Recensione: Jaded di Robin C.



Jaded
di Robin C.
Red Oak Manor Collection #9

Self-publishing
Data di uscita: 27 giugno 2022

Trama 
Axel Porter segue due semplici regole: nessun legame al di fuori della famiglia che lo ha adottato e nessuna distrazione dalla gestione del proprio impero finanziario.
Del ragazzino che si è lasciato alle spalle Red Oak Town conserva la forza con cui ha cancellato i ricordi d’infanzia e l’affetto che ancora lo lega ad Amos e Noah – gli unici amici che abbia mai avuto.
Dietro ai suoi costosi abiti sartoriali e al severo sguardo di giada si cela però un terribile segreto. Per questo, quando il destino gli rimette di fronte Isabel, lui sa che la cosa giusta da fare sarebbe tenerla a debita distanza.

Anche la vita di Isabel Rossini non è più la stessa; in un ambiente influenzato da incontri senza amore, la ragazzina timida e remissiva del Maniero ha lasciato spazio a una donna libera, sicura e affascinante.
Il tempo l’ha resa più forte, ma non è riuscito a scalfire la sua ossessione per Axel Porter. E quando finalmente le viene offerta l’occasione che le permetterà di prendersi ciò che desidera da anni, niente potrà fermarla.
Lo scontro sarà inevitabile perché se Axel non è intenzionato a perdere, Isabel è disposta a tutto pur di vincere.


La mia opinione 

Jaded è il nono libro della Red Oak Manor Collection e il suo protagonista è il secondo membro della NASA che ci viene presentato: Axel. La protagonista femminile è Isabel, anche lei ha vissuto a Red oak e ha sempre avuto un debole per il misterioso e riservato Axel. 
Entrambi hanno un passato poco felice e nel presente vivono a New York, ma non penserebbero mai di rincontrarsi, eppure…
 
«Lei sembrava davvero non ricordare e io, per una settimana soltanto, avrei potuto dimenticare.»

Il libro ha diverse parti ambientate nel passato che delineano la storia personale dei protagonisti: torniamo al maniero, con una Miss Price più spietata che mai ed eventi il cui eco riverbera fino all’ultima pagina. Il protagonista indiscusso è Axel: complicato, ferito e chiuso dietro un muro di cemento in apparenza invalicabile. Isabel ha un animo puro e sin dall’inizio è chiaro quanto il ragazzo silenzioso che si trincera dietro libri e numeri la incuriosisca e quanto sia incline a volergli donare tutta sé stessa. La vita, quella vera, fuori dalle mura del Maniero ha cambiato anche lei, che è diventata una donna sicura di sé, non più così “candida” e molto, molto, forte. 

«Mi ero innamorata di un uomo che non sapeva amare, e dunque non mi rimaneva che una sola opzione per non farmi male.»

La narrazione procede velocemente e non mancano colpi di scena. Il rapporto tra Axel e Isabel è intrigante, complicato e sensuale. Mi è piaciuto il modo in cui l’autrice ha messo su carta tematiche delicate, non risparmiandosi o indorando la pillola; chi legge si trova di fronte un libro intenso e impegnativo sotto certi punti di vista, ma con delle parti spicy, a modo loro romantiche, che lo rendono una lettura degna di nota. 
Consigliato!


Punto di vista: prima persona alternato
Sensualità: presente
Caratteristiche:  sensual, second chance, temi delicati, fake relationship
Stile narrativo: intenso, scorrevole
Tipo di finale: autoconclusivo con epilogo   
Voto: 4,5 stelline


Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!