Recensione: Luca Vitiello di Cora Reilly



Luca Vitiello
di Cora Reilly
(Serie Mafia Chronicles #0.5)

Editore: Hope edizioni
Data di uscita ebook: 26 giugno 2020

Ero un mostro. 
La crudeltà scorreva nelle mie vene come un veleno. Scorreva nelle vene di ogni maschio Vitiello, trasmessa di padre in figlio, una spirale di mostruosità senza fine. Ero un mostro che i pugni, la lama e le parole brutali di mio padre avevano reso anche peggiore. 
Ero stato cresciuto per diventare Capo, per dominare senza pietà, per dispensare brutalità senza ripensamenti. Cresciuto per sottomettere gli altri. 
Quando Aria mi fu data in matrimonio, aspettavano tutti di vedere, con il fiato sospeso, quanto in fretta l’avrei soggiogata nello stesso modo in cui mio padre spezzava le sue donne. Volevano vedere come avrei distrutto la sua gentilezza e la sua innocenza con la forza della mia crudeltà. Annientarla mi avrebbe richiesto un piccolo sforzo: mi veniva naturale. 
Ero felice di essere il mostro che tutti temevano, finché non è arrivata lei. 

La mia opinione

Se avete già letto "Legati dall'onore", allora avrete sicuramente lasciato un pezzetto di cuore al protagonista maschile, Luca Vitiello. Ebbene, con questo nuovo romanzo, Cora Reilly ci racconta chi è realmente Luca Vitiello, se possibile facendocelo amare ancora di più.

“Per tutta la vita avevo pensato che diventare il Capo sarebbe stato il più grande trionfo della mia esistenza. Non il giorno più felice, perché non avevo mai saputo cosa fosse la vera felicità.”

"Luca Vitiello" è la storia di "Legati dell'onore" narrata dal punto di vista di Luca, ma vi dico subito che, pur conoscendo la trama, non c’è stato un solo momento in cui questo libro mi abbia annoiato! 
Durante il primo romanzo, Luca appare come un ragazzo freddo e poco incline alle emozioni, ma sempre molto protettivo nei confronti di Aria.
In questo libro, vediamo invece un Luca ben diverso, spietato, dove il suo soprannome "La Morsa" acquista davvero senso (ci viene anche raccontata la storia di come sia nato questo soprannome). 
La sua infanzia, il rapporto con suo padre, l'amore per il fratello Matteo, l'incontro con Aria... Non manca nulla e nulla viene lasciato al caso.
Una cosa che mi è piaciuta molto è stata l'aggiunta di alcune scene che in "Legati dall'onore" non sono presenti, come ad esempio chi era Luca Vitiello prima di essere un uomo d'onore, o altri momenti in cui emergono ulteriori sfumature di questo bellissimo protagonista maschile.

“Aria era troppo gentile, troppo buona per me e, come al solito era riuscita a superare un altro dei miei muri interiori. Avevo passato la vita a erigerli, resistenti come l’acciaio, e ora lei li abbatteva senza nemmeno rendersene conto.”

Insomma, tutto ciò che la scrittrice lascia emergere in queste pagine, completa perfettamente questo personaggio così complesso, che avevo già precedentemente adorato con tutto il cuore.
Ormai ho imparato a conoscere (e ad amare) lo stile narrativo della Reilly ed anche in questo caso non si smentisce: la narrazione è ben dettagliata, scorrevole e con molti dialoghi.
Insomma, “Luca Vitiello” si è rivelato una bella sorpresa, poiché pur non raccontando una trama differente, aggiunge moltissimo su Luca e ci rivela le sue emozioni.
Se amate questa serie e, soprattutto, se come me avete amato la storia di Aria e Luca, non potete certo perdervi questo libro.

Punto di vista: POV di Luca
Sensualità: presente
Caratteristiche: mafia-romance, introspettivo, passionale
Stile narrativo: scorrevole e coinvolgente
Tipo di finale: auto-conclusivo 
Voto: 4 stelline




Ringrazio Hope edizioni per la copia ARC del romanzo

Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!