Recensione: Aggiustami il cuore di Angel Devlin



Aggiustami il cuore 
di Angel Devlin 

Autrice straniera indipendente
Disponibile sugli store: 16/11/2020

Trama 
Dopo un divorzio traumatico Violet ha deciso di riprendere in mano le redini della sua vita, a partire dall’acquistare la casa di famiglia dove ha trascorso l’infanzia in compagnia della nonna. Una volta tornata Vi scopre però che la tanto agognata dimora è stata lasciata in condizioni disastrose dagli ultimi inquilini. L’unica soluzione sembra essere proposta dai misteriosi fratelli Waite, vicini di casa da sempre e nemici di famiglia, che si occupano di edilizia e ristrutturazioni e che molto generosamente si offrono di aiutarla dimenticando i dissapori del passato. 
Milo Waite ha sempre voluto conoscere Raperonzolo, la ragazza misteriosa che da bambino intravedeva dalle finestre e che mai abbandonava la sua torre. Finalmente il destino sembra averlo accontentato. Vi, infatti, è la sua nuova vicina con un disperato bisogno di aiuto che Milo è più che pronto a offrire e a sfruttare per farla innamorare di lui. 
Il passato è però un macigno per entrambi e quando la verità salirà a galla non ci sarà più spazio per favole. 

La mia opinione 

“Aggiustami il cuore” è un romanzo di quelli che dimostra come un’autrice abbia stoffa, ma allo stesso tempo sia ancora grezza. Dove la trama è interessante, il romanzo molto scorrevole e i personaggi non troppo stereotipici, il modo in cui il tutto viene impacchettato lascia un po’ a desiderare. Letteralmente. Ora mi spiego. 
Il romanzo è ricco di colpi di scena e di rivelazioni particolarmente importanti che vengono fatte come se si stesse elencando la lista della spesa, i ritmi sono davvero troppo sostenuti e determinate tematiche (a mio parere delicate) vengono introdotte e poi lasciate un po’ al caso. Come ad esempio la gestione della rabbia, il rapporto fra Vi e sua madre (che sembra apparentemente essere come un cerotto, una volta tolto addio e chi ti conosce più), per non parlare dei drammi irrisolti di tutti i fratelli Waite – amorosi e non – che vengono introdotti a mo’ di stunt pubblicitario della serie “guarda che ci saranno romanzi anche su di loro e intanto ti incuriosisco.”
Lascia a desiderare quindi nel senso che avrei voluto più tempo per le varie rivelazioni, più pagine per conoscere meglio i personaggi e lasciare che loro si conoscessero meglio e onestamente anche un pizzico più di realismo. Capisco si tratti di finzione, ma cancellare per sempre una madre dalla propria vita come nulla fosse mi sembra un tantinello estremo, così come sorvolare sui probabili problemi di gestione della rabbia di Vi perché ‘il tuo passato non mi interessa’. Non penso reagiremmo nello stesso modo se ad averli fosse un uomo. Nemmeno nel leggere un romanzo. 
I lati positivi sono certamente quelli mostrati nel presentare la relazione fra Becca e Rob che, realisticamente, stanno cercando di gestire la loro vita di coppia con una bambina di all’incirca 2 anni, per quanto possibile. Altro punto che ho apprezzato è stata la messa in scena di una dinamica di abuso di coppia condotto dalla donna e non dall’uomo, non perché sia una fan ovviamente, quanto più per mostrare una faccia della violenza domestica di cui spesso si rinnega l’esistenza. 
Per riassumere, dal mio punto di vista, si tratta di un romanzo mediamente piacevole con qualche pecca. Spero – e penso – che nei prossimi romanzi l’autrice svilupperà man mano il proprio stile e renderà il tutto ancora più piacevole. Se quindi avete voglia di una storia d’amore in cui i drammi si risolvono velocemente, senza troppi musi lunghi e giochetti di gelosia, questo libro fa per voi. Milo e Vi infatti non si perdono in chiacchiere, flirtano da subito come se si conoscessero da una vita e non fingono di non essere interessati l’uno all’altra, il che è per me davvero rinfrescante e un punto a favore dell’autrice. 

Punto di vista: interno, alternato (Violet, Milo) 
Sensualità: presente, leggera, esplicita
Caratteristiche: drammi famigliari, vicini di casa, anime gemelle
Stile narrativo: scorrevole, affrettato
Tipo di finale: chiuso, felice 
Voto: 2.5 stelle 




Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!