Recensione: Lost at present. Un altro mondo di Kerstin Gier




Lost at present. Un altro mondo 
di Kerstin Gier
(Nontiscordardime #2)

Editore: Corbaccio
Data di uscita: 29 agosto 2023
  
Trama
Compagni di scuola: un legame particolare, che a volte sbiadisce nell'indifferenza, a volte resta simpatia oppure antipatia, a volte diventa qualcos'altro, a prescindere dal punto di partenza… Quinn e Matilda hanno tante cose che li separano, ma un legame potente che li unisce e che li rende speciali: entrambi appartengono al mondo di tutti, ma Quinn può anche oltrepassare la Soglia, una dimensione in cui prendono vita creature immaginarie, idee e desideri. E Matilda, con la sua curiosità e la sua intelligenza, è l'unica persona che riesce ad aiutarlo a districarsi in questa realtà parallela. Una realtà fantastica ma al contempo pericolosissima, perché è abitata anche da presenze oscure e minacciose che vogliono condizionarla eliminando tutti coloro che nel mondo degli uomini sanno dell'esistenza della Soglia: e in particolare Quinn, che sembra destinato ad avere un ruolo speciale. Ma Quinn può contare su Matilda e sulla forza che insieme sprigionano e che è determinata ben più dalla sfera dei sentimenti che provano l'uno verso l'altra che non dai poteri soprannaturali…

La mia opinione

Lost at Present
è il secondo volume della serie Nontiscordardime di Kerstin Gier, ovvero il sequel de Le sorprese del buio. 
Questa saga fantasy young adult con un po' di romanticismo continua ad esserci raccontata attraverso il punto di vista in prima persona alternato dei due protagonisti principali, Quinn e Matilda.  
Per leggere questo volume è necessario aver letto il precedente, molto introduttivo ma necessario per conoscere come sono iniziate le loro avventure e come è avvenuta la scoperta dell'esistenza della Soglia, il mondo parallelo immateriale al quale Quinn è in parte collegato.
Nel corso della trama ci sono alcuni risvolti e rivelazioni, entrano in scena anche nuovi personaggi secondari che aiutano a far luce su certi avvenimenti del passato, ma alla fine della lettura ci sono ancora molte domande a cui dar risposta. 
Per mio gusto personale, la storia è un po' troppo young, il tipo di mondo parallelo immaginario mi da proprio l'idea di lettura per ragazzi, infatti per i giovani lettori credo che sia una lettura ideale ed entusiasmante, specialmente viste le varie (e in certi casi simpatiche) creature che compaiono. 
La mia preferita di questa serie resta Matilda, un'eroina molto simpatica, coraggiosa, a volte troppo impulsiva e che blatera a non finire. Lei fa amicizia facilmente con tutti, mortali e creature dell'altro mondo.  Di lei c'è sicuramente altro da scoprire e sto ancora cercando di capire come sia collegata a quel mondo... qualcosa deve esserci sotto per forza! 
Nella trama è sempre presente un po' di romanticismo, Matilda e Quinn in questo volume chiariscono quel che provano, ma non c'è dello spicy, è tutto molto soft. 
La penna della Gier è scorrevole e ricca di immaginazione, quindi se avete voglia di leggere una storia con giovani protagonisti e strani mondi paralleli fateci un pensierino. 

Punto di vista:  prima persona, alternato 
Sensualità: qualche bacio
Caratteristiche:  fantasy, young adult, misteri e dimensione parallela
Stile narrativo:  scorrevole, semplice 
Tipo di finale:  aperto
Voto: 3.5 stelle



Ringrazio Corbaccio per la copia del romanzo 

Nessun commento

Se ti è piaciuto il post condividilo!
E se ti va, lascia un commento!