Recensione: La Dipendenza del Titano di Anna Zaires



La Dipendenza del Titano
di Anna Zaires
(Wall Street Titan Series #2 )

Autrice straniera indipendente
Data di uscita sugli store: 09/06/2020

Trama
In volo verso Orlando, dopo un addio straziante all’aeroporto, Emma è sicura che non rivedrà mai più il suo bel ex-fidanzato miliardario. Ma si sbaglia di grosso. Marcus Carelli sa quello che vuole, e sa come ottenerlo, e non si fermerà davanti a nulla. Nemmeno a un pizzico di gioco sporco. 
Durante un’inaspettata vacanza in Florida, con un solo letto a disposizione che renderà molto più difficile resistere a Marcus, Emma si convince a dargli un’altra opportunità. Tornati a New York, dopo una serie di bisticci per decidere a chi spetti pagare il conto e per convincere Emma a trasferirsi da lui, l’affascinante uomo d’affari capisce che non potrebbe vivere senza la testarda editrice, anche se ciò implica avere 3 gatti in casa pronti a distruggere qualsiasi oggetto di valore in suo possesso. 
A questo punto deve solo convincerla a sposarlo. Ma quanti sotterfugi saranno troppi? Perché la verità, si sa, viene sempre a galla. 

La mia opinione 

“La Dipendenza del Titano” è il secondo, e ultimo, libro di questa serie. Il racconto riprende esattamente da dove si era interrotto e ritroviamo Emma in lacrime sull’aereo verso Orlando. Raggiunta la casa dei nonni, però, scopre che ad attenderla c’è una sorpresa e non si tratta delle specialità culinarie di sua nonna. Marcus l’ha raggiunta (anzi battuta sul tempo) con il suo jet e non ha intenzione di prendere un no come risposta.
Fondamentalmente questo è il modo in cui tutto il romanzo procede: Marcus vuole convivere, Emma no e si arrabbia finché accetta; Marcus vuole pagare per entrambi quando escono insieme, Emma invece vuole pagare la sua parte e si arrabbia finché finisce per accettare un compromesso.
Una sorta di circolo vizioso in cui la giovane editrice e commessa di libreria ci prova a farsi valere (e talvolta ci riesce, contrattando con Marcus come una vera business woman farebbe), ma alla fine l’amore/la passione/la testardaggine di Marcus la fanno da padrone nella maggior parte dei casi. Nonostante i forti sentimenti che Emma prova per lui, tuttavia la sua morale la spinge sempre a fare la “cosa giusta” e bisogna dargliene atto.
Le dinamiche di coppia in questo romanzo vedono Marcus assolutamente certo dei suoi sentimenti per Emma e pronto ad avere una famiglia con lei, mentre Emma tentenna perché non si sente a suo agio nel ruolo di compagna/moglie di un miliardario, perché teme di diventare come sua madre e che la loro relazione non sia importante per Marcus tanto quanto lo è per lei, che è certa di amarlo.
Sarà solo grazie alle parole di Kendall che si renderà conto di come Marcus si stia giocando il tutto per tutto con lei e di come Emmeline non sia nemmeno un ricordo a questo punto.
Superate le insicurezze e compreso che non sarà mai come sua madre (quindi a farsi offrire una cena ogni tanto non c’è nessun male), Emma si ritrova a prendere coraggio per dichiarare i suoi sentimenti a Marcus, quando vecchi scheletri escono dall’armadio e si mettono fra loro due.
Il romanzo è di per sé ben scritto e la routine trovata dai due protagonisti è davvero invidiabile, ma la trama – a mio parere – si concentra un po’ troppo solo sulla loro relazione. Ti aspetti sempre un qualche dramma in arrivo e invece fila tutto perlopiù liscio. Ad eccezione di Kendall e dei 3 gatti della protagonista, i personaggi secondari non hanno grande rilevanza oppure sembra che vengano ripresi dal mucchio quando assolutamente necessari al procedere della storia e a mio parere è un vero peccato. Altro elemento che non mi ha fatta impazzire è stato il finale, a mio avviso un po’ troppo affrettato ed “estremo”. Ovviamente se il tipo di romanzo che vi piace è uno che fila liscio fino al finale col botto, invece, questo è assolutamente perfetto per voi! 
Ho apprezzato il fatto che entrambi i personaggi crescano molto durante il poco tempo passato insieme, come Emma acquisti sicurezza in se stessa e come Marcus non abbia problemi ad ammettere i sentimenti che sente per lei e ad accettare i suoi 3 gatti (che, credetemi, ne combineranno di tutti i colori). Inoltre, è solo in seguito ad aver realizzato che si sente pronta per questa storia, che Emma dona tutta se stessa alla causa (capirete cosa intendo leggendo il romanzo) e questo è un aspetto per me importante e davvero positivo. A colpirmi poi è anche stato lo sviluppo della carriera di Emma, che stato ho trovato un dettaglio davvero interessante e inaspettato.
Se siete amanti del trope miliardario-ragazza semplice, questo romanzo fa decisamente per voi! Leggere il primo è tuttavia necessario per seguire il filo della storia e capire certi riferimenti.

Punto di vista: interno, alternato (Marcus, Emma)
Sensualità: molto presente, esplicita
Caratteristiche: miliardario CEO – ragazza semplice, infanzia difficile, amore a prima vista
Stile narrativo: scorrevole, leggero
Tipo di finale: chiuso, felice
Voto: 3.5 stelle



Ringrazio l'autrice per la copia ARC del romanzo

Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!