Recensione: Soundless di Robin C.


Soundless
di Robin C. 

Self-publishing su Amazon
Data di uscita: 24/02/2021

CHRISTOPHER
Non avrei dovuto cedere alla tentazione di avvicinarlo. Non avrei dovuto sedurlo e farlo innamorare di me. Eppure era accaduto ed era stato destabilizzante, perché amare Thomas non aveva soltanto appagato la carne, mi aveva anche sconvolto l’anima. E non me lo potevo permettere.
Ero un Brooks. Il destino associato al mio nome non avrebbe mai contemplato sentimenti come quelli che provavo nei suoi confronti.
Per questo gli avrei spezzato il cuore senza pensarci due volte.
THOMAS
Stare con Christopher aveva significato coronare il sogno più grande della mia vita. Poter finalmente amare l’uomo che avevo creduto irraggiungibile per molto tempo.
Se avessi saputo quanto male mi avrebbe fatto, forse, sarei scappato a gambe levate.
O forse no, perché allontanarmi da lui era l’unica cosa che non sarei mai stato in grado di fare.
Avevo dunque aperto le braccia e mi ero lasciato distruggere.

La mia opinione

Soundless è il primo romanzo che leggo di Cristina Robin e… WOW! 
Thomas ha avuto molti problemi a causa della propria omosessualità, ma comunque non l’ha mai negata. Christopher ha due genitori che mai accetterebbero un figlio che, dal loro punto di vista, altro non sarebbe che deviato, peccatore, meritevole dell’inferno e delle peggiori punizioni (personcine a modo, diciamolo). Non vi anticipo la trama, ma ciò che dovete sapere prima della lettura di questo m/m è che probabilmente soffrirete, vi arrabbierete e soffrirete ancora. Poi, forse, un po’ di serenità! Soundless è un new adult autoconclusivo, un second chance e anche un friends to lovers. Nel dubbio, i protagonisti sono anche coinquilini, se per voi anche questo è un parametro da inserire per la scelta di un libro. Ciò che più caratterizza il romanzo, però, è la frustrazione che provano i protagonisti, e noi con loro, durante la narrazione. Questo, quindi, è anche un angst romance. 

“Mi chiedo cosa diavolo io significhi per lui. Perché quando mi è vicino non riesca a nascondere il desiderio che prova o la sua gelosia. Perché quando fa l’amore con me, nei suoi occhi ci sia molto di più di sola lussuria. E perché, poi, senta il bisogno di negare cosa siamo diventati”.

Ho amato i protagonisti: Christopher e Thomas non sono assolutamente perfetti, non sono i personaggi ideali, non sono giusti o sbagliati. Sono l’esatto risultato della storia passata che l’autrice ha creato per loro, così come le basi di coloro che diventeranno in futuro, sempre imperfetti ma decisamente cambiati. L’amore di Christopher e Thomas non è di quelli rosa a fiorellini, ma è doloroso, duro e a tratti tossico. Si pena con loro, c’è poco da fare.
Il romanzo è in continua evoluzione, schietto e dinamico in ogni suo punto. La caratterizzazione dei personaggi è perfetta, i protagonisti li ho amati e odiati e poi ancora amati e così via, fino all’epilogo. 
Se amate gli m/m e siete del team #sofferenzanontitemo, non potete proprio non leggere Soundless.

Punto di vista: prima persona alternato
Sensualità: scene di sesso presenti, inserite meravigliosamente
Caratteristiche: m/m, new adult, angst
Stile narrativo: scorrevole, dinamico
Tipo di finale: chiuso
Voto: 5 stelle 


Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!