lunedì 11 novembre 2019

Recensione: Offside di Juliana Stone

Offside
di Juliana Stone 
(The Barker Triplets #1) 

Editore: Triskell Edizioni
Data di uscita: 11 novembre 2019

Trama
Quando il fenomeno dell’hockey Billie-Jo Barker torna a casa e decide di giocare nel piccolo torneo locale del venerdì sera, nella cittadina di New Waterford si scatena l’inferno. Non perché venga messo in dubbio il talento di Billie, ma perché è una donna. E, nonostante i tempi moderni, qualcuno dei ragazzi del luogo ha ancora problemi a lasciare che una ragazza entri in uno spazio riservato agli uomini.
Sin da subito, Billie si trova al centro di una piccola battaglia dei sessi, dove ognuno sceglie la parte dove stare. Le sue sorelle. I suoi concittadini. I suoi amici. Eppure, l’unica persona di cui le importerebbe l’opinione non sembra granché interessata. Logan Forest, l’uomo che le ha spezzato il cuore quando aveva diciotto anni, lo stesso uomo con cui ora condivide la panchina della squadra di hockey ogni venerdì sera.
Billie-Jo Barker ha molto da dimostrare e, sebbene non abbia problemi a segnare sul ghiaccio, si domanda se riuscirà a fare gol anche nel cuore dell’uomo dei suoi sogni.


La mia opinione


Ho amato ogni singola pagina di questo libro passionale, coinvolgente e, al tempo stesso, decisamente inusuale. Se siete amanti degli Sport Romance non potete farvi sfuggire questa storia soprattutto se, alla parola Hockey, il vostro cuore inizia a battere velocemente all’idea di tutto quel testosterone che sfreccia veloce sui pattini. Ma ciò che rende Offside diverso, ed il motivo per cui lo consiglio vivamente, è la particolarità della storia raccontata, il che già di suo è un piccolo grande risultato considerato che sull’argomento hanno scritto tutto ed il contrario di tutto. Eppure di storie così ce ne sono pochissime, (a me è capitato di leggerne una simile solo una volta) e la sua peculiarità sta nel fatto che è la protagonista femminile, Billie-Jo il campione di Hockey, la ragazza con il super talento, quella che gioca nei circuiti professionali e che è stata per ben due volte alle Olimpiadi in rappresentanza del suo paese. Ma non è tutto oro ciò che luccica perchè Billie-Jo ha pagato cara la sua determinazione nel voler riuscire in uno sport considerato da sempre maschile. Pur di giocare a livello professionale, è dovuta andar via dagli Stati Uniti e si è unita ad una squadra Svedese dove ha potuto realizzare il suo sogno. Quando però un gravissimo trauma cranico la costringe a tornare a casa e a rinunciare alla sua carriera, Billie-Jo si trova a dover fare i conti non solo con una vita che non sa bene come reinventare, ma con molta ostilità nei suoi confronti. Nessuno infatti le riconosce il valore e il talento che scorre nelle sue vene, ma quando si iscrive al torneo locale di Hockey, si tira dietro l’ira di tutti i partecipanti e di tutto il paese, diventando oggetto di scherno, di insulti e di scherzi meschini. Logan, il nostro personaggio maschile, nonché il ragazzo per il quale lei aveva avuto una cotta ai tempi del liceo, essendo iscritto anche lui alla competizione, lascia che la ragazza, decisamente molto cambiata rispetto alla ragazzina che ricordava, si unisca alla sua squadra permettendole così di prendere parte al torneo. Questo però non fa che peggiorare le cose per Billie-Jo sotto molti punti di vista. Considerata dagli uomini solo una bambolina sexy che dovrebbe stare fuori dalle piste di Hockey, e da tutte le donne del paese una semplice sgualdrina che va a letto con tutta la squadra, Billie-Jo si ritrova a dover fronteggiare non solo i suoi vecchi sentimenti che si riaffacciano prepotentemente ma anche una potentissima tensione sessuale che nasce tra lei e Logan. Ma lei deve riuscire a combattere la sua attrazione per Logan perché nasconde un segreto, uno di quelli importanti e ha tutte le intenzioni di lasciarlo seppellito lì dov’è stato per tutti questi anni, cioè sepolto nella sua anima. Perché nonostante l’hockey le abbia insegnato ad essere forte, quello che nasconde potrebbe distruggere non solo lei, ma la fiducia di Logan nei suoi confronti ed il rapporto con le sue due sorelle. Perchè se Bobbi-Jo semba odiarla già così com’è, cosa penserebbe di lei se sapesse quello che ha fatto a Betty-Jo, l’altra loro sorella? Se poi a tutto questo aggiungete il fatto che le tre ragazze non sono solo sorelle, ma sono gemelle, ecco che il delicato rapporto che unisce le tre sorelle assume un senso molto più profondo e sottile. E se tutto questo non è abbastanza per convincervi a leggere questa storia, aggiungete allora il fatto che le gemelle sono da sempre molto famose nel loro paese fatta eccezione per il fatto che, se Betty-Jo è quella sexy e mangiauomini e Bobbi-Jo la ribelle e scapestrata, Billie-Jo è da sempre  solo la sportiva, quella che nessuno guardava con interesse pur essendo identica alle altre due. Peccato che anche lei avesse dei sentimenti ed un cuore che batteva già all’epoca per Logan ma lui, come tutti, aveva occhi e voleva solo Betty-Jo.  E se questo non fosse ancora sufficiente a scatenare la vostra curiosità, sappiate che Billie-Jo, nel tentativo di mettere un freno ai sentimenti che sente rinascere per Logan, comincia a frequentare Shane, l’ex di sua sorella Bobbi-Jo e migliore amico del ragazzo. Insomma, che aspettate?! Tra partite mozzafiato senza esclusione di colpi, un maschio alfa di prima categoria che riconosce la sua anima gemella, segreti, verità nascoste, sogni spezzati e rapporti familiari (e non) da ricostruire, questa storia vi regalerà un viaggio mozzafiato nel mondo dell’hockey, della passione e dell’amore. L’unica cosa che non ho apprezzato molto è stato il finale, l’ho trovato troppo sbrigativo quando invece due paginette in più per capire alcune delle motivazioni dietro le azioni di uno dei due protagonisti, io le avrei gradite. Comunque, non vedo l’ora di poter leggere la storia di Bobbi-Jo e di Shane che mi ha intrigato parecchio già in questo primo capitolo e per chiudere il cerchio, ovviamente, anche quella di Betty-Jo che però, devo essere sincera, ho odiato sin dall’inizio e sulla quale non ho cambiato idea neanche alla fine della storia.


POV: Doppio
Stile: Scorrevole
Caratteristiche: Sport Romance
Sensualità: Presente ma non eccessiva
Finale: Conclusivo


Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post condividilo e clicca su G+1!
E se ti va, lascia un commento!