Recensione: Le sorprese del buio di Kerstin Gier



Le sorprese del buio
di Kerstin Gier

Editore: Corbaccio
Pagine: 420
Data di uscita: 21 aprile 2022

Trama
Quinn è cool, brillante e molto popolare tra i ragazzi. Matilda fa parte dell’odiatissima famiglia dei vicini di Quinn, ha una passione per i romanzi fantasy e non è chiaramente il suo tipo. Ma una notte succede una cosa pazzesca: Quinn viene aggredito per strada da esseri che non hanno nulla di umano e finisce in coma. Al suo risveglio si ritrova con qualche osso rotto e con una percezione della realtà molto particolare: vede teschi che gli sorridono e sente statue che gli parlano in versi. Difficile confidarsi con qualcuno, a meno che quel qualcuno non sia Matilda, una tipa di cui non gli importa nulla e che sua madre gli ha appioppato come «infermiera». E che comunque Quinn non intendeva catapultare in un’avventura piena di pericoli in un mondo parallelo a quello reale. Nè, tantomeno, pensava che si sarebbe innamorato perdutamente di lei…

La mia opinione

Le sorprese del buio
è il nuovo fantasy young adult di Kerstin Gier, autrice della trilogia delle Gemme. 
I protagonisti di questo romanzo sono due adolescenti non ancora diciottenni, Matilda e Quinn, entrambi narratori in prima persona a capitoli alterni. 
Quinn e Matilda sono vicini di casa da sempre, ma le loro famiglie non si sopportano. Quella di lei è una rigida famiglia cattolica, quella di lui è l'esatto opposto. 
Mentre Matilda ha sempre avuto una cotta segreta per il figlio dei vicini, lui l'ha sempre ignorata, o anche peggio scambiata per la sua odiosa cugina. 
La svolta tra loro avviene in seguito ad un grave incidente che costringe Quinn sulla sedia a rotelle. Quando il ragazzo inizia a vedere cose strane ed a incontrare personaggi enigmatici, trova in Matilda una nuova aiutante ed alleata. Nessuno crederebbe mai a ciò che Quinn vede e a cosa sta succedendo nella sua vita, ma Matilda, che ha una passione sfrenata per i romanzi fantasy, non esita nemmeno un istante a farsi coinvolgere nelle ricerche di Quinn. 
L'accoppiata ragazzo popolare e ragazza nerd della porta accanto mi è piaciuta, anche se il loro rapporto è in una fase iniziale, con alcune situazioni da chiarire. 
Matilda è una brava ragazza, intelligente e decisamente sottovalutata. Pensate che è considerata la problematica della sua bigotta famiglia, quando in realtà è l'unica normale! Lei è una ragazzina che mi è piaciuta tantissimo, è simpatica, sarcastica, chiacchierona e coraggiosa.  
Quinn inizialmente appare un po' superficiale, ma quando inizia ad aprirsi e a scoprire la vera personalità di Matilda e ad indagare con lei sui misteri che lo riguardano ha iniziato a piacermi di più. 
Su di lui sicuramente c'è ancora tanto da scoprire, sulle sue origini, sull'altro mondo, su una certa profezia, sui vari personaggi che dimorano quella dimensione e le rispettive fazioni.  
Preparatevi ad incontrare spiriti, personaggi enigmatici e pericolosi e creature fantastiche varie. 
Nel complesso questo romanzo è stata una lettura young adult leggera e carina, la penna della Gier è sempre molto semplice e scorrevole, ma questo è a tutti gli effetti un romanzo introduttivo. C'è del potenziale,  ci sono tante cose accennate che devono trovare un senso, e situazioni sentimentali che ancora devono essere ben definite. 
Secondo me la Trilogia delle Gemme era di un altro livello, forse ero anche più giovane io quando l'ho letta e l'ho apprezzata molto di più, ma per ora resta la mia preferita di questa autrice. 
Se amate i romanzi fantasy molto young e le dimensioni parallele tutte da scoprire potrebbe essere una lettura adatta a voi!

Punto di vista:  prima persona, alternato 
Sensualità:  solo qualche bacio
Caratteristiche:  fantasy, young adult, misteri e dimensione parallela
Stile narrativo:  scorrevole, semplice 
Tipo di finale:  aperto, c'è ancora tanto da chiarire
Voto: 3.5/4 stelle



Ringrazio Corbaccio per la copia del romanzo in anteprima

Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!