Recensione: Senza Compromessi di Elen T.D.



Senza Compromessi
di Elen T.D. 

Self-publishing
Data di uscita: 25/07/2020

Trama
Se hai varcato la soglia dell’inferno, solo l’amore può riportarti indietro. 
Rimini 1993. Alla giovane Vice Ispettrice Gioia De Rossi viene affidata la missione di agganciare un’inafferrabile Prestanome coinvolto nell’indagine di Tangentopoli, ci riesce, ma sparisce nel nulla per giorni. I superiori sono divisi tra chi la crede incompetente e chi sospetta una sua complicità, al pluridecorato Giordano Torrani della Direzione Investigativa Antimafia spetta il difficile compito di trovarla e scoprire la verità.
Milano 1998. Gioia e Giordano si incontrano ancora, ma mentre lei è riuscita a scrollarsi di dosso la pessima reputazione e fare carriera Giordano, da anni infiltrato nel più crudele dei Clan mafiosi, è a un terribile bivio etico. 
Nemmeno il fino più nobile può giustificare i mezzi per ottenerlo. Perdizione o redenzione, castigo o perdono. Lotta e ama senza compromessi.

La mia opinione

Senza compromessi è un prequel/spin-off della serie “Sisters”, in cui ritroviamo due personaggi di questa qualche anno prima: Giorgia De Rossi e Giordano Torrani. 
La protagonista di questo romance è una giovane poliziotta che ha tanto da dare, ma che come spesso avviene – figuriamoci nei primi anni Novanta in Italia – viene considerata soprattutto per la sua magnifica bellezza e non per le sue qualità intellettive. Per questa ragione Gioia si trova a fare da esca ad un criminale coinvolto in Mani Pulite e quale miglior modo se non sfoggiare le sue curve e il suo lato femminile? Peccato che non venga tutelata come sarebbe stato necessario e si trovi in una situazione ambigua in cui rischia di perdere sé stessa. 
Nella totale confusione, dovuta alla poca esperienza e informazione riguardo missioni sotto copertura, Giordano Torrani riesce a salvare questa giovane donna. L’alchimia che lega i due protagonisti emerge praticamente dal primo incontro e il legame che si crea è particolare, forse distante da quello cui siamo abituati al giorno d’oggi. 
Inizia così una storia complicata, intensa e molto sofferta. La distanza e il lavoro non favoriscono la situazione, ma Gioia non demorde e nonostante Torrani sia ormai impossibile da rintracciare continua a lasciare messaggi in segreteria con la speranza che li possa ascoltare e non si scordi di lei. 
Il ritmo della narrazione è incalzante e invoglia il lettore a continuare la lettura, poiché fino alla fine si è in bilico. Ho apprezzato tantissimo l’accuratezza con cui l’autrice ha raccontato una storia d’amore -e non solo- contornata da fatti storici realmente accaduti che riguardano. Entrambi i personaggi hanno molto da dare: Gioia è una donna forte, con un suo passato, che ha rischiato di essere una delle tante ragazze piene di risorse ma che vengono considerate solo per il loro corpo. Gioia ha lottato e ha raggiunto il suo obiettivo; nonostante non abbia un carattere facile sono riuscita ad entrare in sintonia con lei e capirla fino in fondo. Giordano invece è un uomo pieno di risorse, che sembra eccellere in qualunque cosa faccia, ma anche lui ha le sue fragilità. Il rispetto per il lavoro che svolge e per le donne mi ha colpito tantissimo, così come il suo essere tutto d’un pezzo e dolce allo stesso tempo. 

«In gola aveva un nodo doloroso che non poteva sfogare, non adesso. Lui non aveva bisogno di una donna da consolare, lui aveva bisogno di un appiglio a cui aggrapparsi, di un pilastro in grado di sostenerlo ora che aveva ricevuto un colpo in grado di spezzarlo.»

La trama è stata sviluppata in modo tale da lasciare col fiato sospeso chi legge, ma allo stesso tempo c’è un equilibrio perfetto tra i due protagonisti, speculari sotto alcuni punti di vista così come quello che uno significa per l’altro.
É stato bello andare indietro nel tempo e vivere una storia vera, ricca di colpi di scena e appassionante. Consiglio vivamente questo libro a chi abbia voglia di leggere un’ottima storia senza dover giungere ad alcun compromesso! 

Punto di vista: terza persona, diversa focalizzazione
Sensualità: scene hot presenti 
Stile narrativo: scorrevole, accurato
Caratteristiche: polizia, suspense, romance, adulti
Finale: autoconclusivo
voto: 5 stelle


Ringrazio l'autrice per la copia ARC del romanzo

Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!