanto entrambi avrebbero mai creduto possibile, e i due giovani cominciano a guardarsi reciprocamente con occhi diversi. Che la dolce Diane sia più forte e caparbia di quanto appare, e il rude Derek meno insensibile di quanto i suoi modi mostrino?
Sullo sfondo di una splendida Los Angeles, tra corse in moto, feste universitarie e spiagge assolate, Derek e Diane impareranno che le cose non sono mai come sembrano, e che l’amore vero, quando arriva, ti travolge e ti cambia.


La mia opinione

Come nessuno al mondo è l’ultimo meraviglioso romanzo di Amabile Giusti e racconta la storia di Diane e Derek. Lei è una ragazza con una vita da emarginata alle spalle a causa del lavoro di porno-attrice della madre. È vergine non per mancanza di possibilità ma perché vuole stare con la persona che ama, vuole fare l’amore e non solo sesso. Lui invece è un ventunenne, figlio del rettore e assolutamente disinteressato a laurearsi e diventare, un giorno, avvocato. È arrogante e spocchioso, cambia ragazza con la stessa frequenza con la quale cambia i calzini, beve, fuma e non ha rispetto per nessuno. Le loro strade però un giorno si incontrano, non nel migliore dei modi oltretutto e da quel momento inspiegabilmente e poi con una consapevolezza sempre maggiore i protagonisti iniziano a trascorrere e soprattutto voler trascorrere del tempo insieme. 
Avendo conosciuto Amabile Giusti solo lo scorso anno ho davvero tanti arretrati da leggere e non voglio farlo in un unico momento, ma sto lentamente recuperando. È già capitato che pensassi che un romanzo più bello di quello che avevo appena terminato l’autrice non avrebbe potuto mai e poi mai scriverlo. Sarebbe stato impossibile. Peccato che io l’abbia già pensato due volte e, terminata la lettura di Come nessuno al mondo, ho raggiunto quota tre. Perché mi è piaciuto così tanto? Semplice: è scritto meravigliosamente bene, i personaggi -principali e secondari- sono costruiti in modo splendido e soprattutto mi ha emozionato, tanto, dall’inizio alla fine. 


Non era un principe azzurro: era un ragazzo complicato, era sboccato e aggressivo, e cambiava umore come certi giorni di primavera, un attimo prima sereni e poi violentati dal temporale.


Derek è davvero il classico bello, impossibile e pure stronzo. Lo si odia, Derek, lo si odia con molta facilità e lui non fa nulla per ispirare altri sentimenti. Eppure, in mezzo alla totale sregolatezza e all’insolenza, lascia trapelare solo e soltanto con Diane parti di sé che fino a quel momento erano tanto celate e controllate da risultare quasi imprigionate. Solo nella sua casa sull’oceano lascia che la sua parte nascosta torni in superficie ed è proprio in quel momento che dà il meglio di sé, lasciando trapelare la propria interiorità sotto forma di opera d’arte. Si sente destinato a veder morire le persone che ama, per cui non vuole legarsi a nessuno ed innamorarsi, mai.

Adesso usciamo da qui. Voglio vedere cosa ti sei fatta al polso, e non perché mi fai pena. Vorrei che mi facessi pena. Non sai quanto lo vorrei, sarebbe tutto più facile. 

Diane è in fuga dal giovane fidanzato della madre e si trasferisce in un fatiscente appartamento vicino all’università, abbandonando agi e ricchezze, appena ne ha la possibilità legale. Tutto quel che vuole è passare inosservata e soprattutto far sì che resti segreta la sua parentela con Tamara Love, questo è il nome della madre. È sfortunata Diane, sempre emarginata, per un motivo o per l’altro, non totalmente voluta  neanche da colei che avrebbe dovuto amarla sin dal primo sguardo. 


È scalza e sembra… non so cosa sembra. Forse una bambina triste. Per un attimo mi pare di vedere me stesso nei suoi occhi. Me stesso e tutto quello che ero prima di diventare quello che sono. Uno che non sa dove andare. Lei mi pare così. Una che è rimasta perché non ha nessuno e nessun posto, e non perché io e questo posto le piacciamo. 


L’ho adorata perché è buona, non risultando però fessa. È in grado di vedere la luce presente in Derek andando oltre l’apparenza, scavalca le sue parole e i suoi comportamenti, lo vede. È pura ed è la prima persona, dopo anni, che lo fa ridere. Lei contro ogni buonsenso si fida di lui, sa che lui, contro ogni pronostico, non le farebbe mai del male.
Lo stile dell’autrice anche in questo romanzo è meraviglioso, fresco e mai pesante, riesce perfettamente a trasmettere al lettore quello che è il mondo interiore dei suoi personaggi, lo si scopre tra le righe sia quando li si odia, nel caso di Derek, che quando si fa il tifo per loro. Amabile Giusti ha creato un personaggio, lo ha caratterizzato e l’ha rivoltato come un calzino pur senza privarlo di quella che comunque è a tutti gli effetti la sua personalità, non snaturandolo ma facendogli dimostrare di poter essere anche altro. Ce l’ha fatto odiare e poi amare senza possibilità di scelta, la adoro! Vi consiglio questo romanzo, che è uno dei più belli ed emozionanti che io abbia letto nell’ultimo periodo. 


Forse sono innamorata di Derek.
Forse senza il forse.


Punto di vista: prima persona, alternato
Sensualità: soft
Caratteristiche: emozionante
Stile narrativo: fluido
Tipo di finale: auto-conclusivo




Ringraziamo Amazon Publishing per la copia ARC del romanzo!

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!