Recensione: Prigioniera di Marlee Wray




Prigioniera
di Marlee Wray
Crime Empires #1

Editore: Ink Literary PR
Data di uscita: 15 febbraio 2024

Trama

Ha messo la città in ginocchio. E la prossima sarò io.
Connor McCann è bello, potente e molto pericoloso.
Quando trovo il suo marchio sulla mia porta, so di essere nei guai. Il simbolo C Crue significa che stanno arrivando per vendicarsi. Non capisco perché abbiano scelto me come bersaglio.
Connor mi rapisce. E questo è solo l'inizio. Mi punisce e mi fa sua.
Non riesco a fuggire. Forse non lo voglio nemmeno.
Restare con lui, però, potrebbe costarmi un prezzo altissimo. Compresa la vita.


La mia opinione


“Prigioniera” è il primo romanzo della trilogia dark/Mafia "Crime Empires", di Marlee Wray.

Il libro si apre con la protagonista, Zoe, che trova sulla porta di casa il marchio della C Crue: impossibile non riconoscerlo, impossibile non rimanerne sconvolti.

La C Crue, infatti, è una gang mafiosa che tutti temono, e che lascia il suo minaccioso marchio solo per un motivo: se hai fatto un torto, ne pagherai le conseguenze.

Eppure Zoe non ha fatto nulla che possa aver infastidito la C Crue, è convinta che ci sia stato un errore, uno scambio di persona, ed è pronta a dimostrarlo.

Senza nemmeno accorgersene, improvvisamente Zoe si ritroverà ad affrontare i tre membri della C Crue: Connor, Anvil e Trick.

Connor è uno dei membri del gruppo, il leader del trio, possessivo, dominante e sexy da morire.

Zoe, seppur spaesata e terrorizzata, non può evitare di essere attratta da lui sin dal primo momento.


«Devi smetterla finché sei in tempo, Zoe.» 

«Altrimenti?» 

«Lo sai.»


La trama può sembrare banale, poiché si parla di guerra tra gang mafiose dovute da vecchi rancori e torti subiti, con la classica ragazza acqua e sapone che si ritrova coinvolta senza volerlo.

A fare la differenza, però, è la capacità di scrittura di Marlee Wray: questa scrittrice riesce ad addentrarsi nella psiche dei personaggi, a descrivere ed esplorare le dinamiche che si creano (ho amato il modo di raccontare la  C Crue e il rapporto tra i personaggi).

Non aspettatevi il classico Dark stereotipato: non ci sono scene di maltrattamenti o di “scene-limite” tra i due protagonisti. Tuttavia, non mancano le erotic scenes già subito dopo poche pagine, nonché scene BDSM.

Non posso rivelare nulla sulla parte finale, ma c’è una scena molto intensa e cruda, che forse può far storcere il naso a qualcuno. Personalmente, l’ho trovata inaspettata, visto il ritmo del romanzo, ma sicuramente apre le porte per altre storie...che non vedo l'ora di leggere! 

"Prigioniera" è una lettura esplicita e ricca di scene hot, ideale se avete voglia di un bel mafia/dark- romance che vi tenga incollati alle pagine.


Punto di vista: alternato Zoe/Connor
Sensualità: ricca, esplicita, BDSM
Caratteristiche: dark-mafia romance, guerra tra gang, rapitore\prigioniera
Stile narrativo: scorrevole
Tipo di finale: aperto
Voto: 4 stelle




Ringrazio la Ink Literary PR per la copia ARC del romanzo


Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!