lunedì 30 settembre 2019

Recensione: La storia che volevamo di Marion Seals


La storia che volevamo
di Marion Seals

Editore: Hope Edizioni
Data di uscita: 25 Settembre 2019


Trama
“Io avevo un unico obiettivo: giocare a football. Ero grosso e cattivo, veloce e coordinato, intelligente e determinato. Ecco perché risultavo un vincente, perché non permettevo a niente e a nessuno di ostacolarmi.”

La cosa che Gregory “Ego” Madden desidera di più nella vita è vincere il campionato con i California Bears, diventare il più famoso wide receiver della storia e riscattare un passato da emarginato. Il suo innato talento potrebbe garantirgli un futuro di successo e denaro, se solo fosse capace di controllare la rabbia che lo divora.

“Io ero strana, non sapevo socializzare, ma ero brava in ciò che facevo, io non ero spazzatura, lo avevo dimostrato a loro e a me stessa, soprattutto. Il fatto che non lo urlassi al mondo, che non lo esprimessi con rabbia e aggressività, non significava che fosse meno vero.”

La cosa che Dawn Riddle desidera di più nella vita è laurearsi e poi specializzarsi in Paleontologia. Ha sempre preferito la compagnia dei libri a quella dei suoi coetanei e ha potuto frequentare l’università solo grazie a una borsa di studio. Nella sua vita, segnata dal dolore e dalle rinunce, non c’è spazio per niente altro.
Solo tra le braccia del buio, la luce risplende. 
Questa è la storia del loro incontro.

La mia opinione


Finalmente anche Marion Seals ha scritto un romance new adult! Uno di quelli con ambientazione universitaria, uno sportivo per protagonista e persino dotato di un epilogo con tutti i fronzoli come piace a me! 
Nonostante i cliché tipici del genere new adult, l'autrice è riuscita però a rendere unica questa storia, soprattutto grazie alla particolarità che contraddistingue la protagonista femminile.
Dawn ed Ego, entrambi narratori in prima persona a capitoli alterni, sono due studenti dell'università californiana Berkeley.
Dawn frequenta il college grazie ad una borsa di studio, è una ragazza molto studiosa e impegnata a perseguire i propri progetti e sogna di diventare una paleontologa. 
La sua vita sociale è praticamente inesistente ed ha una sola amica stretta che condivide la sua stessa passione per i fossili, ma allo stesso tempo è una persona che non si può fare a meno di notare viste le sue caratteristiche fisiche. Attraverso Dawn, l'autrice affronta il tema dell'albinismo e devo dire che mi ha fatto scoprire alcuni aspetti che prima ignoravo. Questa peculiarità della protagonista mi ha colpita, è stata una novità, quello che invece mi immaginavo erano gli atti di bullismo da parte della gente stupida.
Gregory “Ego” Madden è un giocatore di football dei Bears, un ragazzo massiccio, intimidatorio e molto popolare, anche per il suo caratteraccio e la sua stronzaggine. 
Tenuto d'occhio dai Giants, squadra dove sogna di giocare, per non mettere a rischio il suo ingaggio è costretto a rigare dritto e far vedere che è cambiato. 
Ego fugge dalle brave ragazze e non si lega mai a nessuno, se non per un tornaconto personale. Dawn è una brava ragazza, innocente e indifesa, lui è il lupo che incrocia la sua strada. 
La loro storia è stata sviluppata in una maniera intrigante, dolce e sensuale.
Spesso avrei voluto strozzare Ego mentre leggevo i capitoli dal suo POV,  tuttavia sapevo che si stava fregando da solo e che era questione di tempo perché lo capisse anche lui. Ho avuto un rapporto di odio-amore con lui, ma i personaggi così complessi risultano spesso i più interessanti da leggere. 
Dawn invece mi è piaciuta sempre, è una dolce fatina, ne ha passate tante ma ha sempre trovato la forza di rialzarsi. 
Entrambi i protagonisti hanno un passato difficile alle spalle, dei trascorsi di cui non parlano e che tengono ben chiusi a chiave, ma l'autrice ci lascia degli indizi ogni tanto attraverso qualche capitolo flashback. Ho trovato questi tasselli necessari per comprendere meglio Dawn, Ego e diverse loro reazioni. 
La penna di Marion Seals si conferma molto scorrevole, emozionante ed attenta ai dettagli. Lei se non sforna almeno 400/500 pagine non è contenta, ma io le divoro sempre e comunque in fretta.   
La storia che volevamo è un romance intenso, dolce e sexy che tiene con il fiato in sospeso fino alla fine! Un epilogo così ce lo meritavamo proprio a questo giro, brava Marion! Assolutamente consigliato a tutte le amanti dei new adult!

Punto di vista: prima persona alternato di Dawn e Ego
Sensualità: scene hot presenti
Caratteristiche: universitario, sportivo, tematiche delicate presenti, dolce, sexy
Stile narrativo: scorrevole, avvincente
Tipo di finale: auto-conclusivo con doppio epilogo!


Ringrazio la Hope edizioni per la copia ARC del romanzo

LE USCITE DELLA SETTIMANA dal 30 Settembre al 6 Ottobre 2019


Buon inizio settimana a tutte!
Nuovo appuntamento del lunedì con il riepilogo delle uscite più attese dei nostri generi preferiti.


Le uscite in libreria e in ebook dal 30 Settembre al 6 Ottobre 2019

Bacio reale
di Emma Chase 
(Royally series #4)  
Editore: Newton Compton Editori
Data di uscita ebook: 01/10/2019
Cartaceo: 03/10/2019
Su Amazon: https://amzn.to/2lGa7ip


La principessa Lenora Celeste Beatrice Arabella Pembrook non ha avuto un’infanzia facile. Fin da piccola, infatti, è stata educata per diventare regina. La prima regina di Wessco. Ed è stata incoronata a soli diciannove anni. Grazie al suo fascino, alla sua intelligenza e alla sua autorevolezza, la giovane età non è mai stata un problema. Con una sola eccezione. I suoi consiglieri e l’intero Parlamento, infatti, premono perché si sposi al più presto. E nonostante Lenora non abbia la minima voglia di lanciarsi tra le braccia di un uomo che la desidera solo per il suo ruolo, sa bene che regnare comporta degli obblighi. Anni prima, Edward Langdon Richard Dorian Rourke ha detto addio al suo titolo nobiliare e al suo Paese. Adesso la sua è una vita avventurosa: scala montagne, esplora foreste, assaporando e godendo di ogni istante di libertà. Almeno finché il senso del dovere non lo riporta a casa. Quello che Lenora e Edward non immaginano è che tra i muri di pietra del palazzo reale sta per accadere qualcosa che potrà cambiare per sempre il destino della monarchia. E le loro vite… 
Un' ultima notte ancora
di Samantha Towle
(Revved #2) 
Editore: Newton Compton Editori
Data di uscita: 03/10/2019  
Su Amazon: https://amzn.to/2neYorB


India Harris non ha avuto una vita facile. Lei e suo fratello Kit sono cresciuti passando da un affidamento all’altro, potendo contare solo sul loro legame. Durante una relazione con l’uomo sbagliato India è rimasta incinta. Decisa a dare a suo figlio la vita che lei non ha mai avuto, si è diplomata con il massimo dei voti. Adesso ha trent’anni ed è una stimata terapista. Leandro Silva era un pilota di Formula Uno sulla cresta dell’onda. Ma, quando un terribile incidente lo ha portato a sfiorare la morte, tutto è cambiato. Dopo dodici mesi di riabilitazione, infatti, il suo corpo è tornato quello di un tempo, ma la testa è altrove. Frustrato e arrabbiato, Leandro annega i suoi demoni nell’alcol. Se non riuscirà a tornare in pista perderà tutto quello che ha faticosamente costruito. E così si ritrova, suo malgrado, in terapia. Nell’ufficio della dottoressa India Harris. Complicare il loro rapporto professionale con un’inspiegabile attrazione non faceva parte dei piani. Ma che succede quando è sbagliato amare la persona giusta?

venerdì 27 settembre 2019

Recensione: Ricominciare a Gansett Island di Marie Force


Ricominciare a Gansett Island
di Marie Force
(Gansett Island #2)

Editore: Quixote Edizioni 
Data di uscita: 3 settembre 2019

Trama
Per lei è come il suo quinto fratello maggiore, ma i sentimenti che prova per lui sono ben lontani dall’essere platonici.
Joe Cantrell, proprietario della compagnia di traghetti di Gansett Island, è innamorato di Janey McCharty da quando ha memoria.
Janey, invece, sin da ragazzina ha frequentato e poi si è fidanzata con il medico tirocinante David Lawrence.
Quando le cose tra David e Janey finiscono terribilmente male, lei chiama il suo “quinto fratello”, Joe, una delle persone a lei più vicine, che vive sulla terraferma. Janey decide che passare qualche giorno con Joe è proprio quello di cui ha bisogno, prima di tornare sull’isola e affrontare la sua famiglia e i suoi genitori, per dire loro della fine del suo fidanzamento.
Per Joe era già abbastanza duro amare Janey in segreto, ma averla in casa con sé è una vera tortura. Approfitterà della situazione, per mostrarle quello che potrebbero avere insieme? E cosa avrà da dire al riguardo Mac, il migliore amico di Joe, nonché protettivo fratello maggiore di Janey?

La mia opinione

Siamo finalmente tornati a Gansett Island!! Mi è mancata moltissimo l'atmosfera che si respira su questa isola. Ogni volta è come tornare a casa, anzi, è meglio, è come essere in famiglia! 
Gli uomini della Force sono tra i personaggi maschili più belli del romance. Loro hanno tutte le caratteristiche che mi piace trovare in un uomo, sono forti e decisi, ma anche tanto dolci e romantici e, quando trovano la donna della loro vita, non hanno nessuna paura di dimostrarle il loro amore. Mettendola sempre al primo posto, sono in grado di andare contro tutto e tutti per lei, esattamente come Joe.
Lui ama Janey da sempre. Ma per lei Joe è come un fratello, non ha mai pensato a lui come a qualcosa di diverso. Per 13 anni Joe l'ha guardata innamorarsi di un'altra persona, progettare il futuro assieme a lui e rinunciare a tutti i suoi sogni in nome di questo amore. Ma nel momento del bisogno, quando questo amore si è rivelato essere solo un bluff, è a Joe che Janey pensa per primo. Perché in cuor suo ha sempre saputo che per lei Joe ci sarà. Inizia così, da un evento che realmente spezzerà il cuore di Janey e distruggerà tutto il suo futuro, una delle storie d'amore più belle, dolci e romantiche che ho avuto la fortuna di leggere negli ultimi tempi!
La storia d'amore tra Joe e Janey non è per niente scontata o banale. 
Da che ha memoria Joe la ama, ma, dal momento in cui Janey si rende conto di questo, inizia a vederlo sotto altri occhi. E poco alla volta si rende conto di tutto quello che Joe ha sempre fatto per lei. Lui è sempre stata una figura costante nella sua vita, quando aveva bisogno di lui, Joe era li. Ma ora Janey, proprio perché ha visto tutta la vita che conosceva andare in fumo, non sa bene come gestire questa nuova realtà. Ma l'amore che Joe nutre per lei è davvero enorme e non permetterà che gli sfugga di mano.
Questo libro mi è piaciuto più del primo perché, conoscendo già i personaggi e le dinamiche, tutto è più intimo e familiare. Ho adorato poter vedere, oltre all'evolversi della storia principale tra Joe e Janey, come prosegue la vita di Mac e Maddie. Non essendoci stato un vero epilogo alla fine del loro libro, in questo libro possiamo vedere e partecipare ai preparativi del loro matrimonio e assistere a come Mac, Maddie e Thomas diventino finalmente una vera famiglia! In più, e in questo la Force è strepitosa, ci presenta in un modo davvero molto stuzzicante la coppia protagonista del prossimo libro, che si preannuncia decisamente tormentato. 
La Force ha uno stile di scrittura unico, riesce a catturare l'attenzione del lettore con una storia semplice. Una storia basata sull'amore e non solo del tipo romantico, ma amore in senso generale. Mentre leggevo questo libro, tanta è la bravura di questa autrice, mi sarebbe bastato chiudere gli occhi e, senza nessuna difficoltà, mi sarei ritrovata a Gansett Island, con il profumo del mare, il rumore delle onde e della vita sull'isola. Non avrei avuto nessun problema ad immaginare il traghetto che fa la spola tra la terra ferma e l'isola con Joe al suo comando. Perché i libri della Force sono anche questo, sono reali.
In questa storia c'è davvero tutto quello che dovrebbe esserci in un romance: lacrime, dolore, risate e tanto, tanto amore. 
Con un vero epilogo alla fine sarebbe stato perfetto ma, per vedere come prosegue la vita di queste coppie, dovrò attendere il prossimo capitolo. Spero che arrivi molto presto, perché inizio già ad avere nostalgia di Gansett Island e dei suoi abitanti!

Punto di vista: terza persona
Sensualità: scene di sesso presenti
Caratteristiche: appassionante, divertente, romantico
Stile narrativo: fluido, accattivante
Tipo di finale: auto-conclusivo


Ringrazio la Quixote edizioni per la copia ARC del romanzo

giovedì 26 settembre 2019

Recensione: Legati dall'Onore di Cora Reilly

Legati dall'Onore
di Cora Reilly
(Born in Blood Mafia Chronicles Series #1)

Editore: Hope edizioni
Data di uscita ebook: 12/09/2019
Cartaceo: 26/09/2019


Trama

Nata in una delle principali famiglie mafiose di Chicago, Aria Scuderi fatica a trovare la sua strada in un mondo in cui non c’è nessuna possibilità di scelta.
Aria aveva solo quindici anni quando i suoi genitori l’hanno promessa a Luca “la Morsa” Vitiello, il figlio maggiore del Capo della mafia di New York, per assicurare la pace tra le due famiglie. Ora che lei è diciottenne, il giorno che ha temuto per anni, quello del matrimonio con Luca, si sta avvicinando minaccioso. Aria è terrorizzata all’idea di sposare un uomo che conosce a malapena, soprattutto uno che ha ottenuto il soprannome la Morsa per aver strangolato una persona a mani nude. Luca potrà anche essere uno degli uomini più ricercati di New York, grazie al suo bell’aspetto, alla ricchezza e al carisma da predatore che irradia potere, ma le ragazze dell’alta società che si gettano ai suoi piedi non sanno ciò che Aria sa: la sua nomea di cattivo ragazzo non è solo un gioco, perché sangue e morte si annidano dietro gli affascinanti occhi grigi e l’arrogante sorriso di Luca. Nel mondo di Aria, un bell’aspetto esteriore spesso nasconde un mostro all’interno; un mostro che può tanto facilmente ucciderti quanto baciarti.
L’unico modo per sfuggire al matrimonio sarebbe scappare e lasciarsi tutto alle spalle, ma Aria non riesce a sopportare il pensiero di non rivedere mai più la sua famiglia. Nonostante la paura, decide di procedere con il matrimonio. Aria è cresciuta tra predatori come Luca e sa che persino i più freddi bastardi hanno un cuore, e lei ha tutte le intenzioni di farsi strada in quello di Luca.

La mia opinione


“Legati dall’onore” è il primo romanzo della serie “Mafia Chronicles” di Cora Reilly.
La famiglia Scuderi è la più prestigiosa famiglia mafiosa della città di Chicago. 
I nemici e le minacce sono all’ordine del giorno, ma la famiglia Scuderi può contare anche su molte alleanze. L’onore e la lealtà vengono sempre al primo posto; i sentimenti non hanno alcuna importanza. 
Aria Scuderi, la figlia maggiore, ha soltanto 15 anni quando viene promessa in sposa a Luca Vitiello (detto “La Morsa”), membro della mafia di New York. 
La giovane Aria non ha mai visto Luca (di lui sa soltanto che è un donnaiolo e che ha ucciso un uomo a mani nude),  ma è costretta ad accettare questo matrimonio. 
È pronta a sacrificarsi per il bene della sua famiglia. 
“Legati dall’onore” è un romanzo complesso, dove la vera protagonista è la mafia: non mancano patti, tradizioni, onore e regolazione di conti.
Ho trovato Aria un personaggio con poco carattere: ha avuto soltanto alcuni sprazzi di ribellione in diverse situazioni, ma generalmente, non ha fatto altro che sottomettersi passivamente a tutto ciò che le veniva detto di fare. 
Ovvio, non che avesse avuto molta scelta, ma sinceramente avrei preferito vederla un po’ più grintosa.  
Tuttavia, il suo personaggio rappresenta perfettamente una figlia docile e fedele alla sua famiglia mafiosa, quindi non mi sento di metterla nella mia lista nera. 
Luca Vitiello mi ha, invece, rubato il cuore. Certo, in alcuni momenti avrei voluto ucciderlo, ma, in generale, l’ho trovato un vero protagonista degno di un mafia-romance: sexy, intrigante, crudele quanto basta. Promosso!
Ho adorato tutti i personaggi secondari che compongono le due famiglie: fortunatamente, i prossimi romanzi riguarderanno anche loro ed io sono davvero contentissima! 
Gianna, la sorella di Aria,  è stata in assoluto la mia preferita. 
Lo stile di scrittura di Cora Reilly è davvero piacevole, coinvolgente e pieno di dettagli. Forse avrei diminuito le scene “hot” (il libro ne è pieno!), ma ammetto che, alla fine, non mi sono mai annoiata.
Che dirvi di più?! “Legati dall’onore” è un mafia-romance con la M maiuscola, che ha tutti gli elementi per appassionare e coinvolgere. 
Se vi piace il genere, ci stra-consiglio questo libro!!


Punto di vista: prima persona di Aria
Sensualità: molte scene hot!
Caratteristiche: mafia-romance, passionale, coinvolgente
Stile narrativo: piacevole e dettagliato
Tipo di finale: conclusivo per la coppia 
 



Ringrazio Hope edizioni per la copia ARC del romanzo

mercoledì 25 settembre 2019

Recensione: Tutto l'amore che voglio di Corinne Michaels


Tutto l'amore che voglio
di Corinne Michaels
(The Belonging duet #1)

Editore: Always Publishing 
Data di uscita: 19 settembre 2019

Trama
Catherine Pope ha una sorte terribile in fatto di uomini; a cominciare da suo padre, fino ad arrivare al suo ex-fidanzato, che l’ha tradita poco prima delle nozze, ogni uomo della sua vita l’ha fatta sentire
insignificante, immeritevole di essere amata davvero. E così, quando i suoi sentimenti per la seconda volta vengono traditi e calpestati, non le resta che altra scelta che sollevare delle alte mura intorno al suo cuore, per non permettere mai più a qualcuno di entrarci.
Fino a che Catherine non inciampa letteralmente in Jackson; si tratta solo di un incontro fortuito, ma il destino si diverte a rimettere questo magnetico sconosciuto sulla sua strada.
Da ex Navy-Seals, Jackson è un uomo abituato a combattere con tutte le sue risorse e, complice la bruciante chimica che nasce tra loro, riuscirà facilmente ad abbattere le difese di Catherine. Ma solo per trovarsi davanti a mura più alte, fatte di dubbio e di paura.
Jackson e Catherine sono due anime danneggiate, insieme trovano conforto e sollievo, ma riusciranno anche a trovare la forza di perdonarsi e ricominciare ad amare?

La mia opinione

Catherine è davvero sfortunata con gli uomini. Prima con suo padre che l'ha abbandonata quando era ancora una bambina, poi con il suo fidanzato che la tradisce con quella che lei considerava un'amica, pochi mesi prima del matrimonio. Decisa a non avere assolutamente più a che fare con gli uomini, una sera inciampa letteralmente in un uomo. Dopo aver rifiutato di sedersi al suo tavolo con i suoi amici, nonostante la scossa che ha sentito appena lui l'ha toccata, è convinta che questo non sarà altro che uno di quegli incontri casuali destinati a non ripetersi. Ma il destino ha altre intenzioni per loro. Perché Jackson, l'uomo del mistero, non è altro che l'AD della nuova società che ha assunto Catherine per curarne la campagna pubblicitaria. 
Jackson e Catherine non credono ai loro occhi quando si rendono conto chi hanno davanti ma, mentre per Catherine è una specie di incubo, per Jackson diventa una sfida riuscire a far capitolare quella bellissima donna che gli è caduta in braccio una sera in un bar e che non credeva di rivedere mai più.
Inizia così un lento e sfacciato corteggiamento da parte di Jackson, perché lui è abituato ad avere sempre quello che vuole, e non si accontenterà mai di un no come risposta!
Ma non è solo Catherine ad avere un passato pesante alle spalle. Jackson era un Seal, e la sua vita non è stata facile. Quando Catherine “inciampa” nella sua vita, qualcosa dentro di lui cambia.
Mi piacciono molto i personaggi come Jackson, forti e determinati, ma anche dolci. Con dei modi un po' da cavernicolo che danno sui nervi alle protagoniste femminili, ma che invece a me fanno sorridere.
Conoscevo già lo stile di questa autrice, fluido e incalzante. Di certo non ci si annoia mai a leggere i libri della Micheals, perché con i suoi finali o meglio i suoi “non-finali” ti lascia sempre con il fiato sospeso e, per chi come me odia i libri “broccolo”, con un principio di gastrite da non sottovalutare! Nonostante questo, leggere questa storia mi è piaciuto molto. L'alchimia che fin da subito si è instaurata tra i protagonisti è vera e tangibile. Le loro scaramucce sono veramente simpatiche e Jackson è una vera canaglia, di quelle che un attimo prima ti fanno imbestialire e quello dopo sciogliere. Mentre Catherine è una donna che, nonostante la vita l'abbia davvero presa a pesci in faccia, non ha esitato un momento e riprendere in mano le redini e andare avanti senza poi guardarsi indietro. Mi sono piaciute moltissimo le scene con il suo ex, ha saputo tenergli testa e non si è fatta intimorire!! 
E mi sono anche un po' commossa per com'è stato gestito il ruolo di suo padre, la Micheals è stata davvero brava e ha reso il dolore provato da Catherine e da suo padre talmente bene, che la vista in determinate situazioni si è appannata. 
Unica pecca, a parte il finale broccolo che essendo un duetto avrei dovuto intuire, è che sia Jackson che Catherine sono davvero due testoni, forse troppo!! Lui l'ha rincorsa per tutto il libro e lei non ha mai voluto farsi prendere. Quando lei era pronta a farsi acchiappare, quello a mischiare nuovamente le carte in tavola è stato lui. Avrei preferito un tira e molla un po' più corto ma, probabilmente, non avrebbe avuto lo stesso impatto sulla storia.
Ora non mi resta che attendere il secondo capitolo di questa storia, perché questo “non-finale” è decisamente tosto da mandar giù, l'unica cosa che mi consola è che, conoscendo la Michaels, la storia tra Jackson e Catherine finirà nel modo migliore, anche se ci sarà ancora da penare!!!

Punto di vista: quasi interamente dal POV di Catherine
Sensualità: scene di sesso presenti
Caratteristiche: appassionante, intenso
Stile narrativo: fluido, accattivante, intrigante
Tipo di finale: decisamente troppo broccolo!!!


Ringrazio la Always Publishing per la copia ARC del romanzo

martedì 24 settembre 2019

Recensione: Il Re Malvagio di Holly Black



Il Re Malvagio
di Holly Black
(The Folk of the Air #2)

Editore: Mondadori
Data di uscita: 24 settembre 2019

Trama
Per tenere al sicuro il fratello più piccolo, Jude è stata costretta a legare a sé Cardan, il re malvagio, mettendogli a disposizione, in cambio, il proprio potere, indispensabile per mantenere saldo il trono.
Ma per la ragazza la convivenza con lui non è affatto semplice, visto che alla già difficile situazione della corte, dove le alleanze sono tutto tranne che stabili, si somma l’estrema imprevedibilità di Cardan. Quest’ultimo, infatti, incapace di liberarsi della fascinazione che prova per Jude, fa di tutto per umiliarla e comprometterne la credibilità.
Inoltre, qualcuno di molto vicino alla ragazza sta per tradirla, minacciando la sua vita e quella di chiunque lei ami.
Venuta a conoscenza del pericolo imminente, Jude, sempre in lotta coi suoi sentimenti per Cardan, si lancia alla ricerca del traditore…

La mia opinione

Il suo odio nei miei confronti è tale che farà qualsiasi cosa in suo potere per provocarmi. E in quanto a provocazione è un vero maestro.
Vorrei dire che mi ha sempre odiata, ma per un breve, curioso periodo di tempo, è come se ci fossimo capiti, o addirittura piaciuti. Insieme formiamo una strana alleanza, cominciata con la mia spada puntata alla sua gola e finita con l’essermi conquistata la sua fiducia al punto che si è affidato a me. Una fiducia che io ho tradito.


Il Re Malvagio è il secondo volume della serie fantasy fatata The Folk of the Air di Holly Black e io lo aspettavo con ansia! 
La narrazione, ancora una volta completamente in prima persona dal punto di vista di Jude, è ambienta inizialmente cinque mesi dopo la conclusione del primo volume. 
Sono passati quindi alcuni mesi da quando Cardan è salito al trono della Terra degli Elfi con Jude come siniscalco. Ma Jude non è soltanto la consigliera del nuovo Re, in realtà è lei a muovere tutti i fili visto che per per un anno e un giorno Cardan è costretto ad obbedire ad ogni suo ordine. 

Dovrei essere il consigliere più fidato del Sommo Re Cardan e così interpreto quella parte invece del mio ruolo vero: il burattinaio dietro le quinte che ha il potere di costringerlo all’ubbidienza se mai dovesse cercare di contrastarmi.


Jude è una protagonista divisa tra l'amore per la propria famiglia, un'attrazione che non vorrebbe provare e la sete di potere. È una ragazza astuta ed impavida, sembra essere sempre un passo avanti, ma non sempre le cose vanno come vorrebbe. 
Cardan è un antieroe, Il Re Malvagio è un titolo perfetto per questa parte della saga e gli calza a pennello, è un personaggio che affascina e che si cerca in qualche modo di inquadrare. Non so voi, ma io ho sentito molto la mancanza di qualche capitolo dal suo punto di vista. 
Le scene di odio-attrazione tra Cardan e Jude sono sempre tra le mie preferite, ci danno qualche soddisfazione, ma ci fanno anche ammattire. Mi sono fatta diversi castelli per aria, ma me li hanno distrutti in fretta.


C’è veramente qualcosa di sbagliato in me, per desiderare ciò che odio, per volere qualcuno che mi disprezza, anche se mi vuole. L’unica cosa che mi conforta è che non sa cosa provo.

La fiducia è un tema ricorrente in questa serie, per tutto questo secondo libro Jude si ripete nella mente un avvertimento che le viene dato al'inizio: “Qualcuno di cui ti fidi ti ha già tradito”. Scena dopo scena, io  stessa continuavo a ipotizzare chi potesse averla tradita. Il padre? Una delle sue sorelle? Qualche spia della Corte delle Ombre?
La Black mi ha fatto dubitare un po' di tutti, con questa serie non ci è andata piano in quanto a colpi di scena, macchinazioni e tradimenti. Non si può certo definirla una saga scontata, anzi. 
Confesso che all'inizio ho arrancato un po' e ho trovato i primi capitoli un po' lenti, ma avevo bisogno del tempo necessario per tornare completamente con la mente nel Mondo Magico visto che era passato praticamente un anno dall'uscita del primo libro. Quando poi la narrazione entra nel vivo tutto scorre e quasi non ci si accorge di essere già arrivati alla fine. 

Il finale mi ha decisamente amareggiato, non me lo aspettavo. Holly Black vuole proprio farmi saltare tutti i nervi! Spero che la situazione che si è venuta a creare non prenda una brutta piega nel prossimo volume della serie, quel che è certo è che DEVO sapere al più presto cosa succederà!

Punto di vista: prima persona di Jude
Sensualità: velata
Caratteristiche: fantasy, mondo magico, intrighi di corte, tradimenti, lotte di potere
Stile narrativo: scorrevole
Tipo di finale: apertissimo! 



Ringrazio Mondadori per la copia ARC del romanzo.

lunedì 23 settembre 2019

Prossima uscita: Non guardarmi così di Roni Loren

In uscita ad ottobre Non guardarmi così di Roni Loren, il primo romanzo della serie contemporary romance The Ones Who Got Away. Ogni volume ha protagonisti principali diversi.

Non guardarmi così
di Roni Loren
Editore: Newton Compton Editori
Data di uscita: 10/10/2019

Trama
Sono passati dodici anni dalla mattina in cui tutto è cambiato per i ragazzi dell’ultimo anno al liceo di Long Acre. I pochi superstiti sono stati soprannominati dalla stampa “i sopravvissuti”. Liv Arias non avrebbe mai pensato di fare ritorno a Long Acre dopo quello che era successo. Ma quando i produttori le chiedono di partecipare a un documentario su quegli eventi, Liv non riesce a dire di no. E così parte per il luogo in cui hanno sede tutti i suoi incubi, terrorizzata all’idea di rivivere quei ricordi. Anche gli altri “sopravvissuti” sono tornati. E tra loro c’è Finn Dorsey, il primo amore di Liv. Scoprire di provare ancora un’attrazione bruciante per lui non era previsto. Anche se Finn è molto diverso dall’affascinante giocatore di football di un tempo: la sua faccia si è indurita e nei suoi occhi verdi non c’è più la minima traccia di innocenza. Ritrovarsi sempre più vicini significa riaprire vecchie ferite, ma forse fidarsi l’uno dell’altra è l’unico modo per recuperare il coraggio di vivere.

cover originale

La serie The Ones Who Got Away è composta da:
1. The Ones Who Got Away (Non guardarmi così)
2. The One You Can't Forget
3. The One You Fight For
4. The One for You

L'Autrice
Roni Loren ha scritto il suo primo romanzo d’amore all’età di quindici anni, quando ha scoperto che scrivere di ragazzi era molto più facile che parlare con loro. Da allora, le sue capacità di flirtare non sono migliorate, ma le piace pensare che quella di raccontare storie lo sia. Ha lavorato per anni come consulente per la salute mentale, ma ora si dedica alla scrittura a tempo pieno. È stata due volte vincitrice del RITA Award e autrice bestseller del «New York Times» e di «USA Today».


Recensione: Sei di Corvi. GrishaVerse di Leigh Bardugo



Sei di Corvi. GrishaVerse
di Leigh Bardugo
(Six of Crows #1)

Editore: Mondadori 
Data di uscita: 24 settembre 2019

Trama
A Ketterdam, vivace centro di scambi commerciali internazionali, non c'è niente che non possa essere comprato e nessuno lo sa meglio di Kaz Brekker, cresciuto nei vicoli bui e dannati del Barile, la zona più malfamata della città, un ricettacolo di sporcizia, vizi e violenza. Kaz, detto anche Manisporche, è un ladro spietato, bugiardo e senza un grammo di coscienza che si muove con disinvoltura tra bische clandestine, traffici illeciti e bordelli, con indosso gli immancabili guanti di pelle nera e un bastone decorato con una testa di corvo. Uno che, nonostante la giovane età, tutti hanno imparato a temere e rispettare.
Un giorno Brekker viene avvicinato da uno dei più ricchi e potenti mercanti della città e gli viene offerta una ricompensa esorbitante a patto che riesca a liberare lo scienziato Bo Yul-Bayur dalla leggendaria Corte di Ghiaccio, una fortezza considerata da tutti inespugnabile. Una missione impossibile che Kaz non è in grado di affrontare da solo. Assoldati i cinque compagni di avventura - un detenuto con sete di vendetta, un tiratore scelto col vizio del gioco, uno scappato di casa con un passato da privilegiato, una spia che tutti chiamano lo "Spettro", una ragazza dotata di poteri magici -, ladri e delinquenti con capacità fuori dal comune e così disperati da non tirarsi indietro nemmeno davanti alla possibilità concreta di non fare più ritorno a casa, Kaz è pronto a tentare l'ambizioso quanto azzardato colpo. Per riuscirci, però, lui e i suoi compagni dovranno imparare a lavorare in squadra e a fidarsi l'uno dell'altro, perché il loro potenziale può sì condurli a compiere grandi cose, ma anche provocare grossi danni...
Finalmente arriva in Italia il primo romanzo della duologia che ha consacrato Leigh Bardugo come una delle voci più talentuose e autorevoli della narrativa fantasy. Una serie ambientata in un mondo articolato e straordinario, il GrishaVerse, dove si muovono personaggi sapientemente costruiti e sfaccettati. Una storia avventurosa ricca di colpi di scena che vi mancherà nell'istante stesso in cui avrete letto l'ultima pagina.

La mia opinione

Six of Crows, Sei di Corvi, sembra il nome di una carta da gioco in una partita di poker.
Ci andiamo molto vicino, perché in questo libro si dipana una trama intricata fatta di bluff, scommesse, trucchi e assi nella manica, in cui l’astuzia e l’abilità nelle truffe e nei giochi di prestigio è l’unica cosa che può evitare una morte certa.
Sei protagonisti, ognuno con un’abilità ineguagliabile e un passato tormentato alle spalle, e pure la prospettiva un futuro ancora più cupo in agguato.
Fino a quando non arriva l’occasione di una vita, poter diventare finalmente ricchi e ottenere tutto ciò che vogliono: salvare uno scienziato Shu catturato dai Fjerdiani e portato nella Corte di Ghiaccio, una fortezza che non è mai stata violata al centro della loro capitale, Djerholm. Poco importa se il colpo pare impossibile, o se questo scienziato ha trovato il modo di rendere i Grisha ancora più potenti e inarrestabili, un’armata che ogni nazione desidererebbe e che ucciderebbero per ottenere, il premio in palio è troppo allettante per farselo sfuggire. Devono solo sopravvivere abbastanza a lungo da ottenere la loro ricompensa (e spenderla).

La storia si svolge nella città immaginaria di Ketterdam, nello stesso mondo in cui è ambientata la trilogia Grisha e un paio di anni dopo la fine di quest’ultima.
Ketterdam è vagamente ricalcata sull’immagine di una Amsterdam del XIX secolo, florida grazie alla neutralità dello stato di Kerch e agli incessanti scambi commerciali con le altre nazioni. È una città tetra, in cui l’odore del porto, dei canali e dell’umidità prevale su tutto il resto, in cui l’unica cosa che conta è il denaro e come ottenerne di più, e non sempre in modo lecito. Sotto la patina lucente del mondo degli affari, si nasconde una fitta rete di bassifondi fatta di gang rivali che si contendono la supremazia su un territorio e il diritto di “spennare i polli” dei loro quattrini.

È in una di queste gang, Gli Scarti, che troviamo i nostri protagonisti.
Un giocatore d’azzardo, un detenuto, un figlio ribelle, una Grisha smarrita, 
una ragazza Suli che era diventata un’assassina, 
un ragazzo del Barile che era diventato qualcosa di peggio.
Kaz ha dovuto imparare fin da piccolo che, per sopravvivere in questa città, la pietà non è ammessa. Con la sua mente brillante e la sua abilità nei raggiri si è guadagnato presto una reputazione tra i malviventi, e lui stesso alimenta l’alone di mistero e terrore che lo circonda.
Inej è la sua spia, Lo Spettro. Un tempo acrobata Suli nelle terre di Ravkan e poi catturata per essere venduta a un bordello di Ketterdam, Inej è ora una componente fondamentale della gang, più silenziosa di un gatto e assolutamente letale con i suoi pugnali, anche se prega perdono per ogni vita che toglie.
Jesper è infallibile con le pistole, ma ha le mani bucate. La sua più grande debolezza è il gioco d’azzardo e ha debiti fin sopra la testa. Irrequieto, sembra trovare la pace solo quando è in mezzo a una sparatoria.
Nina è una Grisha Spaccacuore, ex membro della Seconda Armata di Ravka, che ora si guadagna da vivere usando i suoi poteri. Ma l’unico motivo per cui ancora rimane a Ketterdam è per tirare fuori di galera Matthias, dopo che lei stessa lo ha fatto finire dentro.
Matthias proviene dal regno di Fjerda, in cui i Grisha vengono considerati streghe e condannati a morte. Superstizioso ma onorevole, è stato indurito dalla permanenza in prigione e il suo odio per i Grisha non ha fatto che aumentare.
Wylan è un ragazzo fuggito da casa, ancora troppo innocente per questo mondo. Ma la sua abilità con gli esplosivi e la sua identità lo rendono prezioso.

Come nella trilogia antecedente, ritroviamo i Grisha, persone dotate di poteri che chiamano la “piccola scienza” e che sono divisi per categorie:

GRISHA Soldati del Secondo Esercito

Dominatori della Piccola Scienza
1) CORPORALKI
(Ordine dei Vivi e dei Morti)
Spaccacuore
Guaritori
Plasmaforme
2) ETHEREALKI
(Ordine degli Evocatori)
Chiamatempeste
Inferni
Scuotiacque
3) MATERIALKI
(Ordine dei Fabrikator)
Tempratori
Alchemi

Tuttavia, se nel regno di Ravka i Grisha sono dei soldati di grande valore, a Ketterdam vengono tenuti sotto contratti vincolanti, che altro non sono se non una forma legale di schiavitù. Ma poteva finire peggio, potevano di essere bruciati vivi come a Fjerda o sottoposti ad esperimenti scientifici come nelle terre Shu.
Ma se nella trilogia Grisha l’attenzione è posta su una guerra sanguinosa e lo scontro diretto tra bene e male, in Six of Crows l'atmosfera è più un incrocio tra un film di gangster e Ocean’s Eleven, ma con personaggi molto più spietati. È impossibile però non affezionarsi ai protagonisti dopo che, con flashbacks collocati in punti precisi della storia, possiamo vedere i loro trascorsi e cosa li ha resi ciò che sono oggi.
"Non c’era niente in lui che non fosse stato rotto, che non fosse
stato curato nel modo sbagliato, e non c’era niente in lui che non fosse
diventato più forte, dopo essersi rotto"
Tramite i punti di vista di tutti loro (tranne di Wylan che riceverà dei POV solo nel secondo libro) possiamo capire ciò che è reale e ciò che è finzione, cosa li sprona e perché. Ma molto altro è lasciato nascosto al lettore. Come in un gioco di prestigio ben congegnato, veniamo tratti in inganno dai nostri sensi. Quando pensiamo che le cose stiano andando in un certo modo, tutto si ribalta. Veniamo distratti da dettagli di scarsa importanza e non ci accorgiamo di quelli rilevanti fino a quando non si scoprono le carte. Quando pensiamo che tutto stia andando a rotoli, non si tratta altro che di un piano nel piano e una serie di imprese rocambolesche che lasciano con il fiato sospeso. In alcuni punti, lo stupore è talmente grande che è impossibile non ridere per l’ingegnosità dei raggiri.
"Un bravo mago non era molto diverso da un bravo ladro"
Si potrebbe pensare che con così tanti personaggi approfonditi e una trama così intrigata, poco spazio venga lasciato al romanticismo, e a prima vista è proprio così. Le loro vicende hanno lasciato i loro cuori induriti, l’esperienza ha insegnato che non ci si può fidare di nessuno, che non si può mostrare alcuna debolezza se non si vuole diventare vittime, e così anche l’amore rischia di trasformarsi in odio e disprezzo.
"non avrebbe augurato l’amore al suo peggiore nemico: 
era l’ospite che accoglievi a braccia aperte e di cui poi non ti liberavi più."
Ma nemmeno questi sei reietti possono esserne del tutto immuni e leggendo attentamente si vanno a scovare sentimenti molto profondi in un’occhiata o in una parola non detta.

"Una volta tanto c’era il sole, e Inej gli porgeva il viso. 
Teneva gli occhi chiusi, e le lucide ciglia nere le solleticavano le guance. Il vento del porto le aveva sollevato i capelli scuri, e per un attimo Kaz fu di nuovo un
ragazzo, certo che la magia fosse di questo mondo."
Sei personaggi, tre coppie? Forse, si può solo sperare che il loro lieto fine non sia solo denaro e libertà, ma qualcosa di molto più prezioso.
Iniziata la lettura, è impossibile staccarsene. Ci si immerge in questo mondo, tramite una scrittura fluida ed elegante in cui ogni parola ha un peso e una musicalità propria, ma allo stesso tempo le scene sono molto cinematografiche, piene di umorismo e azione. Le emozioni ti scavano dentro e passi dal divertimento, alla commozione o all’addoloramento, il cuore palpita in ansia o in anticipazione e, quando chiudi il libro, ti senti più vivo ma anche più vuoto per aver dovuto abbandonare questi personaggi e sai che, prima o poi, dovrai riprendere in mano questa duologia per farli rivivere.
Per la sua originalità e profondità, certamente lo consiglio a chi vuole buttarsi in una lettura che lo conquisterà anima e corpo.