Recensione: Il mio gioco sei tu di L. A. Cotton




Il mio gioco sei tu 
di L. A. Cotton
(Rixon Raiders Vol. 2)

Editore: Queen Edizioni
Data di uscita: 12 Febbraio 2020

Felicity Giles ha una lista.
Perdere la verginità.
Incontrare il suo principe azzurro e innamorarsi.
Vivere l’ultimo anno di liceo al massimo.
L’unico problema?
Il suo principe non fa parte dei buoni, è un cattivo, e lei è abbastanza sicura che lui la distruggerà prima di donarle il suo cuore.

Jason Ford ha un piano.
Vincere il Campionato Nazionale e diventare uno dei quarterback più famosi della storia dei Rixon Raiders.
Andare al college e realizzare il suo sogno di entrare a far parte della NFL.
Evitare la ragazza per cui ha iniziato a provare qualcosa.
Felicity Giles, la migliore amica della sua sorellastra, nonché una perenne spina nel fianco.
Lei è fottutamente fastidiosa. Strana.
Per lui è solo un gioco, niente di più.
Fino a quando il suo più grande rivale decide di farla pagare a lui e alle poche persone a cui vuole bene… e Felicity viene messa in mezzo.
E all'improvviso l’odio che prova per lei inizia a sembrare amore.

La mia opinione

Il libro è veramente molto avvincente, come del resto lo è l’intera serie, e per me questo secondo capitolo della saga Rixon Riders non delude il lettore.
E' una lettura che tiene in sospeso, si è costantemente in balia di un delicato equilibrio tra tranquillità e disastro, dove anche un piccolo errore, una parola mal pronunciata o un banale fraintendimento hanno il potere di provocare una reazione fortissima destinata ad alterare irrimediabilmente le vite dei protagonisti.
Il livello di angoscia e di ansia che accompagna tutta questa lettura arriva alle stelle, alimentata anche della violenza o degli atti di bullismo che fanno da sfondo a tutta questa storia, ma d'altronde questa è una caratteristica distintiva della nostra autrice.
Nel primo libro ho odiato fortemente Jason per quello che ha fatto ad Hailee e a Cameron e non sapevo come avrei affrontato la sua storia. Ma L.A. Cotton ha una penna fantastica ed uno stile linguistico che crea assuefazione, riesce a farti amare il protagonista principale con la stessa facilità con cui ci si innamora del classico principe azzurro o dell'eroe positivo, pur presentando però personaggi molto difficili e complessi, ed è quello che è accaduto a me.
L’anima e la mente di Jason sono profondamente danneggiate e l’autrice fa un lavoro egregio sia nel rendere il disagio che alberga nella testa di questo giovane ragazzo, e che lo conduce a compiere spesso azioni deprecabili, sia nel descrivere il suo lento ma inesorabile cambiamento verso un futuro più positivo.
Quello di Jason è un percorso di presa di coscienza, di realizzazione, di maturazione e di superamento di alcuni episodi della sua vita che ne hanno cambiato per sempre il modo di agire.
La sua strafottenza, a tratti anche cattiveria, cela in realtà un animo perso, lasciato solo, tradito, abbandonato.
Felicity è la nerd amante dei libri, che gestisce la sua vita con ordine ed in base alle liste di 'cose da fare' che crea, indossa spesso magliette orrende e combatte in famiglia per essere lasciata libera di trovare se stessa. Con l'avvicinarsi del college, vuole liberarsi dal controllo ossessivo che i suoi genitori esercitano sulla sua vita e scegliere il suo futuro in base a ciò che piace a lei invece che ciò che gli altri si aspettino lei faccia.
E’ in cerca di un po' di avventura e il cattivo fratellastro della sua migliore amica ha da sempre esercitato uno strano fascino su di lei.
Felicity riuscirà a farsi largo nell'oscurità di Jason, ne conquisterà pian piano il cuore e la fiducia ma tutto questo avrà un prezzo. Avvicinarsi a lui, il leader, il ragazzo più popolare della scuola, il capitano della squadra di football nonché giovane promessa sportiva della città non è per tutti . Se poi lui nasconde dietro a quell'apparenza perfetta un passato tumultuoso pronto a chiedere il conto per le azioni passate, la storia tra Jason e Felicity è destinata ad affrontare innumerevoli alti e bassi, alcuni dei quali non propriamente simpatici.
Quindi preparatevi per queste montagne russe emotive, il viaggio sarà lungo e a tratti insopportabile ma se amate il genere Enemies-to-lovers, livelli altissimi di stress e di ansia e i libri di L.J Shen, sono certa rimarrete molto soddisfatti anche da questa saga. Ho dato 4,5 stelle e non 5 perché alcuni episodi mi sono sembrati un po' eccessivi.

POV: Doppio
Stile: Scorrevole.
Caratteristiche: Enemies to Lovers,  livelli di angoscia molto alti, ambientato al Liceo.
Sensualità: Presente ma non eccessiva.
Finale: Conclusivo
Voto: 4,5 stelle
N.B. Romanzo letto in lingua originale (inglese)




Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!