Recensione: Halo - La luce verso casa di R.C. Stephens




Halo: La luce verso casa
di R.C. Stephens 

Editore: Triskell edizioni
Data di uscita: 20/09/2023

Mi sono innamorata di Thomas Wells e ho capito che era il mio per sempre.
Avevo sedici anni quando gli ho dato il mio cuore.
Il nostro amore era di quelli che durano tutta la vita.
Ma Thomas era distrutto.
Il primo giorno che ci siamo incontrati mi ha detto che sarebbe diventato un Navy SEAL.
A diciannove anni si è arruolato.
A vent’anni mi ha sposata.
A venticinque mi ha abbandonata, incinta, e non è tornato.
Sapevo che soffriva…
Sapevo anche di non poterlo salvare.
Mi ha lasciata distrutta.
Ero spaventata e sola.
Finché non ho incontrato Ryder St. John, un soldato ferito…
Lui era perso.
Io ero persa.
Insieme abbiamo ritrovato un senso.
Mi sono innamorata di nuovo…
Quello che Ryder ha dimenticato di dire è che nascondeva un segreto così esplosivo che avrebbe potuto mandare in frantumi entrambi i nostri mondi.

La mia opinione

Questo libro mi è piaciuto tantissimo, un military romance così profondo che quando l’ho finito ho continuato a pensare ad Halo e Thomas per giorni interi. Una storia dolcissima ma tremendamente forte, una prospettiva diversa attraverso la quale provare a capire cosa sia realmente l’esperienza della guerra, la realtà dei soldati in missione e la difficoltà delle compagne e delle mogli che aspettano per mesi, o anni, i loro compagni a casa senza quasi mai avere loro notizie.

Thomas all’inizio è il classico bad-boy dal cuore d’oro, bellissimo e sexy, con un passato difficile ed un futuro che può rappresentare il suo riscatto con la vita. Diventa un Navy Seal per onore, per giustizia, per la difesa di quegli ideali in cui crede fortemente. La sua amata Halo, la luce della sua vita, ha deciso che resterà al suo fianco, colei che lo ha sempre capito e amato per quello che è, ha appoggiato infatti la sua scelta di vita e Thomas non può amarla di più per questo grande regalo. Quando viene mandato in missione per la prima volta, lascia Halo a casa ma non prima di averla resa sua moglie.   

Halo, che non ha più nessuno al mondo se non Thomas, non vuole che lui rinunci a partire per lei, non vuole portargli via il suo futuro e quei suoi ideali che lo rendono l’uomo che lei ama e che ha sposato a 19 anni. E’ una ragazza forte, la vita l’ha piegata più volte ma lei non si è mai spezzata e non lo farà neanche questa volta davanti a questa nuova sfida, all’ansia di sapere suo marito in zone di guerra, alla paura di non avere sue notizie per mesi interi, perché lei e Thomas sono legati.

E così, anno dopo anno, i due si incamminano sulle strade che hanno scelto per le loro vite, uniti ma separati al tempo stesso.

Ma la guerra non è facile, i traumi psicologici iniziano ad oscurare la razionalità e confondono i sentimenti.

Thomas non è più sé stesso, ha paura di ciò che sente e di ciò che è nella sua testa e, nel momento più nero della sua discesa all’inferno, riceve una notizia per lui così sconvolgente che decide di divorziare da Halo. Poi l’imprevedibile accade e lui si perde nell’oscurità.

Halo, lasciata da Thomas, si ritrova a vivere un profondo cambiamento nella sua vita con un estraneo. Ha accolto infatti in casa Ryder, un soldato ferito in guerra, con il volto sfigurato e che sta facendo un percorso riabilitativo, sia fisico che mentale, perché Ryder non ha memoria di sé.

Si dice che le anime spesso si riconoscano e si ritrovino beh, questa è proprio la storia di Halo e Thomas.

“Sei la mia Halo, la mia luce. Troverò sempre la strada per tornare da te”.

Ma questa è anche la storia di Halo e Ryder, e di una donna che si innamora di nuovo dello stesso uomo e della sua anima, anche se questa volta ne incontra un lato che non conosceva.

A me questo libro ha dato i brividi: ho amato ferocemente Halo e pianto insieme a Thomas.

“quando una persona annega nell’oscurità, un’altra può mostrarle la via”.

Quando un’esperienza traumatica ci colpisce in maniera violenta, per non soffrire troppo la mente ci protegge, nascondendoci quella parte di ricordi che ci fanno male. Ryder deve ricordarsi non solo chi lui sia realmente ma, man mano che i ricordi riaffiorano, deve capire anche cosa lo abbia allontanato da Halo perché una vita senza lei è impensabile e, se ricordare dovesse separarli nuovamente, forse per lui è meglio non ricordare più.

Un libro avvincente, un viaggio lungo tra passato e presente, una storia d’amore da leggere tutta d’un fiato. 

Ti amerò sempre. Tu sei la luce nella mia oscurità”.

Ho apprezzato il fatto che l’eroe qui è un eroe ferito, che non è il solito macho che torna con tante cicatrici ma che comunque è più forte e sicuro di prima. In realtà lui è più debole, ma la forza la trova lo stesso per affrontare il suo dolore e riprendersi la sua luce. Ho apprezzato Halo, la sua forza e la sua dolcezza, il suo amore incondizionato ma in qualche modo insicuro. Il suo andare oltre il mero aspetto fisico, non che Ryder non fosse sexy, ma è qualcos’altro che l’attrae all’inizio.

Non ho dato 5 stelle perché ho trovato irrealistico che Halo non riconoscesse per nulla il volto di Thomas. Va bene che le operazioni lo hanno trasformato, capisco le cicatrici a sfigurargli un po' il viso, ma quando si toglie le bende dal volto per me l’autrice avrebbe dovuto farglielo riconoscere, se non subito, almeno dopo un tempo decisamente più breve. Questo avrebbe reso questa storia totalmente realistica.

Comunque, da non perdere assolutamente.

POV: Doppio
Sensualità: Presente ma non eccessiva
Stile: Scorrevole e coinvolgente. Passato e Presente si alternano
Caratteristiche: Military romance, trauma PTSD, Perdita di memoria, Madre single
Finale: Conclusivo
Voto: 4 stelle e mezzo



Ringrazio Triskell edizioni per la copia ARC del romanzo 

Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!