Recensione: La corte di fiamme e argento di Sarah J. Maas



La corte di fiamme e argento 
di Sarah J. Maas 
(A Court of Thorns and Roses #4) 

Editore: Mondadori
Pagine: 720 
Data di uscita: 23 Febbraio 2021

Trama
Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua.
A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso tempo evidente la natura del focoso legame che, loro malgrado, li unisce.
Nel frattempo, le quattro infide regine, che durante l’ultima guerra si erano rifugiate sul Continente, hanno siglato una nuova e pericolosa alleanza, una grave minaccia alla pace stabilita tra i regni. E la chiave per arrestare le loro mire potrebbe risiedere nella capacità di Cassian e Nesta di affrontare una volta per tutte il loro passato.
Sullo sfondo di un mondo marchiato dalla guerra e afflitto dall’incertezza, i due Fae tenteranno di venire a patti con i loro personali mostri, con la certezza di trovare, l’uno nell’altra, quel qualcuno che li accetta così come sono e che li può aiutare a lenire tutte le ferite.

La mia opinione

 «Sei un bastardo arrogante.»
«E tu sei una strega altezzosa. Siamo fatti l’uno per l’altra.»


La corte di fiamme e argento
è il quarto volume della serie fantasy A Court of Thorns and Roses, ma questa volta la narrazione è focalizzata su due personaggi che nei precedenti libri abbiamo visto come secondari: Nesta e Cassian. 
Per comprendere il world-building della serie e capire come si è arrivati al punto di inizio di questo romanzo è necessario aver letto i precedenti volumi, ma per la relazione complicata tra la coppia protagonista si arriva qui ad una conclusione. Per questo motivo, una volta chiuso questo bel mattone (sono 720 pagine, quasi un libro doppio!) mi sono sentita molto soddisfatta dalla storia che l’autrice ha raccontato e per il percorso intrapreso dai vari personaggi. 
Cassian è un potente guerriero Illyrian, fa parte della cerchia ristretta di Rhysand insieme ad Azriel, ed è il comandante degli eserciti della Corte della Notte. 
Lui mi è piaciuto fin dalla prima comparsa nella serie, è arrogante, divertente, paziente e dolce. Una combinazione che mi ha fatto innamorare completamente di lui. 
Nesta, una delle due sorelle di Feyre, invece è un personaggio difficile da amare.  
Fin dal principio si è sempre dimostrata egoista, fredda e altezzosa, ma dopo essere stata gettata nel Calderone e trasformata in Fae contro la sua volontà la situazione è decisamente peggiorata. 
Il modo in cui la ritroviamo, persino dopo moltissimi mesi dalla conclusione del precedente volume, mi ha lasciato l’amaro in bocca. 
Le sorelle Archeron ora vivono tutte a Velaris, ma se da una parte Elain sembra stare decisamente meglio riuscendo ad integrarsi nel gruppo di Feyre e Rhysand, Nesta non vuole avere a che fare con nessuno di loro, inoltre cerca di tenere a bada l’oscurità che si porta dentro con l’alcool e il sesso occasionale. 
Solo un ultimatum di Feyre, che non vuole vedere la sorella continuare ad autodistruggersi in quel modo, riuscirà a porre fine al comportamento di Nesta. Da quel momento avrà inizio quello che considero un percorso di crescita personale del personaggio più controverso e complicato di questa serie, che però la Maas ha saputo lentamente farmi comprendere e rivalutare. 
Se da una parte mi è dispiaciuto molto vedere Nesta comportarsi crudelmente con le sorelle per gran parte del romanzo, ho invece apprezzato il legame che giorno dopo giorno instaura con Cassian e con le sacerdotesse della biblioteca sotto la casa del vento. 
Quello con Cassian è un rapporto di odio-amore con molta tensione sessuale. Grazie all’addestramento ed alla convivenza forzata nella stessa casa i due si avvicinano molto, fisicamente e mentalmente. Come coppia mi hanno dato molta soddisfazione, per come si evolvono le cose tra loro due e perché nella trama non mancano le scene hot! Grazie Maas!
Quella con le sacerdotesse, due in particolare, diventa una vera e propria amicizia, tutte loro hanno sofferto per qualcosa e insieme trovano la forza e la motivazione per ricominciare una vera vita. 
Tutta la parte che riguarda i poteri da fae di Nesta e che vengono rivelati nel corso del libro, sono stati una vera e propria sorpresa, la Maas ha incastrato la sua battaglia interiore al suo coinvolgimento in prima persona nella ricerca di oggetti magici che potrebbero provocare una guerra tra i vari regni in maniera geniale. 
Se come me avete amato alla follia Rhysand e Feyre non rimarrete delusi, si vedono molto come personaggi secondari e pure loro hanno ancora delle questioni complicate da affrontare. 
Questa serie si conferma una delle mie preferite del genere fantasy, con i suoi personaggi splendidamente caratterizzati, i risvolti inaspettati e quel perfetto mix tra intrighi, crescita interiore,  romanticismo e sensualità. 
Il finale è molto bello, una degna conclusione per questa coppia di protagonisti, quindi non preoccupatevi di rimanere in sospeso! 
Se cercate un fantasy originale, intrigante, emozionante e con tanto romanticismo il mondo dei fae di A Court of Thorns and Roses vi aspetta!


Punto di vista:  terza persona
Sensualità:  tensione sessuale e scene hot presenti
Caratteristiche: corti fatate, intrighi tra regni, battaglie interiori, romanticismo
Stile narrativo:  scorrevole ed intrigante
Tipo di finale: chiuso per la coppia
Voto: 4,5 stelle




Ringrazio Mondadori per la copia ARC del romanzo in occasione del review party



4 commenti

  1. il libro è veramente bellissimo! letto in 2 giorni! si avrà mai un libro che racconta di Azriel?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento siamo in pari con le pubblicazioni in inglese, vedremo cosa deciderà di scrivere l'autrice!

      Elimina
  2. Salve a tutt*, ma per leggere il quarto volume della serie, è necessaria la lettura della novella "la corte di ghiaccio e stelle"? Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho letta, essenzialissima forse no, però mette delle piccole basi riguardanti questo volume. Tipo si vede il comportamento pessimo di Nesta, che comunque si capisce benissimo anche solo leggendo questo volume

      Elimina

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!